Insight Article Desktop Banner
 
 
Global Equity Observer
  •  
novembre 24, 2021

La stretta sulla filiera produttiva

Insight Video Mobile Banner
 
novembre 24, 2021

La stretta sulla filiera produttiva


Global Equity Observer

La stretta sulla filiera produttiva

Share Icon

novembre 24, 2021

 
 

Quando non è la domanda, è l’offerta: diciotto mesi fa la domanda di beni e servizi è crollata quando la pandemia di Covid-19 ha colpito il pianeta. Molti paesi hanno accusato la più consistente flessione del prodotto interno lordo della storia. 

 
 

Oggi, salvo alcune eccezioni (ad esempio il settore dei viaggi), la domanda di beni e servizi nel ramo aziendale è più forte che mai. Allo stesso tempo, però, le aziende si trovano a dover affrontare una maggior quantità di ostacoli operativi frutto di una carenza di manodopera, materie prime e componenti, e di un intasamento dei canali logistici, tutti fattori che generano pressioni sui costi e limitano la disponibilità dei prodotti.

 
 
"
Il Covid-19 ha determinato un radicale cambiamento delle tipologie di beni e servizi richiesti dalle persone
 
 
 

Attualmente stiamo assistendo a un fenomeno insolito: la diffusione di allarmi sugli utili dovuti a carenze sul fronte dell’offerta anziché a un inatteso calo della domanda.

Come siamo giunti a questo punto? In breve, il Covid-19 ha determinato un radicale cambiamento delle tipologie di beni e servizi richiesti dalla gente in un arco di tempo relativamente breve.  Un simile sviluppo non è affatto sorprendente se si considera che il nostro stile di vita e le nostre abitudini sono mutate in maniera significativa a livello di popolazione in generale.  Le filiere produttive faticano a tenere il passo di cambiamenti così repentini della domanda, poiché per svilupparsi richiedono tempistiche più lunghe.

Prendiamo un esempio specifico: la domanda di articoli sportivi ha subito un’impennata. Negli ultimi 18 mesi, abbiamo assistito all’accelerazione di un trend che era già in atto, poiché a causa della pandemia le persone hanno cercato nuovi modi di mantenersi in buone condizioni fisiche e preservare la salute.  L’importanza di mantenersi in forma e preservare la salute è diventata una priorità per molti consumatori. 

 
 
"
La mancanza di container marittimi e la limitata capacità dei porti si sta traducendo in un raddoppio dei tempi necessari per giungere a destinazione
 
 
 

I produttori di articoli sportivi si trovano principalmente nella regione del Sud-Est asiatico, in particolare in Vietnam, Cambogia e Cina. Il Vietnam è un chiaro monito del fatto che la pandemia è tuttora tra noi, quasi due anni dopo essere scoppiata. Un lockdown imposto dal governo del paese ha comportato la chiusura degli stabilimenti, comportando una perdita di numerose settimane di produzione e altrettanto lunghi tempi di ripresa per ritornare a regime. Calzature e capi di abbigliamento, che devono viaggiare in tutto il mondo per raggiungere i consumatori, hanno subito ritardi per l’assenza di container marittimi e per la limitata capacità portuale, subendo il raddoppio dei tempi necessari per giungere a destinazione.  Si tratta di un effetto domino, dovuto al tracollo dei viaggi aerei che ha portato a un drastico calo della capacità di trasporto merci in questa modalità e a un suo fortissimo rincaro, spingendo le aziende a orientarsi alle spedizioni via mare.  Il risultato? Una flessione delle vendite riconducibile alla minor quantità di calzature e capi di abbigliamento messi in vendita.

Qual è la portata del problema?  Poiché tutta la produzione di questo settore è esternalizzata e poggia perlopiù sugli stessi fornitori, il problema è di natura settoriale e non si limita a interessare solo aziende specifiche.  Se non altro, nessuna ne esce avvantaggiata rispetto alle altre.  Ironia della sorte, gli utili ne risentiranno perché alla fine la merce venduta sarà di meno.  I prezzi netti potrebbero compensare in parte questa flessione poiché in magazzino vi saranno meno giacenze da vendere in saldo.  Si tratta di un traguardo che il settore punta a raggiungere per migliorare i margini lordi e il rendimento sul capitale.  La situazione potrebbe spingere i consumatori a non attendere l’arrivo dei saldi per effettuare un acquisto e questo potrebbe rappresentare una nota positiva.  Il rischio?  Che la gente spenda il denaro per qualcos’altro, vale a dire che le abitudini di consumo cambino e che il ritorno della normalità non corrisponda a un ritorno alle abitudini di consumo precedenti.

Le grandi aziende, che solitamente includiamo nei nostri portafogli, hanno dimensioni tali da poter superare il momento di difficoltà e continuare a investire nelle proprie piattaforme digitali. Viceversa quelle di minori dimensioni, che già erano impegnate a cercare di colmare il divario, potrebbero trovarsi ad accumulare un ulteriore ritardo nella corsa digitale.

La fretta di “non lasciarsi sfuggire” la domanda crea rischi anche sotto il profilo ambientale, sociale e di governance.  Il settore degli articoli sportivi è colpito da note e ben documentate controversie relative alla filiera produttiva. Le società del settore, quindi, devono fare attenzione a non aggravare la situazione, trovando il modo sia di far fronte alle pressioni per rilanciare la produzione sia di bilanciare il benessere della forza lavoro.  Potrebbe trattarsi di un buon test per misurare i progressi compiuti dalle diverse società nel mettere il personale tra le priorità aziendali.

 
 
"
La carenza di semiconduttori non è facile da risolvere e sarà possibile affrontarla solo aumentando la capacità manifatturiera
 
 
 

Se è vero che gli articoli sportivi sono una vittima recente, i semiconduttori sono stati forse la prima categoria in cui è emerso un forte divario tra offerta e domanda.  In questo settore, l’aumento della domanda dovuto all’emergenza sanitaria (smart working, didattica a distanza, ecc.) si è scontrato con un’offerta relativamente invariata nel breve termine.  Questo sviluppo ha prodotto un effetto domino in molte parti dell’economia, causando in particolare un inceppamento del settore automobilistico, a riprova di quanto sia divenuta pervasiva la presenza della tecnologia nell’economia globale.  La carenza di semiconduttori non è facile da risolvere e sarà possibile affrontarla solo aumentando la capacità manifatturiera. Il principale produttore del settore, che si trova a Taiwan, ha annunciato un programma di investimenti triennali per un totale di 100 miliardi di dollari.  Le difficoltà di approvvigionamento hanno inoltre evidenziato la limitata capacità e la natura globale di questa filiera produttiva, dove tutto ruota attorno a una manciata di grandi produttori di chip e fabbricanti di apparecchiature.

 
 
"
Il potere di determinazione dei prezzi è essenziale
 
 
 

Per le società dotate di potere di determinazione dei prezzi, l’inflazione dei costi può essere scaricata sul cliente finale.  La forte domanda odierna significa che molte società, anche quelle il cui potere di determinazione dei prezzi è storicamente debole, occupano una posizione che consente loro di scaricare i rincari sul consumatore, riducendo al minimo l’impatto sugli utili. La differenza sta nel fatto che, per chi non detiene un simile potere, una volta cessate le difficoltà di approvvigionamento sarà difficile praticare ancora gli stessi prezzi.

Il potere di determinazione dei prezzi è una caratteristica vitale che ricerchiamo nelle società inserite nei nostri portafogli globali. Pertanto, sebbene possano registrare una certa volatilità nel breve termine sul fronte degli utili e dei rendimenti, riteniamo che, una volta superata l’attuale congiuntura e ampliatosi il divario tra le aziende di maggiore e minore qualità, sarà necessario ricalcolare la capacità di generare utili delle società di maggior qualità.

 
 

Considerazioni sui rischi

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento del portafoglio sarà raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero la possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal portafoglio diminuisca. I valori di mercato possono cambiare quotidianamente a causa di eventi economici e di altro tipo (ad es. catastrofi naturali, crisi sanitarie, terrorismo, conflitti e disordini sociali) che influenzano i mercati, i Paesi, le aziende o i governi. È difficile prevedere le tempistiche, la durata e i potenziali effetti negativi (ad esempio la liquidità del portafoglio) degli eventi. Di conseguenza, l’investimento in questa strategia può comportare una perdita per l’investitore. Inoltre, la strategia può essere esposta ad alcuni rischi aggiuntivi. I cambiamenti che investono l’economia mondiale, la spesa al consumo, la concorrenza, i fattori demografici, le preferenze dei consumatori, le norme varate dai governi e le condizioni economiche possono influire negativamente sulle società che operano su scala globale e avere sulla strategia un impatto negativo maggiore rispetto a quello che si sarebbe avuto se il patrimonio fosse stato investito in un più ampio ventaglio di società. Le valutazioni dei titoli azionari tendono in genere a oscillare anche in risposta a eventi specifici in seno a una determinata società. Gli investimenti nei mercati esteri comportano rischi specifici, quali rischi di cambio, politici, economici e di mercato. I titoli delle società a bassa e media capitalizzazione comportano rischi particolari, come l’esiguità delle linee di prodotto, rischi relativamente alle risorse finanziarie e di mercato e possono registrare una maggiore volatilità rispetto a quelli di società più consolidate di dimensioni maggiori. I rischi associati agli investimenti nei mercati emergenti sono maggiori di quelli associati agli investimenti nei mercati sviluppati esteri. Gli strumenti derivati possono amplificare le perdite in maniera sproporzionata e incidere significativamente sulla performance. Inoltre possono essere soggetti a rischi di controparte, di liquidità, di valutazione, di correlazione e di mercato. I titoli illiquidi possono essere più difficili da vendere e valutare rispetto a quelli quotati in borsa (rischio di liquidità). I portafogli non diversificati spesso investono in un numero più ristretto di emittenti. Pertanto, le variazioni della situazione finanziaria o del valore di mercato di un singolo emittente possono causare una maggiore volatilità. Le strategie ESG che incorporano investimenti a impatto e/o fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) potrebbero generare una performance relativa che si discosta da quella di altre strategie o benchmark generali a seconda del gradimento del mercato verso tali settori o investimenti. Di conseguenza, non vi è alcuna garanzia che le strategie ESG possano realizzare una migliore performance degli investimenti.

 
nathan.wong
Executive Director
International Equity Team
 
 
Featured Funds
 
 
 
 
 

DISTRIBUZIONE

Questa comunicazione è destinata e sarà distribuita solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni dove la sua distribuzione o circolazione non siano vietate dalle leggi e normative vigenti.

Irlanda: MSIM Fund Management (Ireland) Limited. Sede legale: The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. Società registrata in Irlanda come private company limited by shares con il numero 616661. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Regno Unito: Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA, autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Dubai: Morgan Stanley Investment Management Limited (Representative Office, Unit Precinct 3-7th Floor-Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti. Telefono: +97 (0)14 709 7158). Germania: MSIM Fund Management (Ireland) Limited Niederlassung Deutschland, Grosse Gallusstrasse 18, 60312 Francoforte sul Meno, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG). Italia – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited, una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Banca Centrale d'Irlanda con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) con sede in Palazzo Serbelloni, Corso Venezia 16, 20121 Milano, Italia, è registrata in Italia con codice fiscale e P. IVA 11488280964. Paesi Bassi – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Paesi Bassi. Telefono: +31 2-0462-1300. Morgan Stanley Investment Management è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Francia: MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Paris Branch (Sede Secondaria di Parigi) è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited, una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Banca Centrale d'Irlanda e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Irlanda) Limited, Paris Branch (Sede Secondaria di Parigi) con sede legale in 61 rue Monceau 75008 Parigi, Francia, è registrata in Francia con numero di società 890 071 863 RCS. Spagna –MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Sucursal en España (Sede Secondaria per la Spagna) è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited, una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Banca Centrale d'Irlanda e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Sucursal en España con sede in Calle Serrano 55, 28006, Madrid, Spagna, è registrata in Spagna con codice di identificazione fiscale W0058820B.  Svizzera: Stanley & Co. International plc, London, Zurich Branch, autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA). Iscritta al Registro di commercio di Zurigo CHE-115.415.770. Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurigo, Svizzera, telefono +41 (0) 44 588 1000. Fax: +41(0) 44 588 1074.

Stati Uniti –

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento. È richiesto un livello patrimoniale minimo. Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sul gestore degli investimenti.

Prima di investire si consiglia di valutare attentamente gli obiettivi d'investimento, i rischi, le commissioni e le spese dei comparti. I prospetti contengono queste e altre informazioni sui comparti. Una copia del prospetto può essere scaricata dal sito morganstanley.com/im o richiesta telefonando al numero +1-800-548-7786. Si prega di leggere attentamente il prospetto prima di investire.

Morgan Stanley Distribution, Inc. è il distributore dei comparti Morgan Stanley.

NON GARANTITO DALLA FDIC | PRIVO DI GARANZIA BANCARIA | RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE | NON GARANTITO DA ALCUN ENTE FEDERALE | NON È UN DEPOSITO

Hong Kong – Il presente documento è stato pubblicato da Morgan Stanley Asia Limited per essere utilizzato a Hong Kong e reso disponibile esclusivamente ai “professional investor” (investitori professionali) ai sensi delle definizioni contenute nella Securities and Futures Ordinance di Hong Kong (Cap 571). Il suo contenuto non è stato verificato o approvato da alcuna autorità di vigilanza, ivi compresa la Securities and Futures Commission di Hong Kong. Di conseguenza, fatte salve le esenzioni eventualmente previste dalle leggi applicabili, questo documento non può essere pubblicato, diffuso, distribuito, indirizzato o reso disponibile al pubblico a Hong Kong. Singapore – Il presente documento non deve essere considerato come un invito a sottoscrivere o ad acquistare, direttamente o indirettamente, destinato al pubblico o a qualsiasi soggetto di Singapore che non sia (i) un “institutional investor” ai sensi della Section 304 del Securities and Futures Act, Chapter 289 di Singapore (“SFA”), (ii) una “relevant person” (che comprende un investitore accreditato) ai sensi della Section 305 dell’SFA, fermo restando che anche in questi casi la distribuzione viene effettuata nel rispetto delle condizioni specificate dalla Section 305 dell’SFA o (iii) altri soggetti, in conformità e nel rispetto delle condizioni di qualsiasi altra disposizione applicabile emanata dalla SFA. La presente pubblicazione non è stata esaminata dalla Monetary Authority of Singapore. Australia – La presente pubblicazione è diffusa in Australia da Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Limited ACN: 122040037, AFSL n. 314182, che si assume la responsabilità del relativo contenuto. Questa pubblicazione e l’accesso alla stessa sono destinati unicamente ai “wholesale client” conformemente alla definizione dell’Australian Corporations Act.

Giappone: Il presente documento è destinato ai soli investitori professionali e viene diffuso o distribuito unicamente a scopi informativi. Per i destinatari che non siano investitori professionali, il presente documento viene fornito in relazione alle attività di Morgan Stanley Investment Management (Japan) Co., Ltd. (“MSIMJ”) concernenti i mandati di gestione discrezionale degli investimenti (“IMA”) e i mandati di consulenza di investimento (“IAA”) e non costituisce una raccomandazione o sollecitazione di transazioni od offerte relative a uno strumento finanziario specifico. In base ai mandati discrezionali di gestione degli investimenti, il cliente stabilisce le politiche di gestione di base in anticipo e incarica MSIMJ di prendere tutte le decisioni di investimento sulla base di un’analisi del valore e di altri fattori inerenti ai titoli e MSIMJ accetta tale incarico. Il cliente delega a MSIMJ i poteri necessari per effettuare gli investimenti. MSIMJ esercita tali poteri delegati sulla base delle decisioni d’investimento prese da MSIMJ e il cliente non impartisce istruzioni individuali. Tutti gli utili e le perdite degli investimenti spettano ai clienti; il capitale iniziale non è garantito. Si raccomanda di valutare gli obiettivi d’investimento e le tipologie di rischio prima di effettuare un investimento. La commissione applicabile ai mandati di gestione discrezionali o di consulenza d’investimento si basa sul valore degli attivi in questione moltiplicato per una determinata aliquota (il limite massimo è il 2,20% annuo inclusivo d’imposta), calcolata proporzionalmente alla durata del periodo contrattuale. Alcune strategie sono soggette a una commissione condizionata (contingency fee) in aggiunta a quella sopra menzionata. Potrebbero essere applicati altri oneri indiretti, come ad esempio le commissioni di intermediazione per l’acquisto di titoli inglobati in altri strumenti. Poiché questi oneri e spese variano a seconda delle condizioni contrattuali e di altri fattori, MSIMJ non è in grado di illustrare in anticipo aliquote, limiti massimi, ecc. Si raccomanda a tutti i clienti di leggere attentamente la documentazione fornita in vista della stipula del contratto prima di procederne alla sottoscrizione. Il presente documento è distribuito in Giappone da MSIMJ, n. registrazione 410 (Director of Kanto Local Finance Bureau (Financial Instruments Firms)), membro di: Japan Securities Dealers Association, The Investment Trusts Association, Japan, Japan Investment Advisers Association e Type II Financial Instruments Firms Association.

NOTA INFORMATIVA

EMEA – La presente comunicazione di marketing è stata pubblicata da MSIM Fund Management (Ireland) Limited. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è una private company limited by shares di diritto irlandese, registrata con il numero 616661 e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda.

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore deve valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati. Prima di investire, si raccomanda agli investitori di esaminare attentamente i documenti d’offerta relativi alla strategia/al prodotto. Vi sono importanti differenze nel modo in cui la strategia viene realizzata nei singoli veicoli d’investimento.

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale, redatta esclusivamente a scopi informativi ed educativi, che non costituisce un’offerta o raccomandazione per l’acquisto o la vendita di valori mobiliari o l’adozione di una specifica strategia d’investimento. Le informazioni ivi contenute non tengono conto delle circostanze personali del singolo investitore e non rappresentano una consulenza d’investimento, né vanno in alcun modo interpretate quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

Ove non diversamente indicato nel presente documento, le opinioni e i giudizi espressi sono quelli del team di gestione del portafoglio, sono basati sui dati disponibili alla data di redazione e non in date future e non saranno aggiornati né altrimenti rivisti per riflettere informazioni resesi disponibili in un momento successivo o circostanze o modifiche sopraggiunte successivamente alla data di pubblicazione.

Le previsioni e/o stime fornite sono soggette a variazioni e potrebbero non realizzarsi. Le informazioni concernenti i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sulla ricerca, sull’analisi e sulle opinioni degli autori. Tali conclusioni sono di natura speculativa, potrebbero non realizzarsi e non intendono prevedere la performance futura di alcun prodotto specifico di Morgan Stanley Investment Management.

MSIM non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente documento, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti.

Inoltre, gli intermediari finanziari sono tenuti ad assicurarsi che le informazioni contenute nel presente documento siano adatte ai soggetti a cui trasmettono il presente documento alla luce delle circostanze e degli obiettivi di detti individui. MSIM non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente documento da parte degli intermediari finanziari.

Il presente documento non può essere riprodotto, copiato, modificato, utilizzato per creare un’opera derivata, eseguito, esposto, diffuso, pubblicato, concesso in licenza, incorniciato, distribuito, o trasmesso, in tutto o in parte, sia direttamente che indirettamente, e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi, senza l’esplicito consenso scritto di MSIM. Nessun link può essere collegato a questo documento, se non per uso personale e non commerciale. Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore e altre leggi applicabili.

Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore.

 

La presente comunicazione ha carattere promozionale.

Prima di procedere è necessario leggere attentamente tutti i Termini e le Condizioni che illustrano i vincoli legali e normativi che regolano la divulgazione delle informazioni relative ai prodotti di investimento Morgan Stanley Investment Management.

È possibile che i servizi illustrati in questo sito Web non siano disponibili in tutte le giurisdizioni o a qualsiasi persona. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle condizioni d'uso.


Privacy e cookie    •    Istruzioni per l'uso

©  Morgan Stanley. Diritti riservati.