Insight Article Desktop Banner
 
 
Global Fixed Income Bulletin
  •  
novembre 15, 2021

Le preoccupazioni riguardanti gli sviluppi della politica monetaria sono eccessive?

Insight Video Mobile Banner
 
novembre 15, 2021

Le preoccupazioni riguardanti gli sviluppi della politica monetaria sono eccessive?


Global Fixed Income Bulletin

Le preoccupazioni riguardanti gli sviluppi della politica monetaria sono eccessive?

Share Icon

novembre 15, 2021

 
 

La domanda chiave per i mercati finanziari è: quanto sarà difficile per le banche centrali tenere a bada l’inflazione? L’inflazione ha costantemente sorpreso al rialzo, anche se non aumenta più in termini annui. Fino a poco tempo fa, le banche centrali dei mercati sviluppati sono rimaste calme e hanno ritenuto sostanzialmente transitorio lo shock, ricollegandolo alle strozzature lungo le filiere produttive e alla carenza di manodopera, nonché al passaggio di enormi quantità di domanda aggregata dai beni ai servizi. In maniera alquanto insolita, tali banche hanno esibito un orientamento accomodante, sono rimaste concentrate sui rischi al ribasso e hanno sperato che la situazione si risolvesse da sé prima che da transitoria la tendenza divenisse preoccupante.

Non più.  A ottobre i mercati obbligazionari, ma stranamente non quelli azionari, hanno risentito della svolta restrittiva della politica e della retorica delle banche centrali, nonché dell'aggressiva rivalutazione delle aspettative sui tassi.   La fase di passività delle banche centrali è finita ed è iniziato il ciclo di normalizzazione della politica monetaria.  La prima a intervenire è stata la banca centrale norvegese, che ha alzato i tassi a settembre.  La giustificazione è stata la decisione di eliminare un livello di accomodamento che non era più necessario.  Due settimane dopo, agli inizi di ottobre, è stata la volta della banca centrale neozelandese, che ha alzato i tassi e ha adottato toni più restrittivi, per lasciare intendere che si trattava del primo di una serie potenzialmente lunga di rialzi dei tassi. Inizialmente la reazione dei mercati è stata contenuta, visto che si trattava di paesi di piccole dimensioni e quindi considerati di importanza secondaria.  Ma il 27 ottobre la Bank of Canada ha concluso a sorpresa il programma di allentamento quantitativo (Quantitative Easing, QE), annunciando l'intenzione di alzare i tassi a metà 2022, quasi un anno prima del previsto.  È poi arrivata la dichiarazione dell'intenzione della Bank of England di alzare i tassi a novembre. Inoltre, l'incapacità della banca centrale australiana di mantenere il controllo della curva dei rendimenti ha causato un innalzamento di 62 punti base (pb) dei rendimenti in soli tre giorni.  E questo in un paese la cui banca centrale aveva categoricamente affermato che i tassi non avrebbero subito alcun rialzo fino al 2024!  La situazione è stata acuita dalla tempistica della riunione della Fed in programma per la prima settimana di novembre, durante la quale si prevedeva che sarebbe stata confermata (come in effetti è stato) la conclusione dei programmi di allentamento quantitativo (QE) di emergenza; di conseguenza, i rendimenti statunitensi a breve scadenza sono schizzati verso l'alto.

 
 

Come interpretare tutto ciò?  La normalizzazione è il nuovo mantra.  È opinione ormai diffusa che non siano più necessari livelli di accomodamento emergenziali, soprattutto in vista di una crescita superiore al tendenziale nel 2021-2022 e un’inflazione che potrebbe rivelarsi non proprio transitoria.  Ma normalizzare non significa inasprire.  Significa eliminare l’accomodamento eccessivo e riportare le misure politiche all’interno di un assetto più neutrale.  Per questo motivo sarebbe errato attendersi irrigidimenti aggressivi delle politiche monetarie da parte delle banche centrali nella maggior parte dei paesi, tra cui Regno Unito, Eurozona, Canada e soprattutto Stati Uniti, le quali adotteranno molto probabilmente un approccio più misurato nei loro interventi rispetto a quello attualmente previsto dal mercato.  Nel caso dell’Australia, se diamo per buona la capacità della Reserve Bank di prevedere la propria politica monetaria, i tassi d’interesse sono su livelli decisamente eccessivi.  Anche nei mercati emergenti i tassi stanno salendo e non si intravede la fine degli inasprimenti, visto il rialzo dell'inflazione in paesi come Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Messico e Brasile.  I mercati emergenti locali hanno infatti attraversato una fase molto difficile, caratterizzata da manovre monetarie restrittive ampie e serrate (e un’inflazione che non accenna ad attenuarsi).

Ci aspettiamo pertanto che le banche centrali dei mercati sviluppati procedano lentamente e con cautela, e per questo motivo consideriamo eccessive le preoccupazioni legate alle politiche monetarie.  Tuttavia, questa situazione potrebbe creare volatilità nei mercati, a seconda di ciò che gli investitori si aspettano. Inizialmente i mercati hanno scontato l’inizio dei cicli di rialzo dei tassi in modo molto più aggressivo di quanto la maggior parte delle banche centrali ritenesse appropriato.  Di fatto, i ribassi più eclatanti del segmento a breve delle curve dei rendimenti si stanno già correggendo da soli.   Ci aspettiamo che la portata cumulativa della stretta rimarrà modesta poiché, di nuovo, la maggior parte delle banche centrali del mercato sviluppato non vuole politiche restrittive ma politiche semplicemente meno accomodanti.  Tuttavia, qualora gli investitori (o le banche centrali) dovessero cambiare opinione in merito, ad esempio perché l’inflazione diventa più radicata e l’economia rimane resiliente, i rendimenti obbligazionari potrebbero aumentare considerevolmente. Nei mercati creditizi, i differenziali sono ancora sotto la media di lungo termine, nonostante la recente volatilità. Ciò sembra giustificato viste le buone prospettive economiche e il miglioramento dei bilanci societari e delle famiglie. Tuttavia, anche un lieve peggioramento delle condizioni creditizie potrebbe incidere sulle valutazioni. Naturalmente è sempre possibile che le banche centrali decidano di  rimandare o annullare eventuali misure restrittive previste se i mercati dovessero indebolirsi eccessivamente, anche se i tempi della normalizzazione saranno dettati essenzialmente dalla situazione economica.

Per quanto riguarda il nostro giudizio sui mercati, abbiamo ridotto in generale i rischi di portafoglio a causa delle previsioni incerte. Manteniamo un posizionamento lungo sugli investimenti rischiosi (obbligazioni societarie, titoli cartolarizzati, mercati emergenti) a fronte delle prospettive economiche positive e della solidità dei fondamentali, malgrado i livelli storicamente bassi dei differenziali creditizi. Visto il probabile inasprimento delle politiche monetarie, ci aspettiamo che d’ora in poi i rendimenti dei titoli di Stato si muovano al rialzo, ma in modo lento e controllato.

 
 
 
Figura 1 – Andamento degli attivi da inizio anno
 

Nota: performance in USD. Fonte: Bloomberg. Dati al 31 ottobre 2021. Gli indici riportati hanno scopo puramente illustrativo e non intendono rappresentare la performance di un investimento specifico. I rendimenti passati non sono indicativi di risultati futuri. Per le definizioni degli indici si rimanda alla sezione successiva.

 
 
Figura 2 – Variazioni valutarie mensili rispetto all’USD
 

Nota: per variazione positiva si intende l’apprezzamento della valuta nei confronti dell’USD. Fonte: Bloomberg. Dati al 31 ottobre 2021.

 
 
Figura 3 – Principali variazioni mensili dei rendimenti e degli spread decennali
 

Fonte: Bloomberg, JPMorgan. Dati al 31 ottobre 2021.

 
 

Prospettive per il mercato obbligazionario

Ottobre è stato un mese straordinario in termini di volatilità dei mercati obbligazionari. Mentre i rendimenti a più lunga scadenza sono rimasti ben ancorati, i rendimenti a breve scadenza hanno registrato un’impennata a fronte della decisione delle banche centrali di ridurre l’accomodamento. Nel corso della prima metà del mese, i rendimenti a più lunga scadenza sono complessivamente aumentati per via dei timori inflazionistici.1 Quello che doveva essere un fenomeno transitorio si è rivelato non esattamente temporaneo, e anche se fosse passeggero, l’inflazione ha subito un'impennata tale che anche in caso di una netta contrazione rimarrebbe comunque troppo elevata per non creare problemi alle autorità monetarie alla fine del 2022. Inoltre, i dati economici hanno generalmente sottoperformato sul fronte dei mercati del lavoro, della produzione industriale e dei consumi. Benché i problemi alla radice di questa poco rassicurante situazione siano in gran parte imputabili ai ritardi nelle forniture, le banche centrali si trovano comunque in una posizione difficile, ed è questo che preoccupa gli investitori.

A partire da settembre le banche centrali di Norvegia, Nuova Zelanda, Regno Unito, Canada e Australia hanno tutte fatto o detto cose che hanno innervosito i mercati obbligazionari.  Con l’annuncio della conclusione del programma di QE da parte della Fed l’anno prossimo e l'attesa di una decisione analoga da parte della BCE a dicembre, i mercati hanno avuto ulteriori motivi di apprensione. Se le banche centrali inasprissero troppo velocemente le condizioni di liquidità globali, l’economia potrebbe risentirne e l’attuale rallentamento della crescita (principalmente dovuto ai problemi nelle filiere produttive) rischierebbe di accentuarsi. In questo caso gli asset rischiosi, come obbligazioni high yield e azioni, verrebbero penalizzati, mentre al contrario sarebbero avvantaggiate le obbligazioni prive di rischio a lunga scadenza.

Nell’ultima settimana di ottobre e all’inizio di novembre i rendimenti delle obbligazioni a breve scadenza sono nettamente saliti. In molti paesi sono stati previsti aumenti significativi dei tassi ufficiali.  Ad esempio, nei prossimi 12 mesi i mercati si aspettano aumenti dei tassi dalle banche centrali di Nuova Zelanda (180 pb), Norvegia (100 pb), Canada (120 pb), Regno Unito (90 pb), Australia (80 pb), Stati Uniti (45 pb) ed Eurozona (10 pb).  Queste stime sono state riviste al ribasso rispetto ai picchi della settimana scorsa, ma restano comunque uniformemente alte; non impossibile, ma improbabile. È inoltre opportuno ricordare che, ad esempio, la RBA aveva vigorosamente ribadito che non avrebbe alzato i tassi almeno fino alla seconda metà del 2023.  Un periodo piuttosto lungo.  È inoltre difficile credere che il mondo industrializzato possa alzare i tassi in misura così netta se la Fed e la BCE rimarranno sull’estremità accomodante dello spettro. Di fatto, queste previsioni sono più alte di quelle delle rispettive banche centrali.  In particolare, la Fed continua a sottolineare che gli obiettivi sul mercato del lavoro non sono ancora stati raggiunti e che non opererà alcun aumento fino a quando le condizioni del mercato del lavoro interno, misurate da una combinazione di occupazione, tasso di disoccupazione, tassi di partecipazione e inclusività, non saranno ulteriormente migliorate. Se la Fed e la BCE attueranno i piani in base alle attuali previsioni, è molto probabile che le altre banche centrali seguiranno l'esempio del gruppo di riferimento, formato da Fed/BCE/BoJ.

Riteniamo, quindi, che il mercato abbia reagito in modo esagerato agli interventi delle banche centrali e non crediamo alla tesi della stagflazione.  Ci aspettiamo una ripresa della crescita nel quarto trimestre (anche l'Eurozona risente di problemi legati alle forniture e al Covid-19) e un'inflazione sempre elevata, se non addirittura in aumento. Gli indici dei direttori degli acquisti (PMI) di ottobre hanno mostrato una ripresa decisa del settore servizi dopo la fine delle restrizioni legate alla variante Delta, mentre i colli di bottiglia delle filiere produttive hanno continuato a frenare il settore manifatturiero. L’Asia sta facendo progressi e l’ultimo rapporto sull’occupazione statunitense è stato alquanto positivo, sebbene i problemi delle catene di approvvigionamento continuino a tenere basso il tasso di partecipazione. Inoltre, i risparmi privati globali restano elevati e le condizioni finanziarie sono e rimarranno espansive nonostante un lieve inasprimento delle politiche delle banche centrali, sia se attuato mediante una riduzione degli stimoli, l’eliminazione del QE o rialzi dei tassi.      

Questo quadro relativamente ottimistico in relazione alla politica monetaria non è però privo di rischi. Le pressioni inflazionistiche non si stanno attenuando, o perlomeno non abbastanza rapidamente. I timori relativi agli effetti indiretti e all’impennata dei prezzi delle abitazioni preoccupano le banche centrali. L’ultima forte spinta al rialzo è stata esercitata dai rincari dell’energia (in particolare i prezzi del gas naturale in Europa), ma le pressioni sono più ampie: anche molte altre materie prime (ad esempio, i generi alimentari, una particolare preoccupazione per le banche centrali dei mercati emergenti) sono sui massimi pluriennali, i colli di bottiglia dovuti al Covid continuano a rallentare le forniture di molti beni di consumo e diverse economie sviluppate riportano carenze di manodopera. Non è ancora chiaro quanto persistenti, o permanenti, siano molti di questi problemi, ma sappiamo per certo che l'attuale impennata dell'inflazione è destinata a durare più di quanto si pensasse e attualmente gli economisti prevedono che la situazione non si normalizzerà prima della seconda metà del 2022. Da ciò deriva l’esigenza delle banche centrali di giocare in difesa e impegnarsi in strategie di mitigazione del rischio che implicano una riduzione delle misure espansive.

Nel futuro ci aspettiamo rialzi lenti e misurati anche in presenza di livelli elevati di inflazione complessiva e comunicazioni improntate alla prudenza, che evitino di suggerire l'esigenza di una politica monetaria “restrittiva”, puntando invece sul ridimensionamento delle misure espansive. Tuttavia, poiché tutte le banche centrali seguono più o meno la stessa linea di pensiero (con variazioni minime), è facile che singole banche alzino i tassi seguendo l'esempio del gruppo di riferimento formato dagli istituti dei maggiori paesi. Se nessun istituto adotta misure troppo drastiche, sarà più facile per la comunità globale delle banche centrali alzare collettivamente i tassi.

Attualmente i mercati prevedono un rapido ciclo di inasprimento, che si concluderà con tassi su livelli inferiori ai picchi storici. Il rischio per le valutazioni obbligazionarie deriva più dalla durata del ciclo di rialzo e dal tasso di riferimento finale che non dalla velocità dell'inasprimento (che è invece rilevante per la struttura della curva). Ma se il mercato inizia ad attendersi un ciclo più normale da parte delle banche centrali, i rendimenti potrebbero salire ulteriormente. Di recente, il nervosismo è aumentato anche tra chi investe in obbligazioni, facendo allargare gli spread. Riteniamo che ciò sia principalmente dovuto al fatto che negli ultimi tempi i differenziali erano diventati alquanto compressi, anziché a un incremento significativo del rischio di insolvenza o al deterioramento dei fondamentali.

Alla luce di queste considerazioni, quali sono le nostre prospettive sui mercati? In generale, confermiamo il sovrappeso nei settori ciclici più rischiosi, ma abbiamo lievemente ridotto il rischio a fronte delle valutazioni e dell’aumento della volatilità/incertezza. Per quanto riguarda i titoli di Stato, ci aspettiamo che i rendimenti si muovano al rialzo sull’estremità più lunga delle curve, ma si tratterà probabilmente di un processo lungo e laborioso, considerati gli elevati livelli di liquidità/risparmi globali e la probabile lentezza del ciclo d’inasprimento. Detto ciò, i bassi tassi a termine previsti e i rendimenti reali fortemente negativi rendono relativamente poco appetibili le obbligazioni a più lunga scadenza. Le obbligazioni a più breve scadenza sono più interessanti in virtù degli elevati premi al rischio attualmente inglobati nei prezzi. Confermiamo il sovrappeso nelle obbligazioni societarie e cartolarizzate, in particolare nelle emissioni investment grade di qualità inferiore e in alcuni titoli high yield selezionati, e siamo sovraesposti ad alcuni mercati emergenti (come Egitto e Repubblica Dominicana), che a nostro avviso offrono opportunità idiosincratiche.

Tassi d’interesse e di cambio dei mercati sviluppati

Analisi mensile

I rendimenti dei titoli di Stato sono leggermente saliti a fronte del costante rialzo delle aspettative di inflazione. Dato che anche la crescita si mantiene superiore alla media, le banche centrali si apprestano a ritirare le misure di allentamento monetario. I mercati hanno iniziato a scontare tempistiche più aggressive per l’irrigidimento delle politiche monetarie nei mercati sviluppati, ma le valutazioni delle obbligazioni governative a lunga scadenza sono ancora alte in termini storici.2

Prospettive

È probabile che la crescita superiore alla media e l'inflazione elevata spingano le banche centrali a inasprire la politica monetaria. L'accelerazione dei prezzi avrebbe dovuto essere transitoria, ma si è già dimostrata molto più ostinata del previsto ed è probabile che duri ancora per qualche tempo. Questa combinazione di fattori eserciterà pressioni sui rendimenti dei titoli di Stato, in particolare alla luce delle valutazioni elevate. Tuttavia, siamo anche convinti che i mercati abbiano scontato un inasprimento eccessivo delle banche centrali a breve termine.

Tassi d’interesse e di cambio dei mercati emergenti     

Analisi mensile

A ottobre i rendimenti del debito emergente sono stati negativi. Il debito in valuta forte è rimasto invariato. Le emissioni societarie dei mercati emergenti hanno chiuso il mese col segno meno e il segmento high yield ha sottoperformato quello investment grade. Le emissioni in valuta locale hanno chiuso in territorio negativo, principalmente a causa dell’aumento dei rendimenti.3 Complessivamente a ottobre le obbligazioni di Suriname, Sri Lanka, El Salvador e Belize hanno conseguito le performance migliori, mentre quelle di Libano, Etiopia e Argentina sono state i fanalini di coda. A livello settoriale, le aziende dei settori metalli/estrazioni e TMT hanno fatto meglio del mercato più ampio, mentre quelle dei settori immobiliare, carta/cellulosa e beni di consumo hanno sottoperformato.4

Prospettive

Adottiamo un orientamento cauto nei confronti del debito dei mercati emergenti che continua a risentire di vari problemi malgrado le valutazioni nel complesso allettanti. Prediligiamo in particolare le obbligazioni societarie high yield dei mercati emergenti di società con dinamiche idiosincratiche positive, posizioni fiscali robuste e/o esposte al rincaro del petrolio (e analogamente le valute dei paesi emergenti). Sul versante dei tassi, preferiamo le curve dei rendimenti che scontano già una stretta monetaria aggressiva.

Credito

Analisi mensile

Nel mese di ottobre i differenziali creditizi hanno segnato un lieve rialzo. Nel mese le notizie settoriali e societarie sono state dominate dalla pubblicazione degli utili del terzo trimestre, che hanno evidenziato una sovraperformance del settore bancario, sostenuta dalle riprese di valore sugli accantonamenti per prestiti in sofferenza e dalle società non finanziarie. Quest’ultime hanno risentito degli aumenti dei costi, ma grazie alla capacità di trasferirli hanno per lo più battuto le attese (riviste al ribasso a fine estate). Le attività di fusione e acquisizione sono rimaste un argomento di costante speculazione visto il basso costo dell’indebitamento. A ottobre, i titoli convertibili globali hanno registrato performance a cavallo tra quelle azionarie e creditizie: il Refinitv Global Convertibles Focus Index si è apprezzato rispetto al MSCI Global Equities Index e al Barclays Global Credit Index.

Prospettive

Le valutazioni delle obbligazioni societarie ci sembrano vicine al valore equo ma riteniamo probabile che gli spread si consolidino sui livelli attuali alla luce di (1) condizioni finanziarie ancora accomodanti, che dovrebbero mantenere bassi i tassi d’insolvenza, (2) un'attività economica in costante accelerazione grazie alle campagne vaccinali che consentono la riapertura delle economie, (3) la robusta redditività delle aziende con strategie di gestione prudenziale del bilancio a fronte di una situazione ancora ricca di incognite e (4) una domanda di titoli di credito che dovrebbe mantenersi vivace visto il desiderio di investire la liquidità in eccesso. Ci aspettiamo una buona capacità di conseguire carry interessanti, ma rileviamo opportunità limitate di realizzare plusvalenze grazie al restringimento degli spread.

Prodotti cartolarizzati

Analisi mensile

I mercati dei titoli cartolarizzati hanno risentito di elevata volatilità a ottobre. La performance è apparsa influenzata dalla liquidità e dalla profondità del sostegno, piuttosto che da timori specifici sul merito di credito. A ottobre le nuove emissioni sono rimaste sostenute e l'attività sul mercato secondario è nettamente aumentata, mentre i settori storicamente meno interessanti hanno risentito di pressioni sul lato dell'offerta.5 Gli MBS di agenzia hanno esibito un ottimo andamento nel mese, in particolare tenuto conto dell'appiattimento della curva e dell'atteso inizio del tapering della Fed.6 A ottobre i differenziali dei titoli RMBS non di agenzia statunitensi hanno evidenziato performance contrastanti, mentre gli spread dei CMBS si sono ampliati.7 Anche i differenziali degli ABS del mercato statunitense hanno mostrato un andamento disomogeneo nel mese: mentre prestiti al consumo e finanziamenti auto hanno registrato buone performance, gli spread dei settori meno liquidi come i diritti di servicing ipotecario e gli ABS dei finanziamenti all'acquisto di velivoli si sono ampliati.8 In Europa l'attività su RMBS, CMBS e ABS si è mantenuta elevata a ottobre e i differenziali della regione sono rimasti stabili.9

Prospettive

Ci attendiamo un rallentamento dell'attività di mercato a partire da novembre. L'aumento dei tassi e l'ampliamento degli spread in vista della fine dell'anno potrebbero frenare i volumi di transazioni. I fondamentali creditizi dovrebbero mantenersi molto solidi, soprattutto nei settori degli immobili residenziali e dei beni di consumo. Ci aspettiamo che i mercati europei delle cartolarizzazioni continuino a beneficiare dei tassi sui minimi storici in Europa e dei programmi di acquisto di attivi e di prestiti della BCE e della BOE.

 
 

1 Fonte: Bloomberg. Dati al 31 ottobre 2021.

2 Fonte: Bloomberg. Dati al 31 ottobre 2021.

3 Fonte: J.P. Morgan. Dati al 31 ottobre 2021.

4 Fonte: Bloomberg. Dati al 31 ottobre 2021.

5 Fonte: Bloomberg, dati al 31 ottobre 2021.

6 Fonte: Bloomberg L.P. Dati al 31 ottobre 2021.

7 Fonte: JP Morgan. Dati al 31 ottobre 2021.

8 Fonte: Manheim Used Car Index. Dati al 31 ottobre 2021.

9 Fonte: Bloomberg. Dati al 31 ottobre 2021.

 

 
 

CONSIDERAZIONI SUI RISCHI

La diversificazione non garantisce che verranno generati utili e non protegge dalle perdite in una fase di rallentamento del mercato.

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento del portafoglio sarà raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero alla possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal portafoglio diminuisca e che il valore delle azioni del portafoglio sia conseguentemente inferiore all’importo pagato dall’investitore per acquistarle. I valori di mercato possono cambiare quotidianamente a causa di eventi economici e di altro tipo (ad es. catastrofi naturali, crisi sanitarie, terrorismo, conflitti e disordini sociali) che influenzano i mercati, i Paesi, le aziende o i governi. È difficile prevedere le tempistiche, la durata e i potenziali effetti negativi (ad esempio la liquidità del portafoglio) degli eventi. Di conseguenza, l’investimento in un portafoglio può comportare una perdita per l’investitore. I titoli obbligazionari sono soggetti alla capacità dell’emittente di rimborsare puntualmente capitale e interessi (rischio di credito), alle variazioni dei tassi d’interesse (rischio di tasso d’interesse), al merito di credito dell’emittente e alle condizioni generali di liquidità del mercato (rischio di mercato). In un contesto di tassi d’interesse in rialzo, i corsi obbligazionari possono calare e dar luogo a periodi di volatilità e a maggiori richieste di rimborso. In un contesto di calo dei tassi d’interesse, il Portafoglio potrebbe generare un reddito inferiore. I titoli con scadenze più lunghe possono essere maggiormente sensibili alle variazioni dei tassi d’interesse. Determinati titoli di Stato americani acquistati dalla strategia, come quelli emessi da Fannie Mae e Freddie Mac, non sono garantiti dal “full faith and credit” (piena fiducia e credito) degli Stati Uniti. È possibile che in futuro questi emittenti non dispongano dei fondi per onorare i propri obblighi di pagamento. I prestiti bancari quotati sono soggetti al rischio di liquidità e ai rischi di credito tipici dei titoli con rating inferiori. Le obbligazioni high yield (dette anche “junk bonds”) sono titoli con rating inferiori che possono comportare livelli più elevati di rischio di credito e di liquidità. I titoli di debito sovrani sono soggetti al rischio di insolvenza. I titoli garantiti da ipoteche e da collaterale sono esposti al rischio di rimborso anticipato e a un più elevato rischio d’insolvenza e possono essere difficili da valutare e vendere (rischio di liquidità). Essi sono altresì soggetti ai rischi di credito, di mercato e di tasso d’interesse. Il mercato valutario è altamente volatile e i suoi prezzi sono influenzati da diversi fattori, tra cui la dinamica della domanda e dell’offerta di una determinata valuta, il commercio, i programmi e le politiche fiscali, monetarie e di controllo della valuta nazionale o estera e le variazioni dei tassi d’interesse nazionali o esteri. Gli investimenti nei mercati esteri comportano rischi specifici, quali rischi di cambio, politici, economici e di mercato. Investire nei paesi emergenti comporta rischi maggiori che investire nei mercati esteri in generale. Gli strumenti derivati possono amplificare le perdite in maniera sproporzionata e incidere significativamente sulla performance. Inoltre possono essere soggetti a rischi di controparte, di liquidità, di valutazione, di correlazione e di mercato. I titoli vincolati e illiquidi possono essere più difficili da vendere e valutare rispetto a quelli quotati in borsa (rischio di liquidità). A causa della possibilità che i rimborsi anticipati alterino i flussi di cassa sulle collateralized mortgage obligation (CMO), non è possibile determinare in anticipo la relativa data di scadenza finale o la vita media. Inoltre, il portafoglio potrebbe subire perdite qualora le garanzie collaterali sulle CMO o eventuali garanzie di terzi fossero insufficienti per onorare i pagamenti.

 
 
 
The Global Fixed Income team follows a seamless process with a global outlook. They seek to identify and capture the potential value in situations where the market's implied forecasts are extreme.
 
 
 
Featured Fund
 
 
 
 
 

DEFINIZIONI

R* è il tasso d’interesse reale a breve termine che si dovrebbe verificare quando l’economia si trova in un punto di equilibrio, segno che la disoccupazione ha raggiunto un tasso neutrale e che l’inflazione si trova al tasso di riferimento. Punto base: Un punto base = 0,01%.

DEFINIZIONI DEGLI INDICI

Gli indici utilizzati nel presente rapporto non rappresentano la performance di un investimento specifico e non comprendono spese, commissioni od oneri di vendita, che ridurrebbero la performance. Gli indici riportati non sono gestiti e non sono strumenti investibili. Non è possibile investire direttamente in un indice.

Il marchio “Bloomberg®” e l’indice o indici utilizzati sono marchi di servizio di Bloomberg Finance L.P. e relative consociate concessi in licenza a Morgan Stanley Investment Management (MSIM) per determinati scopi. Bloomberg non è una consociata di MSIM, non approva, appoggia, valuta o raccomanda alcun prodotto e non garantisce la tempestività, correttezza o esaustività dei dati e delle informazioni in relazione ad alcun prodotto.

L’indice Bloomberg Euro Aggregate Corporate (Bloomberg Euro IG Corporate) è costruito per replicare l’andamento del mercato delle obbligazioni societarie investment grade denominate in euro.

L’indice Bloomberg Global Aggregate Corporate è la componente societaria del Bloomberg Global Aggregate Index, un indice ad ampia base rappresentativo dei mercati obbligazionari investment grade globali.

L’indice Bloomberg U.S. Corporate High Yield misura l’andamento del mercato statunitense delle obbligazioni societarie non investment grade a tasso fisso denominate in dollari e fiscalmente imponibili. I titoli sono classificati high yield se il rating medio di Moody’s, Fitch e S&P è pari o inferiore a Ba1/BB+/BB+. L’indice non comprende le obbligazioni dei Mercati Emergenti.

L’indice Bloomberg U.S. Corporate è un benchmark ad ampia rappresentatività che misura l’andamento delle obbligazioni societarie investment grade a tasso fisso fiscalmente imponibili.

L’indice Bloomberg U.S. Mortgage Backed Securities (MBS) replica l’andamento dei titoli pass-through di agenzia garantiti da ipoteche (sia ARM a tasso fisso che ibridi), garantiti da Ginnie Mae (GNMA), Fannie Mae (FNMA) e Freddie Mac (FHLMC). L’indice è costruito aggregando vari gruppi di titoli MBS con regolamento futuro in data da definirsi all’interno di portafogli generali sulla base delle condizioni di rimborso, cedole e anno di emissione. Introdotti nel 1985, gli indici a tasso fisso GNMA, FHLMC e FNMA per i titoli a 30 e 15 anni sono stati rispettivamente retrodatati a gennaio 1976, maggio 1977 e novembre 1982. Nell’aprile del 2007 sono entrati a far parte dell’indice anche i titoli ipotecari pass-through ibridi di agenzia a tasso variabile (ARM).

L’indice dei prezzi al consumo (CPI) è una misura che esamina la media ponderata dei prezzi di un paniere di beni e servizi di consumo, come trasporti, generi alimentari e assistenza medica.

Euro vs. USD – rendimento totale dell’euro rispetto al dollaro USA.

Titoli di Stato tedeschi a 10 anni – Germany Benchmark 10-Year Datastream Government Index; titoli di Stato giapponesi a 10 anni – Japan Benchmark 10-Year Datastream Government Index; titoli di Stato USA a 10 anni – U.S. Benchmark 10-Year Datastream Government Index.

L’indice ICE BofAML European Currency High-Yield Constrained Index (ICE BofAML Euro HY constrained) è concepito per replicare la performance delle obbligazioni societarie in euro e sterline di qualità inferiore a investment grade emesse da emittenti internazionali nei mercati eurobond o in sterline ed euro locali.

L’indice ICE BofAML U.S. Mortgage-Backed Securities (ICE BofAML U.S. Mortgage Master) Index replica la performance dei titoli pass-through garantiti da ipoteche residenziali a tasso fisso e ibridi denominati in dollari, emessi da agenzie statunitensi nel mercato interno USA.

L’indice ICE BofAML U.S. High Yield Master II Constrained (ICE BofAML U.S. High Yield) è un indice ponderato per il valore di mercato di tutte le obbligazioni high yield domestiche e “Yankee”, comprese le obbligazioni a interesse posticipato e i titoli con pagamento “in natura”. I titoli che lo compongono hanno scadenze di almeno un anno e un rating di credito inferiore a BBB-/Baa3, ma non sono insolventi.

L’indice ISM del settore manifatturiero è basato su indagini condotte presso oltre 300 aziende manifatturiere dall’Institute of Supply Management. L’indice ISM del settore manifatturiero monitora i livelli di occupazione, le scorte di produzione, i nuovi ordini e le consegne dei fornitori. L’indice di diffusione composito è stato creato al fine di monitorare le condizioni del settore manifatturiero nazionale sulla base dei dati risultanti da tali indagini.

Titoli di Stato italiani a 10 anni – Italy Benchmark 10-Year Datastream Government Index.

L’indice JP Morgan CEMBI Broad Diversified è un benchmark globale del debito societario liquido dei mercati emergenti che replica l’andamento delle obbligazioni societarie denominate in USD emesse da società dei mercati emergenti.

L’indice JPMorgan Government Bond Index – Emerging Markets (JPM local EM debt) replica l’andamento delle obbligazioni in valuta locale emesse da paesi emergenti. L’indice è posizionato come benchmark investibile che comprende soltanto quei Paesi accessibili da gran parte del parterre di investitori internazionali (escluse Cina e India dal settembre 2013).

L’indice JPMorgan Government Bond Index Emerging Markets (JPM External EM Debt) replica l’andamento delle obbligazioni in valuta locale emesse dai governi dei paesi emergenti. L’indice è posizionato come benchmark investibile che comprende soltanto quei Paesi accessibili da gran parte del parterre di investitori internazionali (escluse Cina e India dal settembre 2013).

L’indice JP Morgan Emerging Markets Bond Index Global (EMBI Global) replica i rendimenti totali di strumenti di debito in valuta estera negoziati nei mercati emergenti ed è una versione ampliata del JPMorgan EMBI+. Come per l’EMBI+, l’indice EMBI Global include obbligazioni Brady denominate in dollari statunitensi, prestiti ed eurobond con valore nominale in circolazione minimo di USD 500 milioni.

L’indice JP Morgan GBI-EM Global Diversified è un benchmark globale liquido, ponderato per la capitalizzazione di mercato, delle obbligazioni societarie dei mercati emergenti denominate in dollari USA, rappresentativo delle regioni Asia, America Latina, Europa e Medio Oriente/Africa.

JPY vs. USD – rendimento totale dello yen giapponese rispetto al dollaro USA.

L’indice Nikkei 225 (Japan Nikkei 225) è un indice ponderato per il prezzo che segue l’andamento delle 225 maggiori società nipponiche quotate alla Borsa di Tokyo.

L’indice MSCI AC Asia ex-Japan Index (MSCI Asia ex-Japan) replica l’andamento delle società large e mid cap di due dei tre mercati sviluppati asiatici (Giappone escluso) e di otto mercati emergenti della regione.

L’indice MSCI All Country World (ACWI, MSCI global equities) è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato corretta per il flottante che misura la performance dei listini azionari dei mercati sviluppati ed emergenti. Il termine “flottante” è riferito alla quota di azioni in circolazione considerate disponibili per l’acquisto da parte degli investitori sui mercati azionari quotati. La performance dell’indice è espressa in dollari USA e prevede il reinvestimento dei dividendi netti.

L’indice MSCI Emerging Markets (MSCI emerging equities) raggruppa titoli rappresentativi di società a media e alta capitalizzazione di 23 mercati emergenti.

L’indice MSCI World (MSCI developed equities) raggruppa titoli rappresentativi di società a media e alta capitalizzazione di 23 mercati sviluppati.

L’indice dei direttori degli acquisti (PMI) è un indicatore dello stato di salute economica del settore manifatturiero.

Il Russell 2000® è un indice che misura la performance delle 2.000 società di più piccole dimensioni dell’indice Russell 3000..

L’indice S&P 500® (U.S. S&P 500) misura la performance del segmento delle large cap nel mercato azionario statunitense e copre all’incirca il 75% di tale mercato. L’indice comprende 500 tra le principali società che operano nei settori di punta dell’economia statunitense.

L’indice S&P CoreLogic Case-Shiller U.S. National Home Price NSA Index si propone di misurare il valore degli immobili residenziali nelle 20 principali aree metropolitane statunitensi: Atlanta, Boston, Charlotte, Chicago, Cleveland, Dallas, Denver, Detroit, Las Vegas, Los Angeles, Miami, Minneapolis, New York, Phoenix, Portland, San Diego, San Francisco, Seattle, Tampa e Washington, D.C.

L’indice S&P/LSTA U.S. Leveraged Loan 100 (S&P/LSTA Leveraged Loan Index) è costruito per replicare l’andamento dei prestiti di maggiore entità del mercato dei prestiti con leva.

L’indice S&P GSCI Copper Index (Copper) è un sottoindice dell’S&P GSCI che costituisce un benchmark affidabile e pubblicamente disponibile della performance del mercato del rame.

L’indice S&P GSCI Softs (GSCI soft commodities) è un sottoindice dell’S&P GSCI che misura la performance delle soft commodity ponderata per la produzione mondiale. Nel 2012 l’indice S&P GSCI Softs comprendeva le seguenti materie prime: caffè, zucchero, cacao e cotone.

Titoli di Stato spagnoli a 10 anni—Spain Benchmark 10-Year Datastream Government Index.

Il Thomson Reuters Convertible Global Focus USD Hedged Index è un indice di mercato ponderato con una dimensione minima di inclusione di USD 500 milioni (USA), EUR 200 milioni (Europa), JPY 22 miliardi e USD 275 milioni (altri paesi) di obbligazioni convertibili equity-linked.

Titoli di Stato britannici a 10 anni – U.K. Benchmark 10-Year Datastream Government Index. Gli indici di riferimento Datastream per i seguenti titoli di Stato si basano su singole emissioni. L’emissione scelta per ciascuna serie è la più rappresentativa disponibile per una data scadenza in ciascun momento. I titoli di riferimento sono selezionati sulla base delle convenzioni prevalenti all’interno di ciascun mercato. In generale il titolo di riferimento è sempre l’ultima emissione di una data fascia di scadenze, tuttavia vengono considerati anche i rendimenti, la liquidità, le dimensioni dell’emissione e le cedole.

L’indice U.S. Dollar (DXY) è un indice che misura il valore del dollaro statunitense rispetto a un paniere di valute estere, generalmente quelle dei maggiori partner commerciali degli Stati Uniti.

L'indice Chicago Board Options Exchange (CBOE) Market Volatility (VIX) Index mostra le aspettative del mercato per la volatilità a 30 giorni.

DISTRIBUZIONE

Questa comunicazione è destinata e sarà distribuita solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni dove la sua distribuzione o circolazione non siano vietate dalle leggi e normative vigenti.

Irlanda: MSIM Fund Management (Ireland) Limited. Sede legale: The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. Società registrata in Irlanda come private company limited by shares con il numero 616661. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Regno Unito: Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA, autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Dubai: Morgan Stanley Investment Management Limited (Representative Office, Unit Precinct 3-7th Floor-Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti. Telefono: +97 (0)14 709 7158). Germania: MSIM Fund Management (Ireland) Limited Niederlassung Deutschland, Grosse Gallusstrasse 18, 60312 Francoforte sul Meno, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG). Italia – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited, una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Banca Centrale d'Irlanda e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson's Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) con sede in Palazzo Serbelloni, Corso Venezia 16, 20121 Milano, Italia, registrata in Italia con numero di società e P. IVA 11488280964. Paesi Bassi – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Paesi Bassi. Telefono: +31 2-0462-1300. Morgan Stanley Investment Management è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Francia: MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Paris Branch (Sede Secondaria di Parigi) è una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Banca Centrale d'Irlanda e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Paris Branch (Sede Secondaria di Parigi) con sede legale in 61 rue Monceau 75008 Parigi, Francia, è registrata in Francia con numero di società 890 071 863 RCS. Spagna – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Sucursal en España (Sede Secondaria per la Spagna) è una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Banca Centrale d'Irlanda e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Sucursal en España con sede in Calle Serrano 55, 28006, Madrid, Spagna, è registrata in Spagna con codice di identificazione fiscale W0058820B. Svizzera: Morgan Stanley & Co. International plc, London, Zurich Branch, autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (“FINMA”). Iscritta al Registro di commercio di Zurigo CHE-115.415.770. Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurigo, Svizzera, Telefono +41 (0) 44 588 1000. Fax: +41(0) 44 588 1074.

Giappone: Il presente documento è destinato ai soli investitori professionali e viene diffuso o distribuito unicamente a scopi informativi. Per i destinatari che non siano investitori professionali, il presente documento viene fornito in relazione alle attività di Morgan Stanley Investment Management (Japan) Co., Ltd. (“MSIMJ”) concernenti i mandati di gestione discrezionale degli investimenti (“IMA”) e i mandati di consulenza di investimento (“IAA”) e non costituisce una raccomandazione o sollecitazione di transazioni od offerte relative a uno strumento finanziario specifico. In base ai mandati discrezionali di gestione degli investimenti, il cliente stabilisce le politiche di gestione di base in anticipo e incarica MSIMJ di prendere tutte le decisioni di investimento sulla base di un’analisi del valore e di altri fattori inerenti ai titoli e MSIMJ accetta tale incarico. Il cliente delega a MSIMJ i poteri necessari per effettuare gli investimenti. MSIMJ esercita tali poteri delegati sulla base delle decisioni d’investimento prese da MSIMJ e il cliente non impartisce istruzioni individuali. Tutti gli utili e le perdite degli investimenti spettano ai clienti; il capitale iniziale non è garantito. Si raccomanda di valutare gli obiettivi d’investimento e le tipologie di rischio prima di effettuare un investimento. La commissione applicabile ai mandati discrezionali di gestione o di consulenza di investimento si basa sul valore degli attivi in questione moltiplicato per una determinata aliquota (il limite massimo è il 2,20% annuo inclusivo d’imposta), calcolata proporzionalmente alla durata del periodo contrattuale. Alcune strategie sono soggette a una commissione condizionata (contingency fee) in aggiunta a quella sopra menzionata. Potrebbero essere applicati altri oneri indiretti, come ad esempio le commissioni di intermediazione per l’acquisto di titoli inglobati in altri strumenti. Poiché questi oneri e spese variano a seconda delle condizioni contrattuali e di altri fattori, MSIMJ non è in grado di illustrare in anticipo aliquote, limiti massimi, ecc. Si raccomanda a tutti i clienti di leggere attentamente la documentazione fornita in vista della stipula del contratto prima di sottoscriverne uno. Il presente documento è distribuito in Giappone da MSIMJ, n. registrazione 410 (Director of Kanto Local Finance Bureau (Financial Instruments Firms)), membro di: Japan Securities Dealers Association, The Investment Trusts Association, Giappone, Japan Investment Advisers Association e Type II Financial Instruments Firms Association.

Stati Uniti

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento. È richiesto un livello patrimoniale minimo. Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sul gestore degli investimenti.

Prima di investire si consiglia di valutare attentamente gli obiettivi d'investimento, i rischi, le commissioni e le spese dei comparti. I prospetti contengono queste e altre informazioni sui comparti. Una copia del prospetto può essere scaricata dal sito morganstanley.com/im o richiesta telefonando al numero +1-800-548-7786. Si prega di leggere attentamente il prospetto prima di investire.

Morgan Stanley Distribution, Inc. è il distributore di Morgan Stanley Funds.

NON GARANTITO DALLA FDIC | PRIVO DI GARANZIA BANCARIA | RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE | NON GARANTITO DA ALCUN ENTE FEDERALE | NON È UN DEPOSITO BANCARIO

Hong Kong – Il presente documento è stato pubblicato da Morgan Stanley Asia Limited per essere utilizzato a Hong Kong e reso disponibile esclusivamente ai “professional investor” (investitori professionali) ai sensi delle definizioni contenute nella Securities and Futures Ordinance di Hong Kong (Cap 571). Il suo contenuto non è stato verificato o approvato da alcuna autorità di vigilanza, ivi compresa la Securities and Futures Commission di Hong Kong. Di conseguenza, fatte salve le esenzioni eventualmente previste dalle leggi applicabili, questo documento non può essere pubblicato, diffuso, distribuito, indirizzato o reso disponibile al pubblico a Hong Kong. Singapore – Il presente documento non deve essere considerato come un invito a sottoscrivere o ad acquistare, direttamente o indirettamente, destinato al pubblico o a qualsiasi soggetto di Singapore che non sia (i) un “institutional investor” ai sensi della Section 304 del Securities and Futures Act, Chapter 289 di Singapore (“SFA”), (ii) una “relevant person” (che comprende un investitore accreditato) ai sensi della Section 305 dell’SFA, fermo restando che anche in questi casi la distribuzione viene effettuata nel rispetto delle condizioni specificate dalla Section 305 dell’SFA o (iii) altri soggetti, in conformità e nel rispetto delle condizioni di qualsiasi altra disposizione applicabile emanata dall’SFA. La presente pubblicazione non è stata esaminata dalla Monetary Authority of Singapore. Australia – La presente pubblicazione è diffusa in Australia da Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Limited ACN: 122040037, AFSL n. 314182, che si assume la responsabilità del relativo contenuto. Questa pubblicazione e l’accesso alla stessa sono destinati unicamente ai “wholesale client” conformemente alla definizione dell’Australian Corporations Act.

NOTA INFORMATIVA

EMEA – La presente comunicazione di marketing è stata pubblicata da MSIM Fund Management (Ireland) Limited. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è una private company limited by shares di diritto irlandese, registrata con il numero 616661 e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda.

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore deve valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati. Prima di investire, si raccomanda agli investitori di esaminare attentamente i documenti d’offerta relativi alla strategia/al prodotto. Vi sono importanti differenze nel modo in cui la strategia viene realizzata nei singoli veicoli d’investimento.

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori.

I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento.

Le opinioni espresse sono quelle dell’autore o del team d’investimento alla data di redazione del presente materiale, possono variare in qualsiasi momento a causa di cambiamenti delle condizioni economiche o di mercato e potrebbero non realizzarsi. Inoltre, le opinioni non saranno aggiornate né altrimenti riviste per riflettere informazioni resesi disponibili in seguito, circostanze esistenti o modifiche verificatesi dopo la data di pubblicazione. Le tesi espresse non riflettono i giudizi di tutti i team di investimento di Morgan Stanley Investment Management (MSIM), né le opinioni dell’azienda nel suo complesso e potrebbero non trovare riscontro in tutte le strategie e in tutti i prodotti offerti dalla Società.

Le previsioni e/o stime fornite sono soggette a variazioni e potrebbero non realizzarsi. Le informazioni concernenti i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sulla ricerca, sull’analisi e sulle opinioni degli autori. Tali conclusioni sono di natura speculativa, potrebbero non realizzarsi e non intendono prevedere la performance futura di alcun prodotto specifico di Morgan Stanley Investment Management.

Alcune delle informazioni ivi contenute si basano sui dati ottenuti da fonti terze considerate affidabili. Ciò nonostante, non abbiamo verificato tali informazioni e non rilasciamo dichiarazione alcuna circa la loro correttezza o completezza.

La presente pubblicazione non è stata redatta dal Dipartimento di ricerca di Morgan Stanley e non è da intendersi quale raccomandazione di ricerca. Le informazioni contenute in questa pubblicazione non sono state predisposte in conformità a requisiti di legge finalizzati a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non sono soggette ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione dei risultati di tali ricerche.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale, redatta esclusivamente a scopi informativi ed educativi e che non costituisce un’offerta o raccomandazione per l’acquisto o la vendita di valori mobiliari o l’adozione di una specifica strategia d’investimento. Tutti gli investimenti comportano dei rischi, tra cui la possibile perdita del capitale. Le informazioni ivi contenute non tengono conto delle circostanze personali del singolo investitore e non rappresentano una consulenza d’investimento, né vanno in alcun modo interpretate quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

Tutti gli indici cui si fa riferimento nel presente documento sono proprietà intellettuale (inclusi i marchi commerciali registrati) dei rispettivi licenzianti. Eventuali prodotti basati su un indice non sono in alcun modo sponsorizzati, approvati, venduti o promossi dal rispettivo licenziante e il licenziante declina ogni responsabilità in merito.

MSIM non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente documento, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti. Inoltre, gli intermediari finanziari sono tenuti ad assicurarsi che le informazioni contenute nel presente documento siano adatte ai soggetti a cui trasmettono il presente documento alla luce delle circostanze e degli obiettivi di costoro. MSIM non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente documento da parte degli intermediari finanziari.

Il presente documento potrebbe essere stato tradotto in altre lingue. La versione originale in lingua inglese è quella predominante. In caso di discrepanze tra la versione inglese e quella in altre lingue del presente documento, farà fede la versione inglese.

Il presente documento non può essere riprodotto, copiato, modificato, utilizzato per creare un’opera derivata, eseguito, esposto, diffuso, pubblicato, concesso in licenza, incorniciato, distribuito, o trasmesso, integralmente o in parte, e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi, senza l’esplicito consenso scritto di MSIM Ireland. Nessun link può essere collegato al documento, se non per uso personale e non commerciale. Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore.

Morgan Stanley Investment Management è la divisione di asset management di Morgan Stanley.

 

La presente comunicazione ha carattere promozionale.

Prima di procedere è necessario leggere attentamente tutti i Termini e le Condizioni che illustrano i vincoli legali e normativi che regolano la divulgazione delle informazioni relative ai prodotti di investimento Morgan Stanley Investment Management.

È possibile che i servizi illustrati in questo sito Web non siano disponibili in tutte le giurisdizioni o a qualsiasi persona. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle condizioni d'uso.


Privacy e cookie    •    Istruzioni per l'uso

©  Morgan Stanley. Diritti riservati.