Insight Article Desktop Banner
 
 
Global Fixed Income Bulletin
  •  
agosto 14, 2020
Andrà avanti così? La musica non cambia
Insight Video Mobile Banner
 
agosto 14, 2020

Andrà avanti così? La musica non cambia


Global Fixed Income Bulletin

Andrà avanti così? La musica non cambia

Share Icon

agosto 14, 2020

 
 

Luglio è stato un altro mese positivo per i mercati finanziari. Le solide performance dei mercati creditizi, emergenti e azionari sono state condivise in maniera alquanto inaspettata anche dai titoli di Stato. E, strano ma vero, il dollaro statunitense si è finalmente svalutato, uno sviluppo che le stime di consenso aspettavano da tempo. Normalmente i rendimenti dei titoli di Stato non diminuiscono quando obbligazioni e azioni guadagnano quota. Che qualcuno abbia preso una svista? Non necessariamente. ll rally dei mercati creditizi ed emergenti poggia sulla certezza che la Fed (e in generale le banche centrali di tutto il mondo) continueranno a fornire supporti straordinari all’economia attraverso una combinazione senza precedenti di politiche monetarie e fiscali espansive. L’apprezzamento registrato a luglio dai titoli di Stato rispecchia la fiducia dei mercati nel fatto che la politica monetaria continuerà ad essere di supporto a tempo indeterminato. È probabile che le cose andranno esattamente così.

 
 

Sul fronte delle politiche di bilancio a livello globale sono arrivate ulteriori buone notizie. L’intesa raggiunta dall’UE per la creazione di un Fondo europeo per la ripresa da 750 miliardi di euro ha segnalato in modo chiaro che la politica fiscale sarà uno strumento utilizzato a livello comunitario per combattere la recessione, rafforzando le iniziative di politica monetaria della BCE. Inoltre, la BCE ha potenziato il suo piano PEPP (Pandemic Emergency Asset Purchase Program) portandolo da 750 a 1.350 miliardi di euro.1 La creazione del Fondo per la ripresa risolleverà in maniera radicale la fiducia nei confronti delle prospettive di crescita europee, riducendo i rischi di bilancio nell’Europa meridionale, in particolare in Italia, e aumentando l’attrattiva dell’euro. Per finire, la Fed ha prorogato di altri tre mesi tutti i suoi finanziamenti di emergenza, tra cui il PPP (Paycheck Protection Program) destinato alle piccole imprese e il TALF (Term Asset-Backed Securities Loan), che dureranno quindi almeno fino a dicembre.

I dati economici hanno continuato a sorprendere al rialzo, tuttavia le notizie sul fronte della pandemia e sul baratro fiscale statunitense non sono state altrettanto positive. I focolai in diversi Stati americani e in altre parti del mondo hanno destato forti preoccupazioni. D’altro canto, le crescenti probabilità di avere un vaccino già a fine anno hanno compensato questi timori. La disponibilità su vasta scala di un vaccino rappresenterebbe ovviamente lo sviluppo decisivo. I mercati devono scontare questa probabilità, ma anche quella che la pandemia non sia ancora sotto controllo, perlomeno non nella misura in cui tutti avevamo ipotizzato. Pertanto, non sorprende che i mercati possano continuare a salire nonostante le notizie negative sul fronte delle riaperture e del rischio di seconde ondate. Malgrado la conclusione dei supporti fiscali temporanei prevista per fine mese, i mercati statunitensi non hanno perso il loro ottimismo in quanto l’unico esito verosimile delle negoziazioni al Congresso è parsa essere l’approvazione di una Fase IV delle misure di sostegno. Pur mancando ancora l’accordo in tal senso, non converrebbe a nessuno dei due partiti far decadere interamente la legislazione precedente, soprattutto alla luce delle imminenti elezioni di novembre. Prevediamo che l’intesa verrà raggiunta nel mese di agosto per garantire flussi ininterrotti ai soggetti più colpiti dalla pandemia. Eventuali ritardi significativi potrebbero mettere a repentaglio i progressi compiuti sul fronte della fiducia e della spesa dei consumatori.

Malgrado le buone notizie sul fronte legislativo, non mancano ostacoli all’orizzonte. I dissidi politici ed economici tra Stati Uniti e Cina si sono inaspriti, il baratro fiscale statunitense è vivo e vegeto e le presidenziali sono dietro l’angolo, aumentano i focolai di Covid, i vaccini restano una speranza più che una realtà e d’ora in avanti è probabile che il miglioramento dei dati economici proceda a un ritmo più lento. Restiamo ottimisti circa il fatto che non verranno reimposti blocchi totali dell’attività economica e che i dati continueranno a mostrare miglioramenti graduali benché non necessariamente lineari. La musica non cambia.

 
 
 
Figura 1: Andamento dei titoli da inizio anno
 

Nota: performance in USD. Fonte: Bloomberg. Dati al 31 luglio 2020. Gli indici riportati hanno scopo puramente illustrativo e non intendono rappresentare la performance di un investimento specifico. I rendimenti passati non sono indicativi di risultati futuri.Per le definizioni degli indici si rimanda alle pagg. 14, 15, 16 e 17.

 
 
 
Figura 2: Variazioni valutarie mensili rispetto all’USD
 

Fonte: Bloomberg. Dati al 31 luglio 2020. Nota: per variazione positiva si intende l’apprezzamento della valuta nei confronti dell’USD.

 
 
 
Figura 3 – Principali variazioni mensili dei rendimenti e degli spread decennali
 

Fonte: Bloomberg, JP Morgan. Dati al 31 luglio 2020.

 
 

Prospettive per il mercato obbligazionario

Continuiamo a ritenere che le prospettive per il mercato obbligazionario siano moderatamente rialziste. Le valutazioni sono diventate più alte a seguito del rally dei mercati, ma il flusso di informazioni è stato nel complesso positivo, imprimendo slancio ai prezzi dei titoli. Malgrado i passi indietro sul fronte delle riaperture, non anticipiamo un’inversione del trend e siamo pertanto certi che le economie continueranno a ridurre le misure di contenimento nei prossimi mesi. Inoltre, notizie positive sui nuovi trattamenti e sui vaccini potrebbero imprimere ulteriore slancio al clima di fiducia, con l’eventualità concreta di una sorpresa positiva visto l’elevato numero di vaccini attualmente in fase di sviluppo e la possibilità di un iter di approvazione abbreviato. Ciò detto, sussiste il rischio di una correzione qualora i mercati dovessero giudicare insoddisfacenti le notizie in arrivo, considerando anche che le valutazioni sono divenute meno convenienti.

La ripresa economica è proseguita nel mese di luglio, supportando la tesi ottimistica. I mercati del lavoro si sono rafforzati, la produzione è aumentata e la fiducia delle imprese sia nel settore manifatturiero che in quello dei servizi è migliorata. Tuttavia, i pronunciati rimbalzi dell’economia (a forma di V) registrati finora sono probabilmente destinati a rallentare man mano che le traiettorie di crescita si stabilizzano. Uno sviluppo non necessariamente negativo ma che va scontato nei prezzi delle attività finanziarie, mossisi sensibilmente al rialzo. Infine, notiamo una serie di possibili rischi: una riapertura disordinata delle economie a fronte di una seconda ondata peggiore del previsto, l’inasprimento delle tensioni USA-Cina (Hong Kong/scambi commerciali) e dei problemi geopolitici in altre regioni (Russia/India vs. Cina) con effetti negativi sul clima di fiducia.

Gli ultimi sviluppi sul fonte delle politiche sono nel complesso positivi, ma i ritardi nella proroga delle misure fiscali statunitensi rischiano di intaccare nuovamente la fiducia dei consumatori, così faticosamente riconquistata. A nostro avviso verrà trovato un compromesso entro il mese in corso, ma permane il rischio di un mancato accordo. In Europa, invece, l’UE ha raggiunto un accordo su un piano fiscale comunitario su vasta scala per far fronte alla crisi, segnando uno storico passo in avanti verso la mutualizzazione del debito. Si tratta di una notizia estremamente positiva per le prospettive economiche, il rischio sistemico dell’UE e l’euro. Inoltre, ci aspettiamo che la politica monetaria globale resti in modalità “whatever it takes” e che i rendimenti bassi e stabili dei titoli di Stato riflettano questa crescente consapevolezza. La Fed dovrebbe annunciare i risultati della sua revisione strategica della politica monetaria a settembre, alimentando l’aspettativa che la banca centrale manterrà i tassi su livelli estremamente contenuti per molto tempo continuando ad accrescere il suo bilancio.

Malgrado lo stupore e il nervosismo causato sui mercati dai rendimenti governativi bassi e in calo, noi non siamo affatto preoccupati. I rendimenti eccezionalmente bassi sono parte della soluzione agli affanni economici mondiali. Con i deficit pubblici e i livelli d’indebitamento societario sui massimi storici, è fondamentale poter contare su tassi d’interesse contenuti e stabili. Qualcuno potrebbe chiamarla fiscalizzazione (pubblica e privata) della politica monetaria, ossia il finanziamento dei deficit ad opera delle banche centrali. Certo, i rendimenti potrebbero leggermente salire, ma non vediamo motivi validi per essere ribassisti sui tassi privi di rischio. Ma i tassi statunitensi possono davvero diminuire ancora? L’esempio dell’Europa e del Giappone suggerisce che è possibile. In entrambi i casi, le banche centrali hanno introdotto politiche basate su tassi d’interesse negativi. Se la Fed non escluderà un simile scenario, i mercati dovranno scontare nei prezzi la probabilità che si verifichi. Ad oggi sembra improbabile che la Fed farà ricorso a tassi d’interesse negativi o a livelli target della curva dei tassi. Una scoperta scientifica che metta fine alla pandemia e l’esigenza di politiche monetarie di emergenza introdurrebbero il rischio di un aumento dei rendimenti.

Rimaniamo cautamente ottimisti sul debito emergente alla luce delle valutazioni ancora interessanti benché ormai meno convenienti e degli imponenti supporti pubblici provenienti sia dal mondo avanzato che dai paesi emergenti. Malgrado il forte rialzo messo a segno il trimestre scorso, riteniamo che il debito emergente offra tuttora valore, in particolare nei titoli high yield in valuta forte e, in minor misura, nelle valute, dato che il trend di indebolimento del dollaro si sta esaurendo e i differenziali di crescita rispetto ai paesi sviluppati non hanno esibito alcun miglioramento rilevante. Non mancano tuttavia i rischi, e tra questi figurano i passi falsi compiuti dalle autorità nei mercati emergenti.

I mercati creditizi continuano a registrare buone performance. Questo trend difficilmente cambierà rotta, benché, al pari dei dati economici, il ritmo è destinato a rallentare. La progressiva dinamica di avvicinamento (e in alcuni casi superamento) degli spread alle medie storiche renderà difficile un ulteriore restringimento in assenza di altri miglioramenti dei fondamentali (o del supporto tecnico fornito dagli acquisti delle banche centrali). A nostro avviso le misure pubbliche di supporto proseguiranno: il comportamento delle aziende, infatti, è positivo (rischio di default ridotto dall’accumulo di liquidità, vendite di attivi, riduzioni dei dividendi e della spesa per investimenti) e, secondo le attese, l’offerta dovrebbe diminuire a fronte del minore fabbisogno di cassa delle aziende. Molti dei danni economici dovrebbero rivelarsi transitori e pertanto non eccessivamente negativi per le valutazioni societarie complessive. Man mano che la situazione delle economie migliora, le performance aziendali dovrebbero risollevarsi in maniera significativa; le perdite di breve termine e l’aumento della leva finanziaria diventeranno meno importanti, anche se continueranno a fare la differenza ai fini di individuare le società in grado di generare sovraperformance. Salvo notizie catastrofiche sul fronte economico o sanitario, i differenziali delle obbligazioni investment grade e high yield dovrebbero tendere al ribasso da qui a fine anno. Tuttavia, alla luce del recente rally, è da mettere in conto un parziale consolidamento.

Anche il mercato delle cartolarizzazioni ha continuato a registrare performance solide e stabili nel mese di luglio. Le opportunità continuano a mostrare una biforcazione. Il margine di miglioramento residuo degli spread dei titoli AAA appare limitato dato che tali emissioni hanno recuperato l’80-90% dell’allargamento causato dal Covid. D’altro canto, è improbabile che i differenziali AAA registrino ampliamenti di rilievo visti i minori volumi di emissione e i 100 miliardi di dollari del TALF pronti a entrare in campo alle prime avvisaglie di un aumento dei differenziali. Di contro, i segmenti di minore qualità, in particolare le fasce BBB e BB, presentano un ampio margine di restringimento residuo. Nonostante la parziale compressione degli spread osservata negli ultimi tre mesi, i differenziali dei titoli cartolarizzati di minore qualità restano nettamente al di sopra dei livelli di febbraio e si sono ridotti in misura inferiore rispetto a quelli delle obbligazioni societarie. I dati fondamentali rimangono critici e i mercati restano all’erta per cogliere possibili segnali di un grave deterioramento della qualità creditizia a causa dell’aumento della disoccupazione. Finora, però, il deterioramento delle performance è stato decisamente moderato per molti settori e nettamente inferiore alle attese. Confermiamo il sovrappeso.

Tassi d’interesse e di cambio dei Mercati Sviluppati

Analisi mensile

Mel mese di luglio è proseguito il generale miglioramento dei dati economici, in ripresa rispetto ai mesi precedenti e, quasi uniformemente, superiori alle attese degli analisti. Tuttavia, nonostante il marcato miglioramento della crescita, il livello assoluto dell’attività economica resta ampiamente al di sotto del normale. Questo appare evidente guardando i dati del PIL del secondo trimestre, che vedono Stati Uniti ed Eurozona accusare la peggiore contrazione della storia a causa della pandemia. Pertanto, malgrado sia innegabile che le economie si stiano riprendendo più velocemente dai lockdown dovuti al coronavirus, siamo ancora lontani dalla normalità. Pur in presenza di dati migliori del previsto, nel periodo i rendimenti dei titoli di Stato decennali hanno subito una flessione in tutti i mercati sviluppati, mentre le banche centrali sono rimaste accomodanti e hanno nuovamente segnalato la disponibilità a fornire ulteriore supporto in caso di bisogno. Il dollaro statunitense ha perso terreno rispetto a tutte le valute del G10 e anche i premi al rischio e di liquidità ad esso associati hanno subito una flessione. A quanto pare, gli investitori sono passati ai metalli preziosi come riserva liquida di valore.

Prospettive

Per i mesi a venire, ci aspettiamo che le politiche monetarie rimarranno accomodanti e i titoli rischiosi ben supportati in tutti i mercati sviluppati, al fine di favorire l’ulteriore stabilizzazione dell’economia globale e dei mercati finanziari. Dopo i decisi interventi dei mesi precedenti, la maggior parte delle banche centrali sta ora monitorando attentamente i dati economici e valutando altri possibili interventi di politica fiscale. Nonostante il miglioramento generalizzato dei dati economici, le spinte inflazionistiche sono molto deboli e le economie sono state duramente colpite da uno shock esogeno; di conseguenza è quasi sicuro che le banche centrali siano pronte a intervenire con ulteriori misure accomodanti, adottando con ogni probabilità misure politiche non convenzionali (QE e iniezioni di liquidità).

Tassi d’interesse e di cambio dei Mercati Emergenti

Analisi mensile

La liquidità globale ha avvicinato le valutazioni ai livelli pre-Covid e, come in altre aree dell’obbligazionario, anche i rendimenti dei mercati emergenti hanno continuato a scendere e gli spread a comprimersi. A luglio, la fase economica positiva dei mercati emergenti è proseguita, anche se a ritmi più lenti, e l’indice PMI Markit relativo al settore manifatturiero è passato in territorio espansivo a 51,4 punti, mentre gli indici PMI relativi al settore dei servizi si sono fermati a quota 49,2, di poco sotto la soglia critica dei 50 punti (che segnala un’espansione).2 Il perdurante ottimismo ha inoltre favorito le materie prime, come evidenziato dal generale rincaro dell’energia, dei metalli e delle derrate agricole, ad eccezione del mais e dei semi di soia. Il debito sovrano denominato in dollari ha generato le performance migliori. In questa classe di attivo, il segmento investment grade ha superato l’high yield, grazie anche al calo dei rendimenti dei Treasury statunitensi.3 Il debito domestico ha seguito l’andamento dei titoli sovrani denominati in dollari, poiché le valute emergenti, in particolare quelle collegate all’euro, si sono rafforzate nei confronti del biglietto verde e le obbligazioni in valuta locale hanno generato performance positive. Nel mese, i titoli societari hanno seguito le orme di quelli sovrani, anche grazie alla minore duration, mentre la performance è risultata equamente suddivisa tra high yield e investment grade. A livello settoriale, le aziende dei settori petrolio/gas, infrastrutture e metalli/estrazioni hanno sovraperformato il mercato, mentre quelle dei settori trasporti, finanza, servizi diversificati e immobiliare sono rimaste indietro.4

Prospettive

Rimaniamo cautamente ottimisti sul debito emergente nel breve termine, alla luce delle valutazioni meno convenienti, degli insuccessi nella lotta al coronavirus in alcuni paesi (principalmente negli Stati Uniti e in alcune nazioni emergenti) e dell’acuirsi delle incertezze politiche con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Nel complesso, riteniamo che in tutto il mondo le riaperture proseguiranno nei prossimi mesi e che i focolai potranno essere gestiti in maniera più mirata, limitando quindi il rallentamento dell’attività economica globale. Malgrado il forte rialzo messo a segno il trimestre scorso dagli attivi rischiosi, riteniamo che il debito emergente offra tuttora valore, in particolare nei titoli high yield in valuta forte e, in minor misura, nelle valute, dato che il trend di indebolimento del dollaro si sta esaurendo e i differenziali di crescita rispetto ai paesi sviluppati non hanno esibito alcun miglioramento rilevante. Non mancano inoltre i rischi, come quelli di una riapertura disordinata delle economie e di un’escalation delle tensioni USA-Cina (problemi sul fronte commerciale e tecnologico/questioni geopolitiche) alimentate dall’imminenza delle elezioni negli Stati Uniti, per non parlare di altri conflitti geopolitici (Russia-Ucraina, India-Cina, Libia, ecc.), tutti aspetti che hanno effetti negativi sul clima di fiducia.

Credito

Analisi mensile

Nel corso del mese di luglio gli spread si sono ristretti sia negli Stati Uniti che in Europa. Diversi fattori hanno contribuito a spingere al ribasso i differenziali creditizi durante il mese.

  1. L’attività economica ha continuato a risollevarsi, supportata dal graduale allentamento delle misure di lockdown in tutto il mondo (benché l’ottimismo sia stato stemperato verso fine mese dalla decisione di alcuni paesi di non procedere a ulteriori distensioni delle restrizioni a causa dell’aumento dei nuovi contagi).
  2. Il contesto tecnico è stato positivo per i mercati creditizi (forte domanda di obbligazioni, testimoniata dagli afflussi nei fondi creditizi, e continui acquisti da parte delle banche centrali in un contesto di scarsità dell’offerta primaria con l’inizio della tradizionale calma estiva e le società alle prese con l’azzeramento degli utili nel secondo trimestre).
  3. Finora la stagione degli utili del secondo trimestre non ha fatto emergere temi imprevisti né sorprese negative.

Prospettive di mercato

Le aziende hanno reagito al coronavirus concentrandosi sulla raccolta di liquidità e sul rafforzamento delle posizioni liquide. Ciò ha comportato una serie di strategie quali aumenti di capitale, emissione di obbligazioni societarie, riduzione dei dividendi e contenimento della spesa in conto capitale. Si tratta di una risposta razionale in un’ottica di gestione d’impresa davanti all’incertezza delle prospettive economiche, anche se non si è trattato di una risposta omogenea in tutti i settori, in quanto quelli con caratteristiche più cicliche sono stati più attivi in questo senso a fronte del maggiore rischio aziendale affrontato.

Prodotti cartolarizzati

Analisi mensile

A luglio i mercati dei titoli cartolarizzati hanno replicato l’andamento di giugno, continuando a guadagnare quota; i segmenti dei crediti al consumo, degli immobili commerciali garantiti da stabili direzionali e degli immobili residenziali hanno tutti registrato un restringimento degli spread. Tuttavia, i settori più colpiti dalla pandemia, come i titoli garantiti da ipoteche commerciali (CMBS) legati agli alberghi e alle vendite al dettaglio, hanno continuato a registrare performance deludenti durante il mese. Negli Stati Uniti il quadro economico, pur in miglioramento, rimane debole, con oltre 50 milioni di richieste di sussidi di disoccupazione e il tasso di disoccupazione ancora sopra l’11%.

Prospettive

Gli spread dei titoli di fascia AAA hanno ormai recuperato l’80-90% dell’ampliamento dovuto al Covid-19, pertanto il margine di restringimento residuo ci appare limitato viste le attuali condizioni creditizie. D’altro canto, è improbabile che i differenziali AAA registrino ampliamenti di rilievo visti i minori volumi di emissione e i 100 miliardi di dollari del TALF pronti a entrare in campo alle prime avvisaglie di un aumento dei differenziali. Viceversa, i segmenti di minore qualità, in particolare le fasce BBB e BB, presentano un ampio margine di compressione residuo. Nonostante la parziale compressione degli spread osservata negli ultimi tre mesi, i differenziali dei titoli cartolarizzati di minore qualità restano nettamente al di sopra dei livelli di febbraio e si sono ridotti in misura inferiore rispetto a quelli delle obbligazioni societarie. I dati fondamentali restano critici e gli occhi degli investitori sono puntati sui possibili segnali di un sostanziale deterioramento del credito riconducibili all’aumento della disoccupazione, ma finora il peggioramento delle performance di molti settori cartolarizzati è stato decisamente moderato nonché inferiore alle aspettative degli operatori.

 
 

1 Fonte: Banca centrale europea, dati al 31 luglio 2020.

2 Fonte: Bloomberg, dati al 31 luglio 2020

3 Fonte: JP Morgan, dati al 31 luglio 2020

4 Fonte: JP Morgan, dati al 31 luglio 2020

 
 

CONSIDERAZIONI SUI RISCHI

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento del portafoglio sarà raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero alla possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal portafoglio diminuisca e che il valore delle azioni del portafoglio sia conseguentemente inferiore all’importo pagato dall’investitore per acquistarle. I valori di mercato possono cambiare quotidianamente a causa di eventi economici e di altro tipo (ad es. catastrofi naturali, crisi sanitarie, terrorismo, conflitti e disordini sociali) che influenzano i mercati, i Paesi, le aziende o i governi. È difficile prevedere le tempistiche, la durata e i potenziali effetti negativi (ad esempio la liquidità del portafoglio) degli eventi. Di conseguenza, l’investimento in un portafoglio può comportare una perdita per l’investitore. I titoli obbligazionari sono soggetti alla capacità dell’emittente di rimborsare puntualmente capitale e interessi (rischio di credito), alle variazioni dei tassi d’interesse (rischio di tasso d’interesse), al merito di credito dell’emittente e alle condizioni generali di liquidità del mercato (rischio di mercato). In un contesto di tassi d’interesse al rialzo, i corsi obbligazionari possono diminuire e dar luogo a periodi di volatilità e a maggiori richieste di rimborso. In un contesto di tassi d’interesse al ribasso, il portafoglio potrebbe generare un reddito inferiore. I titoli con scadenze più lunghe possono essere maggiormente sensibili alle variazioni dei tassi d’interesse. Determinati titoli di Stato americani acquistati dalla strategia, come quelli emessi da Fannie Mae e Freddie Mac, non sono garantiti dal “full faith and credit” (piena fiducia e credito) degli Stati Uniti. È possibile che in futuro questi emittenti non dispongano dei fondi per onorare i propri obblighi di pagamento. I prestiti bancari quotati sono soggetti al rischio di liquidità e ai rischi di credito tipici dei titoli con rating inferiori. Le obbligazioni high yield (dette anche “junk bonds”) sono titoli con rating inferiori che possono comportare livelli più elevati di rischio di credito e di liquidità. I titoli di debito sovrani sono soggetti al rischio di insolvenza. I titoli garantiti da ipoteche e da collaterale sono esposti al rischio di rimborso anticipato e a un più elevato rischio d’insolvenza e possono essere difficili da valutare e vendere (rischio di liquidità). Essi sono altresì soggetti ai rischi di credito, di mercato e di tasso d’interesse. Il mercato valutario è altamente volatile e i suoi prezzi sono influenzati da diversi fattori, tra cui la dinamica della domanda e dell’offerta di una determinata valuta, il commercio, i programmi e le politiche fiscali, monetarie e di controllo della valuta nazionale o estera e le variazioni dei tassi d’interesse nazionali o esteri. Gli investimenti nei mercati esteri comportano rischi specifici, quali rischi di cambio, politici, economici e di mercato. Investire nei Paesi Emergenti comporta rischi maggiori che investire nei mercati esteri in generale. Gli strumenti derivati possono amplificare le perdite in maniera sproporzionata e incidere significativamente sulla performance. Inoltre possono essere soggetti a rischi di controparte, di liquidità, di valutazione, di correlazione e di mercato. I titoli vincolati e illiquidi possono essere più difficili da vendere e valutare rispetto a quelli quotati in borsa (rischio di liquidità). A causa della possibilità che i rimborsi anticipati alterino i flussi di cassa sulle collateralized mortgage obligation (CMO), non è possibile determinare in anticipo la relativa data di scadenza finale o la vita media. Inoltre, il portafoglio potrebbe subire perdite qualora le garanzie collaterali sulle CMO o eventuali garanzie di terzi fossero insufficienti per onorare i pagamenti.

 
 
 
The Global Fixed Income team follows a seamless process with a global outlook. They seek to identify and capture the potential value in situations where the market's implied forecasts are extreme.
 
 
 
 
 

DEFINIZIONI

R* è il tasso d’interesse reale a breve termine che si dovrebbe verificare quando l’economia si trova in un punto di equilibrio, segno che la disoccupazione ha raggiunto un tasso neutrale e che l’inflazione si trova al tasso di riferimento.

DEFINIZIONI DEGLI INDICI

Gli indici utilizzati nel presente rapporto non rappresentano la performance di un investimento specifico e non comprendono spese, commissioni od oneri di vendita, che ridurrebbero la performance. Gli indici riportati non sono gestiti e non sono strumenti investibili. Non è possibile investire direttamente in un indice.

L’indice Bloomberg Barclays Euro Aggregate Corporate (Bloomberg Barclays Euro IG Corporate) è costruito per replicare l’andamento del mercato delle obbligazioni societarie investment grade denominate in euro.

L’indice Bloomberg Barclays Global Aggregate Corporate è la componente societaria del Barclays Global Aggregate, un indice ad ampia base rappresentativo dei mercati obbligazionari investment grade globali.

L'indice Bloomberg Barclays U.S. Corporate (Bloomberg Barclays U.S. IG Corp) è un benchmark ad ampia rappresentatività che misura l’andamento delle obbligazioni societarie investment grade a tasso fisso soggette a imposizione fiscale.

L'indice Bloomberg Barclays U.S. Corporate High Yield misura l’andamento del mercato statunitense delle obbligazioni societarie non investment grade a tasso fisso denominate in dollari e fiscalmente imponibili. I titoli sono classificati high yield se il rating medio di Moody’s, Fitch e S&P è pari o inferiore a Ba1/BB+/BB+. L’indice non comprende le obbligazioni dei Mercati Emergenti.

L'indice Bloomberg Barclays U.S. Corporate è un benchmark ad ampia rappresentatività che misura l’andamento delle obbligazioni societarie investment grade a tasso fisso fiscalmente imponibili. L’indice Bloomberg Barclays U.S. Corporate è un benchmark ad ampia rappresentatività che misura l’andamento delle obbligazioni societarie investment grade a tasso fisso fiscalmente imponibili.

L’indice Bloomberg Barclays U.S. Mortgage Backed Securities (MBS) replica l’andamento dei titoli pass-through di agenzia garantiti da ipoteche (sia ARM a tasso fisso che ibridi), garantiti da Ginnie Mae (GNMA), Fannie Mae (FNMA) e Freddie Mac (FHLMC). L’indice è costruito aggregando vari gruppi di titoli MBS con regolamento futuro in data da definirsi all’interno di portafogli generali sulla base delle condizioni di rimborso, cedole e anno di emissione. Introdotti nel 1985, gli indici a tasso fisso GNMA, FHLMC e FNMA per i titoli a 30 e 15 anni sono stati rispettivamente retrodatati a gennaio 1976, maggio 1977 e novembre 1982. Nell’aprile del 2007 sono entrati a far parte dell’indice anche i titoli ipotecari pass-through ibridi di agenzia a tasso variabile (ARM).

L’indice dei prezzi al consumo (IPC) è una misura che esamina la media ponderata dei prezzi di un paniere di beni e servizi di consumo, come trasporti, alimenti e assistenza medica.

Euro vs. USD – rendimento totale dell’euro rispetto al dollaro USA.

Titoli di Stato tedeschi a 10 anni—Germany Benchmark 10-Year Datastream Government Index; titoli di Stato giapponesi a 10 anni —Japan Benchmark 10-Year Datastream Government Index; titoli di Stato USA a 10 anni—U.S. Benchmark 10-Year Datastream Government Index.

L’indice ICE BofAML European Currency High-Yield Constrained Index (ICE BofAML Euro HY constrained) è concepito per replicare la performance delle obbligazioni societarie in euro e sterline di qualità inferiore a investment grade emesse da emittenti internazionali nei mercati eurobond o in sterline ed euro locali.

L’indice ICE BofAML U.S. Mortgage-Backed Securities (ICE BofAML U.S. Mortgage Master) segue la performance dei titoli pass-through garantiti da ipoteche residenziali a tasso fisso e ibridi denominati in dollari, emessi da agenzie statunitensi nel mercato interno USA.

L’indice ICE BofAML U.S. High Yield Master II Constrained (ICE BofAML U.S. High Yield) è un indice ponderato per il valore di mercato di tutte le obbligazioni high yield domestiche e “Yankee”, comprese le obbligazioni a interesse posticipato e i titoli con pagamento “in natura”. I titoli che lo compongono hanno scadenze di almeno un anno e un rating di credito inferiore a BBB-/Baa3, ma non sono insolventi.

L’indice ISM del settore manifatturiero è basato su indagini condotte presso oltre 300 aziende manifatturiere dall’Institute of Supply Management. L’indice ISM del settore manifatturiero monitora i livelli di occupazione, le scorte di produzione, i nuovi ordini e le consegne dei fornitori. L’indice di diffusione composito è stato creato al fine di monitorare le condizioni del settore manifatturiero nazionale sulla base dei dati risultanti da tali indagini.

L’andamento delle obbligazioni governative decennali italiane è seguito dall’indice ufficiale Datastream per l’Italia.

L’indice JP Morgan CEMBI Broad Diversified è un benchmark globale del debito societario liquido dei Mercati Emergenti che replica l’andamento delle obbligazioni societarie denominate in USD emesse da società dei Mercati Emergenti.

L’indice JPMorgan Government Bond Index—Emerging Markets (JPM local EM debt) replica l’andamento delle obbligazioni in valuta locale emesse dai governi dei Paesi Emergenti. L’indice è posizionato come benchmark investibile che comprende soltanto quei Paesi accessibili da gran parte del parterre di investitori internazionali (escluse Cina e India dal settembre 2013).

L’indice JPMorgan Government Bond Index Emerging Markets (JPM External EM Debt) replica l’andamento delle obbligazioni in valuta locale emesse dai governi dei Paesi Emergenti. L’indice è posizionato come benchmark investibile che comprende soltanto quei Paesi accessibili da gran parte del parterre di investitori internazionali (escluse Cina e India dal settembre 2013).

L’indice JP Morgan Emerging Markets Bond Index Global (EMBI Global) replica i rendimenti totali di strumenti di debito in valuta estera negoziati nei Mercati Emergenti ed è una versione ampliata del JPMorgan EMBI+. Come per l’EMBI+, l’indice EMBI Global include obbligazioni Brady denominate in dollari statunitensi, prestiti ed eurobond con valore nominale in circolazione minimo di USD 500 milioni.

L’indice JP Morgan GBI-EM Global Diversified è un benchmark globale liquido, ponderato per la capitalizzazione di mercato, delle obbligazioni societarie dei Mercati Emergenti denominate in dollari USA, rappresentativo delle regioni Asia, America Latina, Europa e Medio Oriente/Africa.

JPY vs. USD – rendimento totale dello yen giapponese rispetto al dollaro USA.

L’indice di accessibilità delle abitazioni compilato dalla National Association of Realtors confronta il reddito medio con il costo medio delle abitazioni.

L’indice Nikkei 225 (Japan Nikkei 225) è un indice ponderato per il prezzo che segue l’andamento delle 225 maggiori società nipponiche quotate alla Borsa di Tokyo.

L’indice MSCI AC Asia ex-Japan Index (MSCI Asia ex-Japan) replica l’andamento delle società large e mid cap di due dei tre Mercati Sviluppati asiatici (Giappone escluso) e di otto Mercati Emergenti della regione.

L’indice MSCI All Country World (ACWI, MSCI global equities) è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato corretta per il flottante che misura la performance dei listini azionari dei Mercati Sviluppati ed Emergenti. Il termine “flottante” è riferito alla quota di azioni in circolazione considerate disponibili per l’acquisto da parte degli investitori sui mercati azionari quotati. La performance dell’indice è espressa in dollari USA e prevede il reinvestimento dei dividendi netti.

L’indice MSCI Emerging Markets (MSCI emerging equities)  raggruppa titoli rappresentativi di società a media e alta capitalizzazione di 23 mercati emergenti.

L’indice MSCI World (MSCI developed equities) raggruppa titoli rappresentativi di società a media e alta capitalizzazione di 23 Mercati Sviluppati.

L’indice dei direttori degli acquisti (PMI) è un indicatore dello stato di salute economica del settore manifatturiero.

L’indice S&P 500® (U.S. S&P 500) misura la performance del segmento delle large cap nel mercato azionario statunitense e copre all’incirca il 75% di tale mercato. L’indice comprende 500 tra le principali società che operano nei settori di punta dell’economia statunitense.

L’indice S&P/LSTA U.S. Leveraged Loan 100 (S&P/LSTA Leveraged Loan Index) è costruito per replicare l’andamento dei prestiti di maggiore entità del mercato dei prestiti con leva.

L’indice S&P GSCI Copper (Copper) è un sottoindice dell’S&P GSCI che costituisce un benchmark affidabile e pubblicamente disponibile della performance del mercato del rame.

L’indice S&P GSCI Softs (GSCI soft commodities) è un sottoindice dell’S&P GSCI che misura la performance delle soft commodity ponderata per la produzione mondiale. Nel 2012 l’indice S&P GSCI Softs comprendeva le seguenti materie prime: caffè, zucchero, cacao e cotone.

Titoli di Stato spagnoli a 10 anni—Spain Benchmark 10-Year Datastream Government Index.

Il Thomson Reuters Convertible Global Focus USD Hedged Index è un indice di mercato ponderato con una dimensione minima di inclusione di USD 500 milioni (USA), EUR 200 milioni (Europa), YEN 22 miliardi e USD 275 milioni (altri paesi) di obbligazioni convertibili equity-linked.

L’andamento delle obbligazioni governative decennali britanniche è seguito dall’indice ufficiale Datastream per il Regno Unito. Gli indici di riferimento Datastream per i seguenti titoli di Stato si basano su singole emissioni. L’emissione scelta per ciascuna serie è la più rappresentativa disponibile per una data scadenza in ciascun momento. I titoli di riferimento sono selezionati sulla base delle convenzioni prevalenti all’interno di ciascun mercato. In generale il titolo di riferimento è sempre l’ultima emissione di una data fascia di scadenze, tuttavia vengono considerati anche i rendimenti, la liquidità, le dimensioni dell’emissione e le cedole.

L’indice U.S. Dollar (DXY) è un indice che misura il valore del dollaro statunitense rispetto a un paniere di valute estere, generalmente quelle dei maggiori partner commerciali degli Stati Uniti.

L’indice Chicago Board Options Exchange (CBOE) Market Volatility (VIX) mostra le aspettative del mercato per la volatilità a 30 giorni.

DISTRIBUZIONE

Questa comunicazione è destinata e sarà distribuita solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni dove la sua distribuzione o circolazione non siano vietate dalle leggi e normative vigenti.

Regno Unito – Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA, autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Dubai – Morgan Stanley Investment Management Limited (Representative Office, Unit Precinct 3-7th Floor-Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti. Telefono: +97 (0)14 709 7158). Germania – Morgan Stanley Investment Management Limited Niederlassung Deutschland, Grosse Gallusstrasse 18, 60312, Francoforte sul Meno, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG). Irlanda – Morgan Stanley Investment Management (Ireland) Limited. Sede legale: The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublino 2, Irlanda. Società registrata in Irlanda con il numero 616662. Regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Italia – Morgan Stanley Investment Management Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) è una filiale di Morgan Stanley Investment Management Limited, una società registrata nel Regno Unito, autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (FCA), con sede legale a 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA. Morgan Stanley Investment Management Limited Milan Branch (Sede Secondaria di Milano), con sede in Palazzo Serbelloni, Corso Venezia 16, 20121 Milano, Italia, è registrata in Italia con codice fiscale e P. IVA 08829360968. Paesi Bassi – Morgan Stanley Investment Management, Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Paesi Bassi. Telefono: +31 2-0462-1300. Morgan Stanley Investment Management è una filiale di Morgan Stanley Investment Management Limited. Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority nel Regno Unito. Svizzera – Morgan Stanley & Co. International plc, London, filiale di Zurigo, autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (“FINMA”). Iscritta al Registro di commercio di Zurigo CHE-115.415.770. Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurigo, Svizzera, telefono +41 (0) 44 588 1000. Facsimile Fax: +41(0)44 588 1074.

Giappone –Il presente documento è destinato ai soli investitori professionali e viene diffuso o distribuito unicamente a scopi informativi. Per i destinatari che non siano investitori professionali, il presente documento viene fornito in relazione alle attività di Morgan Stanley Investment Management (Japan) Co., Ltd. (“MSIMJ”) concernenti i mandati di gestione discrezionale degli investimenti (“IMA”) e i mandati di consulenza di investimento (“IAA”) e non costituisce una raccomandazione o sollecitazione di transazioni od offerte relative a uno strumento finanziario specifico. In base ai mandati discrezionali di gestione degli investimenti, il cliente stabilisce le politiche di gestione di base in anticipo e incarica MSIMJ di prendere tutte le decisioni di investimento sulla base di un’analisi del valore e di altri fattori inerenti ai titoli e MSIMJ accetta tale incarico. Il cliente delega a MSIMJ i poteri necessari per effettuare gli investimenti. MSIMJ esercita tali poteri delegati sulla base delle decisioni d’investimento prese da MSIMJ e il cliente non impartisce istruzioni individuali. Tutti gli utili e le perdite degli investimenti spettano ai clienti; il capitale iniziale non è garantito. Si raccomanda di valutare gli obiettivi d’investimento e le tipologie di rischio prima di effettuare un investimento. La commissione applicabile ai mandati discrezionali di gestione o di consulenza di investimento si basa sul valore degli attivi in questione moltiplicato per una determinata aliquota (il limite massimo è il 2,20% annuo inclusivo d’imposta), calcolata proporzionalmente alla durata del periodo contrattuale. Alcune strategie sono soggette a una commissione condizionata (contingency fee) in aggiunta a quella sopra menzionata. Potrebbero essere applicati altri oneri indiretti, come ad esempio le commissioni di intermediazione per l’acquisto di titoli inglobati in altri strumenti. Poiché questi oneri e spese variano a seconda delle condizioni contrattuali e di altri fattori, MSIMJ non è in grado di illustrare in anticipo aliquote, limiti massimi, ecc. Si raccomanda a tutti i clienti di leggere attentamente la documentazione fornita in vista della stipula del contratto prima di sottoscriverne uno. Il presente documento è distribuito in Giappone da MSIMJ, n. registrazione 410 (Director of Kanto Local Finance Bureau (Financial Instruments Firms)), membro di: Japan Securities Dealers Association, The Investment Trusts Association, Giappone, Japan Investment Advisers Association e Type II Financial Instruments Firms Association.

Stati Uniti –

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento. È richiesto un livello patrimoniale minimo. Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sul gestore degli investimenti.

Prima di investire si consiglia di valutare attentamente gli obiettivi d'investimento, i rischi, le commissioni e le spese dei comparti. I prospetti contengono queste e altre informazioni sui comparti. Una copia del prospetto può essere scaricata dal sito morganstanley.com/im o richiesta telefonando al numero +1-800-548-7786. Si prega di leggere attentamente il prospetto prima di investire.

Morgan Stanley Distribution, Inc. è il distributore di Morgan Stanley Funds.

NON GARANTITO DALLA FDIC | PRIVO DI GARANZIA BANCARIA | RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE | NON GARANTITO DA ALCUN ENTE FEDERALE | NON È UN DEPOSITO BANCARIO

Hong Kong – Il presente documento è stato pubblicato da Morgan Stanley Asia Limited per essere utilizzato a Hong Kong e reso disponibile esclusivamente ai “professional investor” (investitori professionali) ai sensi delle definizioni contenute nella Securities and Futures Ordinance di Hong Kong (Cap 571). Il suo contenuto non è stato verificato o approvato da alcuna autorità di vigilanza, ivi compresa la Securities and Futures Commission di Hong Kong. Di conseguenza, fatte salve le esenzioni eventualmente previste dalle leggi applicabili, questo documento non può essere pubblicato, diffuso, distribuito, indirizzato o reso disponibile al pubblico a Hong Kong. Singapore – Il presente documento non deve essere considerato come un invito a sottoscrivere o ad acquistare, direttamente o indirettamente, destinato al pubblico o a qualsiasi soggetto di Singapore che non sia (i) un “institutional investor” ai sensi della Section 304 del Securities and Futures Act, Chapter 289 di Singapore (“SFA”), (ii) una “relevant person” (che comprende un investitore accreditato) ai sensi della Section 305 dell’SFA, fermo restando che anche in questi casi la distribuzione viene effettuata nel rispetto delle condizioni specificate dalla Section 305 dell’SFA o (iii) altri soggetti, in conformità e nel rispetto delle condizioni di qualsiasi altra disposizione applicabile emanata dall’SFA. La presente pubblicazione non è stata esaminata dalla Monetary Authority of Singapore. Australia – La presente pubblicazione è diffusa in Australia da Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Limited ACN: 122040037, AFSL n. 314182, che si assume la responsabilità del relativo contenuto. Questa pubblicazione e l’accesso alla stessa sono destinati unicamente ai “wholesale client” conformemente alla definizione dell’Australian Corporations Act.

NOTA INFORMATIVA

EMEA – La presente comunicazione è stata pubblicata da Morgan Stanley Investment Management Limited (“MSIM”). Società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra con il n. 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, Londra E14 4QA.

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore deve valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati. Prima di investire, si raccomanda agli investitori di esaminare attentamente i documenti d’offerta relativi alla strategia/al prodotto. Vi sono importanti differenze nel modo in cui la strategia viene realizzata nei singoli veicoli d’investimento.

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori.

I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento.

Le opinioni espresse sono quelle dell’autore o del team d’investimento alla data di redazione del presente materiale, possono variare in qualsiasi momento a causa di cambiamenti delle condizioni economiche o di mercato e potrebbero non realizzarsi. Inoltre, le opinioni non saranno aggiornate né altrimenti riviste per riflettere informazioni resesi disponibili in seguito, circostanze esistenti o modifiche verificatesi dopo la data di pubblicazione. Le tesi espresse non riflettono i giudizi di tutti i team di investimento di Morgan Stanley Investment Management (MSIM), né le opinioni dell’azienda nel suo complesso e potrebbero non trovare riscontro in tutte le strategie e in tutti i prodotti offerti dalla Società.

Le previsioni e/o stime fornite sono soggette a variazioni e potrebbero non realizzarsi. Le informazioni concernenti i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sulla ricerca, sull’analisi e sulle opinioni degli autori. Tali conclusioni sono di natura speculativa, potrebbero non realizzarsi e non intendono prevedere la performance futura di alcun prodotto specifico di Morgan Stanley Investment Management.

Alcune delle informazioni ivi contenute si basano sui dati ottenuti da fonti terze considerate affidabili. Ciò nonostante, non abbiamo verificato tali informazioni e non rilasciamo dichiarazione alcuna circa la loro correttezza o completezza.

La presente pubblicazione non è stata redatta dal Dipartimento di ricerca di Morgan Stanley e non è da intendersi quale raccomandazione di ricerca. Le informazioni contenute in questa pubblicazione non sono state predisposte in conformità a requisiti di legge finalizzati a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non sono soggette ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione dei risultati di tali ricerche.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale, redatta esclusivamente a scopi informativi ed educativi e che non costituisce un’offerta o raccomandazione per l’acquisto o la vendita di valori mobiliari o l’adozione di una specifica strategia d’investimento. Tutti gli investimenti comportano dei rischi, tra cui la possibile perdita del capitale. Le informazioni ivi contenute non tengono conto delle circostanze personali del singolo investitore e non rappresentano una consulenza d’investimento, né vanno in alcun modo interpretate quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

Tutti gli indici cui si fa riferimento nel presente documento sono proprietà intellettuale (inclusi i marchi commerciali registrati) dei rispettivi licenzianti. Eventuali prodotti basati su un indice non sono in alcun modo sponsorizzati, approvati, venduti o promossi dal rispettivo licenziante e il licenziante declina ogni responsabilità in merito.

MSIM non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente documento, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti. Inoltre, gli intermediari finanziari sono tenuti ad assicurarsi che le informazioni contenute nel presente documento siano adatte ai soggetti a cui trasmettono il presente documento alla luce delle circostanze e degli obiettivi di costoro. MSIM non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente documento da parte degli intermediari finanziari.

Il presente documento potrebbe essere stato tradotto in altre lingue. La versione originale in lingua inglese è quella predominante. In caso di discrepanze tra la versione inglese e quella in altre lingue del presente documento, farà fede la versione inglese.

Il presente documento non può essere riprodotto, copiato o trasmesso, integralmente o in parte, e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi, senza l’esplicito consenso scritto di MSIM.

Morgan Stanley Investment Management è la divisione di asset management di Morgan Stanley.

Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore.

 

Prima di procedere è necessario leggere attentamente tutti i Termini e le Condizioni che illustrano i vincoli legali e normativi che regolano la divulgazione delle informazioni relative ai prodotti di investimento Morgan Stanley Investment Management.

È possibile che i servizi illustrati in questo sito Web non siano disponibili in tutte le giurisdizioni o a qualsiasi persona. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle condizioni d'uso.


Privacy e cookie    •    Istruzioni per l'uso

©  Morgan Stanley. Diritti riservati.