Insight Article Desktop Banner
 
 
Global Equity Observer
  •  
giugno 28, 2022

Shrinkflation

Insight Video Mobile Banner
 
giugno 28, 2022

Shrinkflation


Global Equity Observer

Shrinkflation

Share Icon

giugno 28, 2022

 
 

All’economista Pippa Malmgren viene attribuito il merito di aver coniato il termine “shrinkflation”, che, nell’uso più comune, indica la decisione di un’azienda di ridurre le dimensioni di un prodotto mantenendone inalterato il prezzo. Un utilizzo meno comune di questo termine può riferirsi alla situazione macroeconomica per la quale l’economia si contrae e allo stesso tempo i prezzi aumentano, meglio conosciuta come stagflazione. In un contesto di tassi e inflazione in aumento, anche i mercati stanno subendo una contrazione in netto contrasto con il costo della vita. Negli Stati Uniti, l’indice dei prezzi al consumo di marzo ha evidenziato un tasso d’inflazione annuo dell’8,5%, il dato più alto da dicembre 1981 a oggi.

 
 
"
La shrinkflation è la soluzione che sempre più spesso viene adottata delle aziende per far fronte all’inflazione: meno strappi nel rotolone, meno misurini per flacone, meno lavaggi per confezione.
 
 
 

Fino a questo momento l’inflazione è stata trainata dalle “cose”, cioè dalla carenza di beni e materie prime in quanto, dopo la crisi del Covid-19, le economie nei mercati sviluppati sono rimbalzate grazie agli effetti congiunti del massiccio intervento governativo e del miracolo dei vaccini. La situazione è stata resa più complicata dall’invasione russa dell’Ucraina che ha causato shock sul lato dell’offerta di beni alimentari e di energia e che potrebbe peggiorare ulteriormente se i continui lockdown dovuti al Covid-19 dovessero impattare la produzione cinese.

L’interrogativo che ci si pone è se l’inflazione si trasferirà dalle “cose” alle “persone”, cioè se si tradurrà in un aumento dei salari in un mercato del lavoro saturo, dove i posti di lavoro sono facili da reperire, ma difficili da collocare. La crescita dei salari negli Stati Uniti ha subito un’accelerazione, arrivando al 5%,1 il valore più alto registrato nell’ultimo secolo, pur mantenendosi al di sotto del tasso di inflazione al consumo che implica un calo dei salari reali. Per le aziende si tratta di una situazione paradossale: se i salari aumentano, rischiano di comprimere i margini, ma se non aumentano, rischiano di ridurre i salari reali e compromettere i consumi e, di conseguenza, il fatturato.

La shrinkflation è la soluzione che sempre più spesso viene adottata delle aziende per far fronte all’inflazione: meno strappi nel rotolone, meno misurini per flacone, meno lavaggi per confezione. Le aziende ridimensionano i prodotti senza diminuire i prezzi, per mantenere o aumentare gli utili e, allo stesso tempo, cercare di gestire il rincaro dei materiali, della manodopera, dell’energia, degli imballaggi e dei trasporti, o per mantenere le quote di mercato data la concorrenza sempre più agguerrita. Il settore dei servizi non è esente dal fenomeno: dopo la pandemia, alcune catene alberghiere hanno reso le pulizie giornaliere delle camere un servizio a richiesta e non sembrano avere alcuna fretta di ripristinare il servizio della prima colazione. In generale i consumatori sono più sensibili al prezzo che al contenuto, di conseguenza il ridimensionamento di una busta ribrandizzata o riconfezionata (in pratica, più piccola) viene percepito non in modo così negativo o viene a malapena notato. Tuttavia, le aziende devono stare attente ai possibili contraccolpi e non possono permettersi di ridimensionare in maniera continuativa i propri prodotti, per non rischiare di perdere la fiducia dei consumatori. In un mondo dominato dai social media e dall’enfasi sull’integrità, come è il 2022, è più probabile che le aziende che si concentrano sulla shrinkflation vengano chiamate a rendere conto del ridimensionamento della loro offerta.

Finora le previsioni sugli utili aziendali si sono rivelate esenti da questi timori. Da inizio anno, le stime degli utili prospettici a 12 mesi dell’indice MSCI World sono aumentate del 6%2 in quanto, per il momento, le aziende beneficiano dell’impatto che l’inflazione sta avendo sui ricavi senza risentirne a livello di margini. In effetti, i margini sull’EBIT3 rimangono a livelli estremamente elevati, avvicinandosi al 17% per l’indice MSCI World, rispetto al picco pre pandemia del 15% e alla media ventennale del 13,4%.2 Questi margini così tirati sono minacciati sia dall’inflazione stessa che da eventuali rallentamenti economici dovuti ai tentativi di contrastare l’inflazione. Un aspetto fondamentale per gli investitori per muoversi in questo contesto è quello di concentrarsi su aziende caratterizzate da fondamentali solidi e da potere di determinazione dei prezzi, ovvero della capacità di trasferire ai consumatori i costi della produzione, che si tratti di “cose” o “personale”.

  • Nel contesto difficile come quello attuale, le aziende che vendono prodotti di prima necessità possono addirittura aumentarne i prezzi. Ad esempio, una multinazionale del nostro portafoglio, operativa nel ramo dei prodotti per l’igiene, ha dichiarato di aver potuto intraprendere un’“azione di prezzo responsabile” (ovvero operare un aumento dei prezzi del 5% nel primo trimestre in tutti i rami di business) grazie al forte brand che la caratterizza. O ancora nel primo trimestre, un produttore olandese di birra, anch’esso nel nostro portafoglio, è riuscito a ottenere un “mix di prezzi” a due cifre, grazie sia alla sua capacità di trasferire i costi ai consumatori sia al ritorno di questi ultimi nei bar e nei ristoranti in Europa. L’esatto contrario avviene con i venditori di prodotti generici (non presenti nel nostro portafoglio) che hanno commesso l’errore di aumentare le scorte degli articoli per la casa in un periodo in cui i consumi post pandemia stanno virando verso il tempo libero e i servizi fuori casa.
  • Anche i modelli di software mission-critical in abbonamento dispongono del potere di determinazione dei prezzi e della capacità di generare ricavi ricorrenti, come ha dimostrato un’azienda tecnologica americana che ha annunciato, a partire dal 1° marzo 2022, l’aumento dei prezzi dei suoi prodotti commerciali . Solitamente questi annunci vengono stemperati facendo riferimento a migliorie e innovazioni, ad esempio l’implementazione di nuovi strumenti di intelligenza artificiale o per aumentare la sicurezza.
  • Le società di pagamenti, che in un contesto inflattivo incassano una percentuale su ogni dollaro generando ricavi senza dover aumentare i prezzi, sono spesso trascurate pur essendo vincenti in tale contesto, senza contare che sono state comunque in grado di aumentare le commissioni per i distributori.
  • Nei settori delle tecnologie mediche e delle scienze biologiche, il mix di prodotti è molto importante e in alcune categorie, come la nutrizione, è più facile effettuare aumenti dei prezzi che in aree più standardizzate. Le aziende che si occupano di forniture mediche e scientifiche beneficiano di una certa protezione, in quanto gli ospedali e gli scienziati continueranno a privilegiare l’affidabilità e la qualità, portando ad un incremento dei costi di sostituzione. Questo vale soprattutto quando i prodotti e i servizi forniti costituiscono una piccola percentuale della base di costo dei clienti.

All’inizio dell’anno nutrivamo forti preoccupazioni sia per gli utili sia per i multipli. Cinque mesi di declassamento hanno attenuato i nostri timori sui multipli, che comunque non sono affatto bassi, in quanto si trovano ancora all’estremità superiore dell’intervallo osservato tra il 2003 e il 2019. Se non altro, non sono più del 20% al di sopra di quell’intervallo. Viceversa, i nostri timori sugli utili hanno continuato a crescere, insieme agli utili stessi, aggravati dai crescenti rischi per i margini di profitto tirati, che potrebbero derivare dall’inflazione o da una flessione economica. Dati i rischi sugli utili, potrebbe essere un momento particolarmente opportuno per avere in portafoglio dei compounder, cioè delle aziende in grado di far crescere gli utili in maniera costante nel tempo, possedendo il potere di determinazione dei prezzi e dei ricavi ricorrenti che fanno si che gli utili si mantengano resilienti in tempi difficili.

 
 

1 Fonte: U.S. Bureau of Labor Statistics Employment Cost Index, marzo 2022

2 Fonte: FactSet.

3 Earnings Before Interest and Taxes (utili al lordo di interessi, imposte)

 
 

Considerazioni sui rischi

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento del portafoglio sarà raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero la possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal portafoglio diminuisca. I valori di mercato possono cambiare quotidianamente a causa di eventi economici e di altro tipo (ad esempio, catastrofi naturali, crisi sanitarie, terrorismo, conflitti e disordini sociali) che influenzano i mercati, i Paesi, le aziende o i governi. È difficile prevedere le tempistiche, la durata e i potenziali effetti negativi (ad esempio, la liquidità del portafoglio) degli eventi. Di conseguenza, l’investimento in questa strategia può comportare una perdita per l’investitore. Inoltre, la strategia può essere esposta ad alcuni rischi aggiuntivi. I mutamenti che investono l’economia mondiale, la spesa al consumo, la concorrenza, i fattori demografici, le preferenze dei consumatori, le norme varate dai governi e le condizioni economiche possono influire negativamente sulle società che operano su scala globale e produrre sulla strategia un impatto negativo maggiore rispetto a quello che si sarebbe avuto se il patrimonio fosse stato investito in un più ampio ventaglio di società. Le valutazioni dei titoli azionari tendono in genere a oscillare anche in risposta a eventi specifici in seno a una determinata società. Gli investimenti nei mercati esteri comportano rischi specifici, quali rischi di cambio, politici, economici e di mercato. I titoli delle società a bassa e media capitalizzazione comportano rischi particolari, come l’esiguità delle linee di prodotto, rischi relativamente alle risorse finanziarie e di mercato e possono registrare una maggiore volatilità rispetto a quelli di società più consolidate di dimensioni maggiori. I rischi associati agli investimenti nei mercati emergenti sono maggiori di quelli associati agli investimenti nei mercati sviluppati esteri. Gli strumenti derivati possono amplificare le perdite in maniera sproporzionata e incidere significativamente sulla performance. Inoltre possono essere soggetti a rischi di controparte, di liquidità, di valutazione, di correlazione e di mercato. I titoli illiquidi possono essere più difficili da vendere e valutare rispetto a quelli quotati in borsa (rischio di liquidità). I portafogli non diversificati spesso investono in un numero più ristretto di emittenti. Pertanto, le variazioni della situazione finanziaria o del valore di mercato di un singolo emittente possono causare una maggiore volatilità. Le strategie ESG che incorporano investimenti a impatto e/o fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) potrebbero generare una performance relativa che si discosta da quella di altre strategie o benchmark generali a seconda del gradimento del mercato verso tali settori o investimenti. Di conseguenza, non vi è alcuna garanzia che le strategie ESG possano offrire una migliore performance relativamente agli investimenti. 

 
bruno.paulson
Managing Director
International Equity Team
 
laura.bottega
COO and Head of Client Experience, International Equity
 
 
Fondi in evidenza
 
 
 
 
 

NOTA INFORMATIVA

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore deve valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati.

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. Nei conti separati gestiti in base a una determinata strategia possono essere inseriti valori mobiliari che non replicano la performance di un particolare indice. È richiesto un livello patrimoniale minimo.

Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sui gestori degli investimenti.

Le opinioni e/o analisi espresse sono quelle dell’autore o del team d’investimento alla data di redazione del presente materiale, possono variare in qualsiasi momento senza preavviso a causa di cambiamenti delle condizioni economiche o di mercato e potrebbero non realizzarsi.

Inoltre, le opinioni non saranno aggiornate né altrimenti riviste per riflettere informazioni resesi disponibili in seguito, circostanze esistenti o modifiche verificatesi dopo la data di pubblicazione. Le tesi espresse non riflettono i giudizi di tutto il personale di investimento in forza presso Morgan Stanley Investment Management (MSIM) e relative controllate e consociate (collettivamente, “la Società”) e potrebbero non trovare riscontro in tutte le strategie e in tutti i prodotti offerti dalla Società.

Il materiale è stato preparato utilizzando fonti d’informazione pubbliche, dati sviluppati internamente e altre fonti terze ritenute attendibili. Tuttavia, non vengono fornite garanzie circa l’affidabilità di tali informazioni e la Società non ha provveduto a verificare in modo indipendente le informazioni tratte da fonti pubbliche e terze.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale e tutte le informazioni fornite hanno esclusivamente scopo informativo e non sono da intendersi quale offerta o raccomandazione per l’acquisto o la vendita di valori mobiliari o l’adozione di una qualsiasi strategia d’investimento. Le informazioni ivi contenute non tengono conto delle circostanze personali del singolo investitore e non rappresentano una consulenza d’investimento, né vanno in alcun modo interpretate quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

Tabelle e grafici sono forniti a solo scopo illustrativo. La performance passata non è garanzia di risultati futuri.

Il portafoglio modello ha utilizzato la strategia d’investimento in maniera analoga a quella dei portafogli a gestione separata del team (SMA) e di altri veicoli d’investimento, vale a dire una gestione generalmente improntata alla coerenza. Tuttavia le decisioni di gestione del portafoglio adottate per tale portafoglio modello potrebbero differire (segnatamente in termini di liquidità o diversificazione) dalle decisioni che il team di gestione del portafoglio assumerebbe per gli SMA e altri veicoli d’investimento. Inoltre, le posizioni e l’attività di portafoglio di quello modello potrebbero non essere rappresentative di alcuni SMA gestiti conformemente alla presente strategia, a causa di linee guida d’investimento divergenti o di restrizioni del cliente.

Gli indici non sono gestiti e non includono spese, commissioni o oneri di vendita. Non è possibile investire direttamente in un indice. Tutti gli indici cui si fa riferimento nel presente documento sono proprietà intellettuale (inclusi i marchi commerciali registrati) dei rispettivi licenzianti. Eventuali prodotti basati su un indice non sono in alcun modo sponsorizzati, approvati, venduti o promossi dal rispettivo licenziante e il licenziante declina ogni responsabilità in merito.

Il presente materiale non è stato redatto dal Dipartimento di ricerca di Morgan Stanley e non è da intendersi quale materiale o raccomandazione di ricerca.

La Società non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente materiale, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti. Inoltre, gli intermediari finanziari sono tenuti ad assicurarsi che le informazioni contenute nel presente materiale siano adatte ai soggetti a cui trasmettono il presente materiale alla luce delle circostanze e degli obiettivi di costoro. La Società non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente materiale da parte degli intermediari finanziari.

Il presente materiale non può essere riprodotto, copiato, modificato, utilizzato per creare un’opera derivata, eseguito, esposto, diffuso, pubblicato, concesso in licenza, incorniciato, distribuito o trasmesso, integralmente o in parte, e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi, senza l’esplicito consenso scritto della Società. Proibito collegare link a questo materiale, se non per uso personale e non commerciale. Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore e altre leggi applicabili.

Morgan Stanley Investment Management è la divisione di investimento di Morgan Stanley.

DISTRIBUZIONE

Il presente materiale è destinato e sarà distribuito solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni in cui la sua distribuzione o disponibilità non siano vietate dalle leggi locali e dalle normative vigenti.

MSIM, la divisione di asset management di Morgan Stanley (NYSE: MS), e relative consociate hanno posto in essere accordi per il marketing reciproco dei rispettivi prodotti e servizi. Ciascuna consociata MSIM è debitamente regolamentata nella propria giurisdizione operativa. Le consociate di MSIM sono: Eaton Vance Management (International) Limited, Eaton Vance Advisers International Ltd, Calvert Research and Management, Eaton Vance Management, Parametric Portfolio Associates LLC, Atlanta Capital Management LLC, Eaton Vance Management International (Asia) Pte. Ltd.

Questo materiale è pubblicato da una o più delle seguenti entità:

EMEA –
Il presente materiale è destinato all’uso dei soli clienti professionali.

Nelle giurisdizioni dell’UE, i materiali di MSIM ed Eaton Vance vengono pubblicati da MSIM Fund Management (Ireland) Limited (“FMIL”). FMIL è regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda ed è una private company limited by shares di diritto irlandese, registrata con il numero 616661 e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda.

Nelle giurisdizioni esterne all’UE, i materiali di MSIM vengono pubblicati da Morgan Stanley Investment Management Limited (MSIM Ltd), autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, Londra, E14 4QA.

In Svizzera i materiali di MSIM vengono pubblicati da Morgan Stanley & Co. International plc, London, Zurich Branch (Sede Secondaria di Zurigo), autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (“FINMA”). Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurigo, Svizzera.

Nelle giurisdizioni esterne agli Stati Uniti e all’UE, i materiali di Eaton Vance vengono pubblicati da Eaton Vance Management (International) Limited (“EVMI”), 125 Old Broad Street, Londra, EC2N 1AR, Regno Unito, società autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority.

Italia – MSIM FMIL (Sede Secondaria di Milano) con sede in Palazzo Serbelloni, Corso Venezia 16, 20121 Milano, Italia. Paesi Bassi – MSIM FMIL (filiale di Amsterdam), Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Paesi Bassi. Francia – MSIM FMIL (filiale di Parigi), 61 rue Monceau, 75008 Parigi, Francia. Spagna – MSIM FMIL (filiale di Madrid), Calle Serrano 55, 28006, Madrid, Spagna. Germania – MSIM FMIL (filiale di Francoforte), Niederlassung Deutschland, Grosse Gallusstrasse 18, 60312, Francoforte sul Meno, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG).

MEDIO ORIENTE

Dubai – MSIM Ltd (ufficio di rappresentanza, Unit Precinct 3-7th Floor-Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti. Telefono: +97 (0)14 709 7158).

EVMI si avvale di un’organizzazione terza in Medio Oriente, Wise Capital (Middle East) Limited (“Wise Capital”), per promuovere le competenze di investimento di Eaton Vance presso gli investitori istituzionali. Per questi servizi, Wise Capital riceve una commissione basata sugli attivi sui quali Eaton Vance fornisce consulenza d’investimento grazie a queste presentazioni.

Stati Uniti

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento. È richiesto un livello patrimoniale minimo. Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sui gestori degli investimenti.

Prima di investire si consiglia di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi, le commissioni e le spese dei comparti. I prospetti contengono queste e altre informazioni sui comparti. È possibile ottenere il prospetto dei fondi Morgan Stanley scaricandolo dal sito morganstanley.com/im o telefonando al numero 1-800-548-7786. Si prega di leggere il prospetto attentamente prima di investire.

Morgan Stanley Distribution, Inc. è il distributore dei Fondi Morgan Stanley.

NON GARANTITO DALLA FDIC | PRIVO DI GARANZIA BANCARIA | RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE | NON GARANTITO DA ALCUN ENTE FEDERALE | NON È UN DEPOSITO

 

La presente comunicazione ha carattere promozionale.

Prima di procedere è necessario leggere attentamente tutti i Termini e le Condizioni che illustrano i vincoli legali e normativi che regolano la divulgazione delle informazioni relative ai prodotti di investimento Morgan Stanley Investment Management.

È possibile che i servizi illustrati in questo sito Web non siano disponibili in tutte le giurisdizioni o a qualsiasi persona. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle condizioni d'uso.


Privacy e cookie    •    Istruzioni per l'uso

©  Morgan Stanley. Diritti riservati.