Insight Article Desktop Banner
 
 
Global Equity Observer
  •  
agosto 28, 2023

Le cose belle accadono a chi sa aspettare: argomentazione a favore di una visione a lungo termine

Insight Video Mobile Banner
 
agosto 28, 2023

Le cose belle accadono a chi sa aspettare: argomentazione a favore di una visione a lungo termine


Global Equity Observer

Le cose belle accadono a chi sa aspettare: argomentazione a favore di una visione a lungo termine

Share Icon

agosto 28, 2023

 
 

Molti di noi, nel mondo sviluppato, vivono in una società che punta alla gratificazione istantanea, in cui è possibile esaudire qualsiasi desiderio, come e quando si vuole. La spesa settimanale è a portata di clic, per trovare un nuovo partner basta scorrere il dito verso la destra dello schermo e con un doppio tocco è possibile prenotare un volo per l’altro capo del mondo. Per molti versi, questa immediatezza comporta grandi vantaggi: risparmiamo tempo, restiamo in contatto con gli altri e abbiamo accesso a una quantità di informazioni maggiore rispetto al passato.

 
 

Ma per quanto la tecnologia faciliti la nostra vita, avere tutto a portata di mano ha un costo. Il cervello umano è predisposto a desiderare ardentemente la dopamina, l’ormone della felicità. Oggigiorno, questo ormone viene facilmente fornito dai nostri smartphone che la dottoressa Anna Lembke, docente di psichiatria e scienze comportamentali alla Stanford University, definisce essere "l’ago ipodermico dell’era moderna che somministra dopamina digitale 24 ore su 24, 7 giorni su 7". Secondo le ricerche condotte dalla Lembke, i ripetuti rilasci di dopamina ottenibili interagendo con lo smartphone comportano un uso eccessivo del nostro sistema limbico (la parte del cervello coinvolta nelle nostre risposte emotive) e una minore attività della corteccia prefrontale (responsabile del controllo degli impulsi, della pianificazione a lungo termine e della gratificazione ritardata). Questa sovrastimolazione può portare a sensazioni di irrequietezza e impazienza. La nostra attenzione potrebbe inoltre essere distolta da attività più significative che richiedono pazienza e perseveranza, ad esempio leggere un libro intero, apprendere una nuova competenza o investire con una visione veramente a lungo termine. Come spiegheremo di seguito, riteniamo che la tartaruga paziente vinca la gara nel lungo termine quando si tratta di investimenti azionari.

In effetti, stando alle evidenze disponibili, la capacità di ritardare la gratificazione è associata a un maggiore successo nel lungo termine. Forse l’esempio più noto è il "test del marshmallow" di Walter Mischel. In questo test, i bambini ricevevano un primo marshmallow e ne avrebbero ricevuto un secondo qualora fossero stati in grado di resistere all’impulso di mangiare il primo per 15 minuti. Da alcuni studi condotti successivamente è emerso che i bambini in grado di esercitare un migliore controllo sugli impulsi avevano maggiori probabilità di successo nella vita, in termini di voti più alti agli esami, interazioni sociali e cognitive più efficaci e punteggi più alti in tutta una serie di altri aspetti della vita.1

Nel contesto degli investimenti, la gratificazione ritardata può manifestarsi come resistenza all’impulso di farsi travolgere dall’euforia di una bolla finanziaria. Ad esempio, aver evitato i titoli più speculativi e in crescita che hanno fatto registrare un’impennata durante il boom delle dot-com, mantenendo invece un sovrappeso nei beni di consumo primari (che avevano accumulato un notevole ritardo), ha dato i suoi frutti nel successivo crollo delle dot-com iniziato nel marzo 2000 e terminato nell’ottobre 2002. L’indice MSCI World aveva registrato una flessione del 43% dal picco al minimo, mentre nello stesso periodo di tempo il settore più difensivo dei beni di consumo primari era salito del 17%, battendo l’indice.2 Probabilmente l’entusiasmo generato dall’intelligenza artificiale sta mettendo ancora una volta alla prova alcuni investitori. La nostra attenzione per le società consolidate e di qualità con una buona tenuta degli utili e la nostra capacità di resistere all’impulso di inseguire un rally a breve termine ci hanno storicamente consentito di conseguire risultati migliori nel lungo periodo.

L’innato "orientamento al breve termine"

A fronte delle predisposizioni psicologiche degli esseri umani, non sorprende affatto che le persone privilegino il breve termine. L’"orientamento al breve termine" è un fenomeno diffuso che comporta una maggiore predisposizione a focalizzarsi su benefici e costi immediati anziché su quelli che si manifestano in un secondo momento. Ad esempio, un consumatore che dimostra un orientamento al breve termine potrebbe avere abitudini finanziarie negative, ad esempio la tendenza a indebitarsi, spendere in eccesso e non risparmiare.3 Un investitore vittima di una "miope avversione alle perdite" si concentra eccessivamente sul breve termine, reagendo negativamente alle perdite recenti a discapito di potenziali benefici a lungo termine.4 Tale approccio è controproducente per il successo degli investimenti a lungo termine e sottolinea la necessità di essere consapevoli di simili pregiudizi.

Sostenitori di una visione di lungo termine

In un mondo in cui tutti vogliono tutto e subito, noi siamo convinti sostenitori di una visione di lungo termine. Secondo la nostra esperienza, il successo nel lungo termine richiede disciplina e pazienza. Il nostro approccio bottom-up, fondamentale e di alta qualità, l’orizzonte d’investimento di lungo termine e la disciplina nelle valutazioni hanno consentito ai nostri clienti di ottenere buoni risultati per oltre due decenni. Una visione di lungo termine richiede la capacità di frenare qualsiasi "orientamento istintivo al presente", come dimostra il ridotto indice di rotazione del nostro portafoglio e la nostra focalizzazione sull’individuare società che non solo godono di un elevato rendimento del capitale operativo oggi, ma che riteniamo possano sostenerlo anche in futuro.

Consentiamo ai compounder di operare in quanto tali

Il nostro approccio è basato sulla ferma convinzione nel potere del compounding. La sfida è rappresentata dall’individuare società in grado di generare un effetto compounding. Non pretendiamo dalle società una crescita eccessiva. Siamo invece alla ricerca di una crescita ragionevole e costante che possa essere sostenuta con rendimenti elevati sull’arco di diversi anni. Una società che cresce, ad esempio, del 4% su base annua e aggiunge un altro 1% alla crescita degli utili grazie al miglioramento incrementale dei margini, unitamente a un rendimento del free cash flow del 5% circa, nel corso del tempo dovrebbe generare un effetto compounding intorno al 10%. La "regola del 72" suggerisce che ciò comporterebbe un raddoppio del capitale ogni sette anni.5 Una delle nostre partecipazioni nel settore dell’informatica, una società leader mondiale nei servizi di consulenza tecnologica, è un valido esempio di compounding affidabile, con una crescita degli utili per azione (USD) dell’11% su base annua nell’ultimo decennio, grazie a una costante crescita organica delle vendite, favorita dall’aumento dei margini e dall’allocazione del capitale, tramite operazioni di fusione e acquisizione (M&A) e riacquisto di azioni proprie.6

L’elemento centrale di un compounder di alta qualità è un management capace e con una visione a lungo termine. Data l’innata capacità di generare liquidità, propria delle società di alta qualità in cui investiamo, il management può – e, a nostro avviso, deve – reinvestire sufficiente liquidità in aree quali la ricerca e lo sviluppo, il marketing e l’innovazione per garantire che la società preservi la propria rilevanza e resilienza e assicurarsi quindi che i rendimenti di eventuali acquisizioni inorganiche siano sufficientemente interessanti da essere preferibili alla restituzione di liquidità agli azionisti. Come illustrato nel nostro Global Equity Observer del giugno 2023 “Comprare o non comprare, questo è il dilemma”, manteniamo un sano scetticismo nei confronti delle operazioni di fusione e acquisizione come soluzione per una buona allocazione del capitale degli azionisti, sebbene occasionalmente individuiamo una specie rara: i buoni acquirenti.

Chiediamo al management di non farsi distrarre dal compito a lungo termine di sviluppare e consolidare le attività immateriali della società, evitando di soccombere alla tentazione di raggiungere obiettivi di breve periodo. Un indicatore chiave è rappresentato dalla retribuzione dei dirigenti. Conduciamo regolari attività di engagement con i dirigenti delle società e i relativi consigli di amministrazione in merito ai loro piani di incentivazione a lungo termine, incoraggiando l’allineamento degli incentivi agli interessi a lungo termine degli azionisti e scoraggiando tattiche a breve termine quali l’aumento del debito o le acquisizioni sconsiderate.

Investimenti a lungo termine e disciplina

Stando alle evidenze, gli investimenti a lungo termine riducono le probabilità di perdite: chi avesse investito in base all’indice MSCI World tra il 1970 e il 2023, avrebbe ottenuto risultati negativi il 23% dei mesi a fronte di un orizzonte di investimento di un anno, mentre la percentuale di rendimento negativo scende all’11% per un orizzonte di cinque anni e ad appena al 3% per periodi di dieci anni (Figura 1).7 Anche il market timing è una perdita di tempo. Ricerche condotte da Bank of America hanno evidenziato che qualora un investitore avesse perso i 10 giorni migliori dell’indice S&P 500 in ogni decennio dal 1930 a oggi, avrebbe ottenuto un rendimento totale del 30%. Viceversa, mantenendo gli investimenti durante tutti i cicli economici avrebbe ottenuto un rendimento del 17.715%.8 Nei nostri portafogli globali concentrati e a gestione attiva ci consideriamo proprietari a lungo termine piuttosto che “affittuari” di titoli e cerchiamo compounder con capacità di tenuta, il che si traduce in un ridotto indice di rotazione del portafoglio pari a circa il 20% l’anno. Se si considerano le partecipazioni attuali della nostra principale strategia globale, un terzo del portafoglio è presente da oltre 10 anni e circa due terzi da più di cinque anni.

 
 
FIGURA 1
 
Probabilità di perdita nell’indice MSCI World su diversi orizzonti temporali
 

Fonte: FactSet. Rendimenti netti mensili (USD) dal 1970 al 2023.

 
 

Un esempio di come mantenersi concentrati sulla tesi d’investimento a lungo termine e cercare di evitare l’instabilità del mercato a breve termine può essere illustrato con una delle nostre partecipazioni in società di software. Nel 2020, la società ha orientato il suo posizionamento verso il settore del cloud computing, una decisione che inizialmente non è stata appoggiata dal mercato e che ha provocato un calo del corso azionario del 25%. Abbiamo sostenuto questa decisione strategica e incrementato la posizione, continuando a detenere il titolo come uno dei 10 titoli più partecipati nonostante la reazione del mercato La nostra posizione a lungo termine si è nel frattempo rivelata vincente e la società ha contribuito in modo determinante alla performance assoluta negli ultimi 12 mesi. Osserviamo questa disciplina anche nelle nostre decisioni di vendita. Ad esempio, nell’ultimo anno abbiamo liquidato la nostra posizione in una società di cosmetici di alta qualità per motivi di valutazione in quanto il titolo aveva guadagnato fortemente quota sulla scia della riapertura della Cina. La nostra analisi ha indicato che la valutazione della società integrava pienamente il probabile beneficio e abbiamo colto l’opportunità di liquidare la posizione.

Cosa implica questo per noi?

Mentre le scelte della gente sembrino essere maggiormente determinate da impulsi a breve termine e dalla ricerca di ricompense immediate, quando si tratta di effettuare investimenti, Morgan Stanley ritiene che la pazienza consenta di ottenere risultati duraturi ed esiti positivi nel lungo periodo. Da oltre 20 anni, l’approccio di investimento del nostro team si concentra sull’individuazione di società di alta qualità in grado di generare un effetto compounding e sull’esercitare una pazienza sufficiente per concedere loro il tempo necessario a generare tale effetto. Esaminiamo i fondamentali di qualità e i punti di forza e vantaggi competitivi delle società, diffidando delle tattiche a breve termine che sono controproducenti per l’effetto compounding a lungo termine. Anziché emulare la lepre che cerca di sovraperformare il mercato nel breve periodo, preferiamo la tartaruga che mira a realizzare una crescita costante.

 
 

1 "The marshmallow test: Understanding self-control and how to master it", Walter Mischel, 2014.
2 Fonte: FactSet. Basato sui settori dell’indice MSCI World, rendimento cumulativo (netto) in USD.
3 "Present bias and financial behavior", Jing Jian Xiao and Nilton Porto (uri.edu), 2019.
4 "The effect of myopia and loss aversion on risk taking: An experimental test" in The Quarterly Journal of Economics, Thaler, R. H., Tversky, A., Kahneman, D., & Schwartz, A., 1997.
5 La regola del 72 è una formula utilizzata per determinare il numero di anni necessari per raddoppiare il valore di un investimento a fronte di uno specifico tasso d’interesse annuale fisso.
6 Fonte: FactSet. Dati al 30 agosto 2022.
7 Fonte: FactSet. Rendimenti netti mensili (USD) dal 1970 al 2023.
8  "Il grafico mostra il motivo per cui gli investitori non dovrebbero mai ricorrere alla strategia del market timing sul mercato azionario", cnbc.com, 24 marzo 2021.

 
william.lock
Head of International Equity Team
International Equity Team
 
 
Annabel Stanford
Annabel Stanford
Analyst
 
 
Fondi in evidenza
 
 
 
 
 

Considerazioni sui rischi

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento del portafoglio sarà raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero alla possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal portafoglio diminuisca. I valori di mercato possono cambiare quotidianamente a causa di eventi economici e di altro tipo (ad esempio, catastrofi naturali, crisi sanitarie, terrorismo, conflitti e disordini sociali) che influenzano i mercati, i Paesi, le aziende o i governi. È difficile prevedere le tempistiche, la durata e i potenziali effetti negativi (ad esempio la liquidità del portafoglio) degli eventi. Di conseguenza, l’investimento in questa strategia può comportare una perdita per l’investitore. Inoltre, la strategia può essere esposta ad alcuni rischi aggiuntivi. I mutamenti che investono l’economia mondiale, la spesa al consumo, la concorrenza, i fattori demografici, le preferenze dei consumatori, le norme varate dai governi e le condizioni economiche possono influire negativamente sulle società che operano su scala globale e produrre sulla strategia un impatto negativo maggiore rispetto a quello che si sarebbe avuto se il patrimonio fosse stato investito in un più ampio ventaglio di società. Le valutazioni dei titoli azionari tendono in genere a oscillare anche in risposta a eventi specifici in seno a una determinata società. Gli investimenti nei mercati esteri comportano rischi specifici, quali rischi di cambio, politici, economici e di mercato. I titoli delle società a bassa e media capitalizzazione comportano rischi particolari, come l’esiguità delle linee di prodotto, rischi relativamente alle risorse finanziarie e di mercato e possono registrare una maggiore volatilità rispetto a quelli di società più consolidate di dimensioni maggiori. I rischi associati agli investimenti nei mercati emergenti sono maggiori di quelli associati agli investimenti nei mercati sviluppati esteri. Gli strumenti derivati possono amplificare le perdite in maniera sproporzionata e incidere significativamente sulla performance. Inoltre possono essere soggetti a rischi di controparte, di liquidità, di valutazione, di correlazione e di mercato. I titoli illiquidi possono essere più difficili da vendere e valutare rispetto a quelli quotati in borsa (rischio di liquidità). I portafogli non diversificati spesso investono in un numero più ristretto di emittenti. Pertanto, le variazioni della situazione finanziaria o del valore di mercato di un singolo emittente possono causare una maggiore volatilità. Le strategie ESG che incorporano investimenti a impatto e/o fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) potrebbero generare una performance relativa che si discosta da quella di altre strategie o benchmark generali a seconda del gradimento del mercato verso tali settori o investimenti. Di conseguenza, non vi è alcuna garanzia che le strategie ESG possano offrire una migliore performance relativamente agli investimenti.

DEFINIZIONI

L’indice MSCI World è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato corretta per il flottante che misura la performance dei listini azionari dei mercati sviluppati. Il termine "flottante" è riferito alla quota di azioni in circolazione considerate disponibili per l’acquisto da parte degli investitori sui mercati azionari pubblici. La performance dell’indice è espressa in dollari USA e prevede il reinvestimento dei dividendi netti.

Il rendimento del free cash flow (FCF) è un indicatore finanziario calcolato sottraendo dal free cash flow operativo di una società la spesa in conto capitale per azione e dividendo il risultato per il prezzo di un’azione. Per il calcolo del rendimento del free cash flow si utilizza il prezzo dei titoli sottostanti del Comparto.

La crescita degli utili per azione (EPS) indica la media ponderata degli utili per azione per tutti i titoli detenuti in portafoglio, proiettata sugli ultimi cinque esercizi fiscali. Gli utili per azione di una società sono definiti come gli utili totali divisi per le azioni circolanti.

L’indice S&P 500® misura la performance del segmento delle large cap nel mercato azionario statunitense e copre all’incirca il 75% dello stesso. L’indice comprende le prime 500 società che operano nei settori di punta dell’economia statunitense.

NOTA INFORMATIVA

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore deve valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati.

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. Nei conti separati gestiti in base a una determinata strategia possono essere inseriti valori mobiliari che non replicano la performance di un particolare indice. È richiesto un livello patrimoniale minimo.

Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sui gestori degli investimenti.

Le opinioni e/o analisi espresse sono quelle dell’autore o del team d’investimento alla data di redazione del presente materiale, possono variare in qualsiasi momento senza preavviso a causa di cambiamenti delle condizioni economiche o di mercato e potrebbero non realizzarsi. Inoltre, le opinioni non saranno aggiornate né altrimenti riviste per riflettere informazioni resesi disponibili in seguito, circostanze esistenti o modifiche verificatesi dopo la data di pubblicazione. Le tesi espresse non riflettono i giudizi di tutto il personale di investimento in forza presso Morgan Stanley Investment Management (MSIM) e relative controllate e consociate (collettivamente, “la Società”) e potrebbero non trovare riscontro in tutte le strategie e in tutti i prodotti offerti dalla Società.

Le previsioni e/o stime fornite sono soggette a variazioni e potrebbero non realizzarsi. Le informazioni concernenti i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sulla ricerca, sull’analisi e sulle opinioni degli autori o del team di investimento. Tali conclusioni sono di natura speculativa, potrebbero non realizzarsi e non intendono prevedere la performance futura di alcuna strategia o prodotto specifico offerto dalla Società. I risultati futuri possono divergere in misura rilevante sulla scia di sviluppi riguardanti i titoli, i mercati finanziari o le condizioni economiche generali.

Il materiale è stato preparato utilizzando fonti d’informazione pubbliche, dati sviluppati internamente e altre fonti terze ritenute attendibili. Tuttavia, non vengono fornite garanzie circa l’affidabilità di tali informazioni e la Società non ha provveduto a verificare in modo indipendente le informazioni tratte da fonti pubbliche e terze.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale e tutte le informazioni fornite hanno esclusivamente scopo informativo e non sono da intendersi quale offerta o raccomandazione per l’acquisto o la vendita di valori mobiliari o l’adozione di una qualsiasi strategia d’investimento. Le informazioni ivi contenute non tengono conto delle circostanze personali del singolo investitore e non rappresentano una consulenza d’investimento, né vanno in alcun modo interpretate quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

Tabelle e grafici sono forniti a solo scopo illustrativo. La performance passata non è garanzia di risultati futuri.

Gli indici non sono gestiti e non includono spese, commissioni od oneri di vendita. Non è possibile investire direttamente in un indice. Tutti gli indici cui si fa riferimento nel presente documento sono proprietà intellettuale (inclusi i marchi commerciali registrati) dei rispettivi licenzianti. Eventuali prodotti basati su un indice non sono in alcun modo sponsorizzati, approvati, venduti o promossi dal rispettivo licenziante e il licenziante declina ogni responsabilità in merito.

Il presente materiale non è stato redatto dal Dipartimento di ricerca di Morgan Stanley e non è da intendersi quale materiale o raccomandazione di ricerca.

La Società non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente materiale, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti. Inoltre, gli intermediari finanziari sono tenuti ad assicurarsi che le informazioni contenute nel presente materiale siano adatte ai soggetti a cui trasmettono il presente materiale alla luce delle circostanze e degli obiettivi di costoro. La Società non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente materiale da parte degli intermediari finanziari.

Il presente materiale potrebbe essere stato tradotto in altre lingue. La versione originale in lingua inglese è quella predominante. In caso di discrepanze tra la versione inglese e quella in altre lingue del presente materiale, farà fede la versione inglese.

Il presente materiale non può essere riprodotto, copiato, modificato, utilizzato per creare un’opera derivata, eseguito, esposto, diffuso, pubblicato, concesso in licenza, incorniciato, distribuito, o trasmesso, integralmente o in parte e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi, senza l’esplicito consenso scritto della Società. Proibito collegare link a questo materiale, se non per uso personale e non commerciale. Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore e altre leggi applicabili.

Morgan Stanley Investment Management è la divisione di investimento di Morgan Stanley.

DISTRIBUZIONE

Il presente materiale è destinato e sarà distribuito solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni in cui la sua distribuzione o disponibilità non siano vietate dalle leggi locali e dalle normative vigenti.

MSIM, la divisione di asset management di Morgan Stanley (NYSE: MS), e relative consociate hanno posto in essere accordi per il marketing reciproco dei rispettivi prodotti e servizi. Ciascuna consociata MSIM è debitamente regolamentata nella propria giurisdizione operativa. Le consociate di MSIM sono: Eaton Vance Management (International) Limited, Eaton Vance Advisers International Ltd, Calvert Research and Management, Eaton Vance Management, Parametric Portfolio Associates LLC e Atlanta Capital Management LLC.

Questo materiale è pubblicato da una o più delle seguenti entità:

EMEA

Il presente materiale è destinato all’uso dei soli clienti professionali.

Nelle giurisdizioni dell’UE, i materiali di MSIM e Eaton Vance vengono pubblicati da MSIM Fund Management (Ireland) Limited (“FMIL”). La FMIL è regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda ed è una private company limited by shares di diritto irlandese, registrata con il numero 616661 e con sede legale in The Observatory, 24-26 City Quay, Dublin 2, DO2 NY19, Irlanda.

Nelle giurisdizioni esterne all’UE, i materiali di MSIM vengono pubblicati da Morgan Stanley Investment Management Limited (MSIM Ltd), autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA.

In Svizzera i materiali di MSIM vengono pubblicati da Morgan Stanley & Co. International plc, London, Zurich Branch (Sede Secondaria di Zurigo), autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari ("FINMA"). Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurigo, Svizzera.

Nelle giurisdizioni esterne agli Stati Uniti e all’UE, i materiali di Eaton Vance vengono pubblicati da Eaton Vance Management (International) Limited (“EVMI”), 125 Old Broad Street, London, EC2N 1AR, Regno Unito, società autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority.

Italia – MSIM FMIL (Sede Secondaria di Milano) con sede in Palazzo Serbelloni, Corso Venezia 16, 20121 Milano, Italia. Paesi Bassi – MSIM FMIL (filiale di Amsterdam), Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Paesi Bassi. Francia – MSIM FMIL (filiale di Parigi), 61 rue Monceau, 75008 Parigi, Francia. Spagna – MSIM FMIL (filiale di Madrid), Calle Serrano 55, 28006, Madrid, Spagna. Germania – MSIM FMIL filiale di Francoforte, Große Gallusstraße 18, 60312 Francoforte sul Meno, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG). Danimarca – MSIM FMIL (filiale di Copenaghen), Gorrissen Federspiel, Axel Towers, Axeltorv 2, 1609 Copenhagen V, Denmark.

MEDIO ORIENTE

Dubai – : MSIM Ltd (ufficio di rappresentanza, Unit Precinct 3-7th Floor-Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti. Telefono: +97 (0)14 709 7158).

Questo documento è distribuito presso il Dubai International Financial Centre da Morgan Stanley Investment Management Limited (Ufficio di Rappresentanza), un’entità regolamentata dalla Dubai Financial Services Authority (“DFSA”), ed è destinato all’uso dei soli clienti professionali e controparti di mercato. Il presente documento non è destinato alla distribuzione ai clienti retail e tali clienti non possono agire sulla base delle informazioni in esso contenute.

Questo documento riguarda un prodotto finanziario che non è soggetto ad alcuna forma di regolamentazione o approvazione da parte della DFSA. La DFSA non è responsabile di esaminare o verificare alcun documento in relazione al presente prodotto finanziario. Pertanto, la DFSA non ha approvato questo documento né altra documentazione associata, non ha adottato alcuna misura per verificare le informazioni ivi contenute e declina ogni responsabilità in merito. Il prodotto finanziario a cui si fa riferimento nel presente documento può essere illiquido e/o soggetto a restrizioni relativamente alla sua cessione o trasferimento. Si raccomanda ai potenziali acquirenti di effettuare delle verifiche di due diligence indipendenti sul prodotto finanziario. In caso di dubbi circa il contenuto del presente documento si consiglia di rivolgersi a un consulente finanziario autorizzato.

U.S.

NON GARANTITO DALLA FDIC | PRIVO DI GARANZIA BANCARIA | RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE | NON GARANTITO DA ALCUN ENTE FEDERALE | NON È UN DEPOSITO

America Latina (Brasile, Cile, Colombia, Messico, Perù e Uruguay)

Il presente materiale è destinato unicamente agli Investitori istituzionali o qualificati. Tutte le informazioni del presente documento sono riservate e a uso esclusivo del destinatario e non possono essere trasmesse a terzi. Questo materiale viene fornito a solo scopo informativo e non è da intendersi come un’offerta, una sollecitazione o una raccomandazione pubblica per l’acquisto o la vendita di prodotti, servizi, titoli o strategie. La decisione di investire deve essere presa solo dopo aver letto la relativa documentazione e aver condotto una due diligence approfondita e indipendente.

ASIA-PACIFICO

Hong Kong – Il presente materiale è distribuito da Morgan Stanley Asia Limited per essere utilizzato a Hong Kong e reso disponibile esclusivamente agli “investitori professionali”, ai sensi delle definizioni contenute nella Securities and Futures Ordinance di Hong Kong (Cap 571). Il suo contenuto non è stato verificato o approvato da alcuna autorità di vigilanza, ivi compresa la Securities and Futures Commission di Hong Kong. Di conseguenza, fatte salve le esenzioni eventualmente previste dalle leggi applicabili, questo materiale non può essere pubblicato, diffuso, distribuito, indirizzato o reso disponibile al pubblico a Hong Kong. Singapore – Il presente materiale è distribuito da Morgan Stanley Investment Management Company e non deve essere considerato come un invito a sottoscrivere o ad acquistare, direttamente o indirettamente, destinato al pubblico o a qualsiasi soggetto di Singapore che non sia (i) un “institutional investor”, ai sensi della Section 304 del Securities and Futures Act, Chapter 289 di Singapore (“SFA”), (ii) una “relevant person” (che comprende un investitore accreditato), ai sensi della Section 305 dell’SFA, fermo restando che, anche in questi casi, la distribuzione viene effettuata nel rispetto delle condizioni specificate dalla Section 305 dell’SFA o (iii) altri soggetti, in conformità e nel rispetto delle condizioni di qualsiasi altra disposizione applicabile emanata dall’SFA. Il contenuto di questa pubblicazione non è stato verificato dalla Monetary Authority di Singapore.   Australia – Il presente materiale è fornito da Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Ltd ABN 22122040037, AFSL No. 314182 e relative consociate e non rappresenta un’offerta di partecipazioni. Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Limited provvede affinché le consociate di MSIM forniscano servizi finanziari ai “clienti wholesale” australiani. Le partecipazioni verranno offerte unicamente in circostanze per le quali non sia prevista l’esistenza di informative ai sensi del Corporations Act 2001 (Cth) (il “Corporations Act”). Qualsiasi offerta di partecipazioni non potrà intendersi tale in circostanze per le quali sia prevista l’esistenza di informative ai sensi del Corporations Act e verrà proposta unicamente a soggetti che si qualifichino come “clienti wholesale” secondo le definizioni indicate nel Corporations Act. Il presente materiale non verrà depositato presso la Australian Securities and Investments Commission. 

 

La presente comunicazione ha carattere promozionale.

Prima di procedere è necessario leggere attentamente tutti i Termini e le Condizioni che illustrano i vincoli legali e normativi che regolano la divulgazione delle informazioni relative ai prodotti di investimento Morgan Stanley Investment Management.

È possibile che i servizi illustrati in questo sito Web non siano disponibili in tutte le giurisdizioni o a qualsiasi persona. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle condizioni d'uso.


Privacy e cookie    •    Your Privacy Choices Your Privacy Choices Icon    •    Istruzioni per l'uso

©  Morgan Stanley. Diritti riservati.