Insight Article Desktop Banner
 
 
Global Equity Observer
  •  
settembre 14, 2021

Avvisaglie sul riscaldamento globale

Insight Video Mobile Banner
 
settembre 14, 2021

Avvisaglie sul riscaldamento globale


Global Equity Observer

Avvisaglie sul riscaldamento globale

Share Icon

settembre 14, 2021

 
 

L’estate nell’Emisfero settentrionale ha portato incendi nel Nordest del Pacifico che sono arrivati a infuocare i cieli di New York, inondazioni devastanti in Germania, ondate di calore in Siberia, incendi senza precedenti in Turchia, Grecia e Italia e piogge torrenziali in Cina come non mai. Gli scienziati stanno valutando in che misura questi eventi abbiano un effetto moltiplicatore, visto che il riscaldamento globale ha accentuato l’aridità e che gli incendi sono arrivati in aree precedentemente troppo umide per poter bruciare, per poi lasciare il passo a precipitazioni torrenziali e devastazioni su continenti remoti, dato che l’aria più calda trasporta una maggior quantità d’acqua. Se la corrente a getto (i venti d’alta quota che circondano l’Emisfero settentrionale) viene interrotta, la capacità dei vecchi modelli meteorologici nel prevedere i trend futuri e la probabilità di eventi climatici estremi viene messa in discussione.  L’estate caratterizzata da incendi e inondazioni ha sollevato dubbi riguardo al fatto se i piani di ripresa post-emergenza siano correttamente rivolti agli affluenti così come ai fiumi principali, sul ruolo delle dighe nel sovvertire il corso naturale dei fiumi, sulla possibilità di nominare e classificare le ondate di calore così come si fa per gli uragani e sulle modalità con cui i meteorologi devono allertare il grande pubblico.

 
 
"
anche uno scenario di emissioni moderate vedrà le temperature aumentare di 2,1-3,5 gradi Celsius nei prossimi 20 anni
 
 
 

Nel luglio 2021 si è registrata la temperatura media mensile globale più calda della storia, riscaldando anche gli animi e i dibattiti in vista del COP26, il vertice delle Nazioni Unite sul clima che si terrà a Glasgow. La pubblicazione ad agosto del report del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico, stilato da più di 200 scienziati, indica che anche uno scenario di emissioni moderate con pochi cambiamenti negli attuali modelli di sviluppo globale vedrà le temperature aumentare di 2,1-3,5 gradi Celsius nei prossimi 20 anni. Per conseguire obiettivi di riscaldamento globale più ambiziosi, ed evitare così il ritiro irreversibile dei ghiacciai, la perdita della copertura di ghiaccio marino artico e il riscaldamento degli oceani, c’è bisogno di riduzioni "immediate, rapide e su larga scala" dei gas serra, con una crescente attenzione al metano proveniente dai giacimenti di gas naturale e dal bestiame e al suo potenziale di riscaldamento significativamente superiore a quello dell’anidride carbonica.

Le proposte legislative dell’agenda "Fit for 55" dell’Unione europea verranno prese più seriamente dinanzi a un contesto in cui i pericoli del rischio climatico appaiano più pressanti. La Commissione europea sta cominciando a definire le linee guida per aumentare le tasse sulle emissioni e introdurre nuovi meccanismi di adeguamento del carbonio alla frontiera per i settori inquinanti (ossia veri e propri dazi sul carbonio), eliminare gradualmente le vendite di auto a benzina e diesel entro il 2035 in tutto il blocco e al contempo incentivare le fonti rinnovabili e proteggere i bacini carboniferi, come le foreste e altri ecosistemi che sono cruciali per l’equilibrio del carbonio nell’atmosfera. I cambiamenti in tema di disuguaglianze hanno inoltre messo in luce la proposta di un Fondo sociale per il clima a supporto di quelli più colpiti dall’aumento dei costi.  I Democratici statunitensi stanno proponendo dazi su prodotti importati ad alta intensità di carbonio, alzando l’asticella delle politiche per il clima, mentre la Cina ha lanciato il proprio sistema nazionale di scambio delle emissioni, che al momento è il più grande a livello mondiale.

Qual è dunque il nostro pensiero circa il cambiamento climatico e in che modo il nostro team risponde alla necessità di adattarci alla crescente importanza dei criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) e della sostenibilità?

 
 
"
I percorsi avviati per ridurre le emissioni possono creare delle opportunità per chi fornisce soluzioni a basso impatto climatico, ma le normative potrebbero erodere i profitti
 
 
 

A nostro avviso, il cambiamento climatico presenta una serie di rischi e opportunità per le aziende, e questi sono in cima all’elenco dei fattori di cui teniamo conto caso per caso, per esempio valutandone la rilevanza ai fini della sostenibilità dei rendimenti sul capitale.  I percorsi avviati per ridurre le emissioni possono creare delle opportunità per chi fornisce soluzioni a basso impatto climatico, ma interventi di regolamentazione, tra cui tasse e prezzo delle emissioni, potrebbero erodere i profitti. Le condizioni meteorologiche estreme possono danneggiare gli asset tangibili o interrompere l’attività d’impresa.  La transizione energetica può sfociare in attività non recuperabili (“stranded assets”) e investimenti sprecati. Inoltre, le società non impegnate ad adattarsi o che si stanno muovendo più lentamente della concorrenza rischiano danni in termini di reputazione e perdita di clienti.

Nell’ambito del nostro approccio integrato ai fattori ESG, cerchiamo di interagire direttamente con le società per valutare la loro posizione sul cambiamento climatico. Ogni società presenta un punto di partenza diverso, un’esposizione diversa e si trova di solito in una fase diversa del percorso di decarbonizzazione.  Le nostre attività di engagement incentrate sul clima tendono a coprire aree quali la governance, gli obiettivi, la trasparenza, l’implementazione, i progressi, il rischio fisico, le opportunità in termini di prodotti e servizi e l’allineamento degli interessi dei vari stakeholder.

I nostri portafogli globali, categoricamente bottom-up e investiti in settori con elevate attività intangibili e scarsi beni tangibili rispetto ad altri, beneficiano di un ridotto rischio fisico derivante da eventi estremi rispetto ad altri settori.  Di norma, le posizioni chiave nel ramo software hanno un basso impatto ambientale per unità di ricavi e offrono nuove opportunità per vendere strumenti utili a misurare e minimizzare il proprio impatto ambientale. L’impronta diretta delle fabbriche che producono beni di consumo primari e sanitari e dei mezzi di distribuzione resta nettamente inferiore a quella dell’indice, benché questo non riduca la nostra attenzione sugli sforzi compiuti dalle aziende; di norma, in queste attività di coinvolgimento ci concentriamo su aree come gli approvvigionamenti sostenibili, gli imballaggi e altri effetti indiretti (emissioni Scope 3). 

 
 
"
i nostri portafogli globali investiti in settori con scarsi beni tangibili beneficiano di un ridotto rischio fisico derivante da eventi climatici estremi
 
 
 

Nei primi sei mesi del 2021, abbiamo coinvolto le società in portafoglio su questioni ESG 81 volte, di cui 55 riguardavano le problematiche ambientali. Interagiamo sistematicamente e in modo approfondito con le nostre aziende in merito alle loro strategie di decarbonizzazione. Ma è impossibile arrivare a uno scenario migliore con la sola decarbonizzazione. Le società (e i gestori di fondi) devono essere sempre più consapevoli – e contribuire a trovare soluzioni adeguate – del livello eccessivo di sfruttamento delle risorse naturali, dello spreco e del consumo delle risorse idriche e del loro impatto sulla biodiversità.  Le nostre interazioni sistematiche con le aziende si concentrano pertanto su un’ampia gamma di temi ESG, in particolare su quelli importanti e attinenti all’impresa in questione. Ci troviamo a dover affrontare un compito difficile.

Un contesto incerto, caratterizzato da cambiamenti climatici, timori geopolitici e un aumento anziché una riduzione dell’incidenza delle nuove varianti Covid in tutto il mondo, fa sì che, pur rimanendo attenti a potenziali opportunità, continuiamo a puntare sulla prudenza, a concentrarci su utili e flussi di cassa sostenibili, a dirigere il capitale verso una gestione che tiene in considerazione i criteri ESG e a dare priorità al rigore valutativo.

 
 

Considerazioni sui rischi

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento del portafoglio sarà raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero la possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal portafoglio diminuisca. I valori di mercato possono cambiare quotidianamente a causa di eventi economici e di altro tipo (ad es. catastrofi naturali, crisi sanitarie, terrorismo, conflitti e disordini sociali) che influenzano i mercati, i Paesi, le aziende o i governi. È difficile prevedere le tempistiche, la durata e i potenziali effetti negativi (ad esempio la liquidità del portafoglio) degli eventi. Di conseguenza, l’investimento in questa strategia può comportare una perdita per l’investitore. Inoltre, la strategia può essere esposta ad alcuni rischi aggiuntivi. I mutamenti che investono l’economia mondiale, la spesa al consumo, la concorrenza, i fattori demografici, le preferenze dei consumatori, le norme varate dai governi e le condizioni economiche possono influire negativamente sulle società che operano su scala globale e produrre sulla strategia un impatto negativo maggiore rispetto a quello che si sarebbe avuto se il patrimonio fosse stato investito in un più ampio ventaglio di società. Le valutazioni dei titoli azionari tendono in genere a oscillare anche in risposta a eventi specifici in seno a una determinata società. Gli investimenti nei mercati esteri comportano rischi specifici, quali rischi di cambio, politici, economici e di mercato. I titoli delle società a bassa e media capitalizzazione comportano rischi particolari, come l’esiguità delle linee di prodotto, rischi relativamente alle risorse finanziarie e di mercato e possono registrare una maggiore volatilità rispetto a quelli di società più consolidate di dimensioni maggiori. I rischi associati agli investimenti nei mercati emergenti sono maggiori di quelli associati agli investimenti nei mercati sviluppati esteri. Gli strumenti derivati possono amplificare le perdite in maniera sproporzionata e incidere significativamente sulla performance. Inoltre possono essere soggetti a rischi di controparte, di liquidità, di valutazione, di correlazione e di mercato. I titoli illiquidi possono essere più difficili da vendere e valutare rispetto a quelli quotati in borsa (rischio di liquidità). I portafogli non diversificati spesso investono in un numero più ristretto di emittenti. Pertanto, le variazioni della situazione finanziaria o del valore di mercato di un singolo emittente possono causare una maggiore volatilità. Le strategie ESG che incorporano investimenti a impatto e/o fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) potrebbero generare una performance relativa che si discosta da quella di altre strategie o benchmark generali a seconda del gradimento del mercato verso tali settori o investimenti. Di conseguenza, non vi è alcuna garanzia che le strategie ESG possano realizzare una migliore performance degli investimenti.

 
laura.bottega
Managing Director
 
 
Featured Funds
 
 
 
 
 

DISTRIBUZIONE

Questa comunicazione è destinata e sarà distribuita solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni dove la sua distribuzione o circolazione non siano vietate dalle leggi e normative vigenti.

Irlanda – MSIM Fund Management (Ireland) Limited. Sede legale: The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. Società registrata in Irlanda come private company limited by shares con il numero 616661. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Regno Unito – Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA, autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Dubai – Morgan Stanley Investment Management Limited (Representative Office, Unit Precinct 3-7th Floor-Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti. Telefono: +97 (0)14 709 7158). Germania – MSIM Fund Management (Ireland) Limited Niederlassung Deutschland, Grosse Gallusstrasse 18, 60312 Francoforte sul Meno, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG). Italia – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited, una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Banca Centrale d'Irlanda con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) con sede in Palazzo Serbelloni, Corso Venezia 16, 20121 Milano, Italia, è registrata in Italia con codice fiscale e P. IVA 11488280964. Paesi Bassi – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Paesi Bassi. Telefono: +31 2-0462-1300. Morgan Stanley Investment Management è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Francia – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Paris Branch (Sede Secondaria di Parigi) è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited, una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Banca Centrale d'Irlanda e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Paris Branch (Sede Secondaria di Parigi) con sede legale in 61 rue Monceau, 75008 Parigi, Francia, è registrata in Francia con numero di iscrizione 890 071 863 RCS. Spagna – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Sucursal en España (Sede Secondaria per la Spagna) è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited, una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Banca Centrale d'Irlanda e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Sucursal en España con sede in Calle Serrano 55, 28006, Madrid, Spagna, è registrata in Spagna con codice di identificazione fiscale W0058820B.  Svizzera – Stanley & Co. International plc, London, Zurich Branch, autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA). Iscritta al Registro di commercio di Zurigo CHE-115.415.770. Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurigo, Svizzera, Telefono +41 (0) 44 588 1000. Fax: +41(0) 44 588 1074.

Stati Uniti

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento. È richiesto un livello patrimoniale minimo. Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sul gestore degli investimenti.

Prima di investire si consiglia di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi, le commissioni e le spese dei comparti. I prospetti contengono queste e altre informazioni sui comparti. Una copia del prospetto può essere scaricata dal sito morganstanley.com/im o richiesta telefonando al numero +1-800-548-7786. Si prega di leggere attentamente il prospetto prima di investire.

Morgan Stanley Distribution, Inc. è il distributore dei comparti Morgan Stanley.

NON GARANTITO DALLA FDIC | PRIVO DI GARANZIA BANCARIA | RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE | NON GARANTITO DA ALCUN ENTE FEDERALE | NON È UN DEPOSITO

Hong Kong – Il presente documento è stato pubblicato da Morgan Stanley Asia Limited per essere utilizzato a Hong Kong e reso disponibile esclusivamente ai “professional investor” (investitori professionali) ai sensi delle definizioni contenute nella Securities and Futures Ordinance di Hong Kong (Cap 571). Il suo contenuto non è stato verificato o approvato da alcuna autorità di vigilanza, ivi compresa la Securities and Futures Commission di Hong Kong. Di conseguenza, fatte salve le esenzioni eventualmente previste dalle leggi applicabili, questo documento non può essere pubblicato, diffuso, distribuito, indirizzato o reso disponibile al pubblico a Hong Kong. Singapore – Il presente documento non deve essere considerato come un invito a sottoscrivere o ad acquistare, direttamente o indirettamente, destinato al pubblico o a qualsiasi soggetto di Singapore che non sia (i) un “institutional investor” ai sensi della Section 304 del Securities and Futures Act, Chapter 289 di Singapore (“SFA”), (ii) una “relevant person” (che comprende un investitore accreditato) ai sensi della Section 305 dell’SFA, fermo restando che anche in questi casi la distribuzione viene effettuata nel rispetto delle condizioni specificate dalla Section 305 dell’SFA o (iii) altri soggetti, in conformità e nel rispetto delle condizioni di qualsiasi altra disposizione applicabile emanata dalla SFA. La presente pubblicazione non è stata esaminata dalla Monetary Authority of Singapore. Australia – La presente pubblicazione è diffusa in Australia da Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Limited ACN: 122040037, AFSL n. 314182, che si assume la responsabilità del relativo contenuto. Questa pubblicazione e l’accesso alla stessa sono destinati unicamente ai “wholesale client” conformemente alla definizione dell’Australian Corporations Act.

Giappone – Il presente documento è destinato ai soli investitori professionali e viene diffuso o distribuito unicamente a scopi informativi. Per i destinatari che non siano investitori professionali, il presente documento viene fornito in relazione alle attività di Morgan Stanley Investment Management (Japan) Co., Ltd. (“MSIMJ”) concernenti i mandati di gestione discrezionale degli investimenti (“IMA”) e i mandati di consulenza di investimento (“IAA”) e non costituisce una raccomandazione o sollecitazione di transazioni od offerte relative a uno strumento finanziario specifico. In base ai mandati discrezionali di gestione degli investimenti, il cliente stabilisce le politiche di gestione di base in anticipo e incarica MSIMJ di prendere tutte le decisioni di investimento sulla base di un’analisi del valore e di altri fattori inerenti ai titoli e MSIMJ accetta tale incarico. Il cliente delega a MSIMJ i poteri necessari per effettuare gli investimenti. MSIMJ esercita tali poteri delegati sulla base delle decisioni d’investimento prese da MSIMJ e il cliente non impartisce istruzioni individuali. Tutti gli utili e le perdite degli investimenti spettano ai clienti; il capitale iniziale non è garantito. Si raccomanda di valutare gli obiettivi d’investimento e le tipologie di rischio prima di effettuare un investimento. La commissione applicabile ai mandati di gestione discrezionali o di consulenza d’investimento si basa sul valore degli attivi in questione moltiplicato per una determinata aliquota (il limite massimo è il 2,20% annuo inclusivo d’imposta), calcolata proporzionalmente alla durata del periodo contrattuale. Alcune strategie sono soggette a una commissione condizionata (contingency fee) in aggiunta a quella sopra menzionata. Potrebbero essere applicati altri oneri indiretti, come ad esempio le commissioni di intermediazione per l’acquisto di titoli inglobati in altri strumenti. Poiché questi oneri e spese variano a seconda delle condizioni contrattuali e di altri fattori, MSIMJ non è in grado di illustrare in anticipo aliquote, limiti massimi, ecc. Si raccomanda a tutti i clienti di leggere attentamente la documentazione fornita in vista della stipula del contratto prima di procederne alla sottoscrizione. Il presente documento è distribuito in Giappone da MSIMJ, n. registrazione 410 (Director of Kanto Local Finance Bureau (Financial Instruments Firms)), membro di: Japan Securities Dealers Association, The Investment Trusts Association, Japan, Japan Investment Advisers Association e Type II Financial Instruments Firms Association.

NOTA INFORMATIVA

EMEA – La presente comunicazione di marketing è stata pubblicata da MSIM Fund Management (Ireland) Limited. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è una private company limited by shares di diritto irlandese, registrata con il numero 616661 e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda.

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore deve valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati. Prima di investire, si raccomanda agli investitori di esaminare attentamente i documenti d’offerta relativi alla strategia/al prodotto. Vi sono importanti differenze nel modo in cui la strategia viene realizzata nei singoli veicoli d’investimento.

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale, redatta esclusivamente a scopi informativi ed educativi, che non costituisce un’offerta o raccomandazione per l’acquisto o la vendita di valori mobiliari o l’adozione di una specifica strategia d’investimento. Le informazioni ivi contenute non tengono conto delle circostanze personali del singolo investitore e non rappresentano una consulenza d’investimento, né vanno in alcun modo interpretate quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

Ove non diversamente indicato nel presente documento, le opinioni e i giudizi espressi sono quelli del team di gestione del portafoglio, sono basati sui dati disponibili alla data di redazione e non in date future e non saranno aggiornati né altrimenti rivisti per riflettere informazioni resesi disponibili in un momento successivo o circostanze o modifiche sopraggiunte successivamente alla data di pubblicazione.

Le previsioni e/o stime fornite sono soggette a variazioni e potrebbero non realizzarsi. Le informazioni concernenti i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sulla ricerca, sull’analisi e sulle opinioni degli autori. Tali conclusioni sono di natura speculativa, potrebbero non realizzarsi e non intendono prevedere la performance futura di alcun prodotto specifico di Morgan Stanley Investment Management.

MSIM non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente documento, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti.

Inoltre, gli intermediari finanziari sono tenuti ad assicurarsi che le informazioni contenute nel presente documento siano adatte ai soggetti a cui trasmettono il presente documento alla luce delle circostanze e degli obiettivi di detti individui. MSIM non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente documento da parte degli intermediari finanziari.

Il presente documento non può essere riprodotto, copiato, modificato, utilizzato per creare un’opera derivata, eseguito, esposto, diffuso, pubblicato, concesso in licenza, incorniciato, distribuito, o trasmesso, in tutto o in parte, sia direttamente che indirettamente, e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi, senza l’esplicito consenso scritto di MSIM. Nessun link può essere collegato a questo documento, se non per uso personale e non commerciale. Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore e altre leggi applicabili.

Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore.

 

Prima di procedere è necessario leggere attentamente tutti i Termini e le Condizioni che illustrano i vincoli legali e normativi che regolano la divulgazione delle informazioni relative ai prodotti di investimento Morgan Stanley Investment Management.

È possibile che i servizi illustrati in questo sito Web non siano disponibili in tutte le giurisdizioni o a qualsiasi persona. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle condizioni d'uso.


Privacy e cookie    •    Istruzioni per l'uso

©  Morgan Stanley. Diritti riservati.