Insight Article Desktop Banner
 
 
PATH
  •  
marzo 20, 2020
Coronavirus: ecco i primi segnali di interventi concreti: era ora!
Insight Article Mobile Banner

PATH

Coronavirus: ecco i primi segnali di interventi concreti: era ora!

Coronavirus: ecco i primi segnali di interventi concreti: era ora!

Share Icon

marzo 20, 2020

 
 

Nell’ultima settimana, abbiamo iniziato a notare un maggiore coordinamento a livello globale, con i leader del G7 in accordo nel fare “tutto ciò che è necessario”1 per sostenere finanziariamente l’economia globale. Soprattutto, abbiamo finalmente iniziato a vedere interventi concreti da parte dei diversi Paesi per contenere virus. Tuttavia, contrariamente a quanto accaduto in Asia, la risposta tardiva e finora inadeguata da parte dei governi occidentali costituisce, a nostro avviso, la debolezza principale e implica che l’impatto economico sarà considerevole. Le nostre prospettive economiche a breve termine indicano che la situazione peggiorerà ulteriormente prima di migliorare. Sussiste un elevato rischio di recessione tecnica in Europa, Giappone e forse anche negli Stati Uniti, ma siamo cautamente ottimisti nel lungo termine. Ci aspettiamo che il contesto economico resterà debole per qualche tempo, ma gli stimoli fiscali dovrebbero aiutare la ripresa.

 
 

La Federal Reserve è intervenuta in modo molto deciso, tagliando i tassi per ben due volte a marzo e annunciando un nuovo programma di acquisto di titoli da 700 miliardi di dollari. Quanto alle politiche monetarie, rimane poco altro da fare, anche se sarebbe ancora possibile ricorrere ad altre iniezioni di liquidità. Sebbene importanti, gli interventi monetari da soli non sono sufficienti e devono essere integrati da politiche fiscali coordinate e mirate. Siamo incoraggiati dall’attenzione dimostrata dagli Stati Uniti per l’assistenza sanitaria, il sostegno ai disoccupati, l’offerta di congedi per malattia retribuiti e potenziali stimoli per 1000 miliardi di dollari per le famiglie e le imprese, nonché il rinvio del pagamento delle imposte. 

La Banca centrale europea (BCE) ha presentato un discreto pacchetto di stimoli fiscali annunciando un programma di acquisto di titoli da 750 miliardi di euro.2 Pur non essendo intervenuta con un taglio dei tassi, per evitare ulteriori tensioni al settore bancario, la BCE ha aperto una linea di finanziamento per le banche con un tasso inferiore di 25 pb rispetto al tasso sui depositi (di fatto, un taglio dei tassi effettuato con maggiore eleganza). La BCE ha confermato di essere pronta a sfruttare tutti gli spazi di manovra disponibili e di potersi discostare dagli schemi di sottoscrizione del capitale,3 se necessario.

È essenziale vedere un aiuto alle imprese, in particolare alla luce degli elevati livelli di indebitamento societario. Crediamo che il settore dell’aviazione sarà solo il primo di molti che si appellerà al governo per un salvataggio. Per di più, il crollo dei prezzi del petrolio, che difficilmente si riprenderanno nel breve termine, ha aggravato i problemi esistenti a livello globale. Di fatto, potremmo vedere i prezzi scendere abbondantemente sotto i 20 dollari al barile, prima di un’inversione.

In una situazione di pandemia come quella attuale, un’adeguata gestione della salute pubblica è un fattore cruciale. Nonostante le misure più drastiche adottate dai governi occidentali siano state di natura finanziaria, riteniamo che gli interventi tardivi e inadeguati per limitare il contagio siano la ragione per cui tali misure finanziarie non stanno avendo effetti maggiormente positivi.

Assisteremo probabilmente ad una elevata volatilità giornaliera, anche in beni rifugio come l’oro, dato che gli investitori sono alla ricerca di liquidità. È quindi ancora prematuro pensare di incrementare il rischio, anche solo moderatamente. Sono necessari un certo numero di segnali prima di poter considerare una simile opzione. Non bastano le politiche monetarie, occorrono iniezioni di liquidità, stimoli fiscali coordinati e misure efficaci per contrastare la diffusione del virus. I governi occidentali si sono finalmente decisi ad adottare azioni credibili per il controllo del contagio, unitamente a iniziative volte a tutelare le imprese e i segmenti della popolazione più colpiti. Non è ancora chiaro quanto ci vorrà per sviluppare una terapia (potrebbe richiedere ancora diverso tempo), ma ci sono sviluppi positivi in questa direzione.  

Nella tabella riportata di seguito forniamo le più recenti stime delle allocazioni per ciascuno dei nostri cinque fondi SICAV lussemburghesi al 18 marzo 2020.

 
 
  VOLATILITÀ ANNUA 1 AZIONARIO % OBBLIGAZIONARIO % MATERIE PRIME % LIQUIDITÀ
%
Fondo di fondi MS INVF Global Balanced Risk Control (EUR) 4% – 10% 13,6 50,1 4,4 31,6
MS INVF Global Balanced Income Fund (EUR) 4% – 10% 23,4 50,4 4,6 21,6
MS INVF Global Balanced Fund (EUR) 4% – 10% 16,5 49,3 4,5 29,8
MS INVF Global Balanced Defensive Fund (EUR) 2% – 6% 4,5 66,0 3,2 26,2
MS INVF Multi-Asset Risk Control Fund (USD) 4-10% 18,9 58,5 3,9 18,7
 
 
 

Source: Global Balanced Risk Control team, Morgan Stanley Investment Management.

Allocations are subject to change on a daily basis and without notice. For information only and not a recommendation to buy or sell specific investment strategy. MS INVF standards for Morgan Stanley Investment Funds.

1. Volatility targets are indicative ranges. There is no assurance that these targets will be attained.

 
 

Modifiche tattiche dell’asset allocation

Di seguito forniamo una panoramica delle principali modifiche da noi recentemente apportate all’asset allocation tattica.

Azioni

Europa: da neutrale a sottopeso

Riteniamo che, rispetto agli Stati Uniti, l’Europa (come pure il Giappone, che è già sottopesato) sia a rischio di recessione per diversi motivi. L’Europa è estremamente esposta al settore del turismo e a quello manifatturiero, entrambi i quali subiranno un durissimo colpo e difficilmente registreranno una ripresa nel 2020. La crescita ne risentirà pesantemente poiché entrambi i settori contribuiscono in misura rilevante al PIL europeo. Gli Stati Uniti, invece, sono maggiormente esposti ai servizi, un settore più protetto grazie anche al fatto che consente di lavorare da casa e generare ricavi online. Anche il Giappone, fortemente esposto come l’Europa al settore manifatturiero, corre un maggiore rischio di recessione. Non solo: nell’UE gli utili stavano già attraversando una fase di debolezza mentre la composizione del settore tecnologico statunitense si rivelerà di qualità quasi sicuramente più difensiva rispetto al settore bancario europeo.

Auto: eliminazione del sovrappeso

Gli stabilimenti iniziano a chiudere in Europa e le valutazioni si trovano già a livelli recessivi. Il rischio di un ulteriore ribasso è tuttavia ben presente, considerata l’escalation della situazione sia in Europa che negli Stati Uniti.

Obbligazionario

Obbligazioni periferiche: inizi di sottopeso

Dal punto di vista della diffusione del contagio, l’Italia è in vantaggio, ma secondo la nostra ipotesi la Spagna (ma anche altri Paesi) segue solo a distanza di pochi giorni o settimane, e con ogni probabilità la situazione peggiorerà ovunque. Di conseguenza abbiamo assunto una posizione di sottopeso nei Paesi dove le ripercussioni ancora non sono avvertite pienamente. La destabilizzazione economica manterrà con ogni probabilità gli spread sotto pressione in questi Paesi durante la fase di risk-off dei mercati. Inoltre, per la Spagna il potenziale di deterioramento è maggiore, mentre gli spread italiani stanno già scontando un maggiore effetto negativo sulla crescita perché al momento il Paese è nell’occhio del ciclone.

 
 

CONSIDERAZIONI SUI RISCHI

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento della Strategia venga raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero alla possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal portafoglio diminuisca e che il valore delle azioni del portafoglio sia conseguentemente inferiore all’importo pagato dall’investitore per acquistarle. Di conseguenza, l’investimento in questo portafoglio può comportare una perdita

per l’investitore. Inoltre, la strategia può essere esposta ad alcuni rischi aggiuntivi. Esiste il rischio che, in base alle effettive condizioni di mercato, la metodologia e le ipotesi di asset allocation elaborate dal Consulente per i portafogli sottostanti si rivelino errate e che il portafoglio non raggiunga il suo obiettivo d’investimento. I corsi azionari tendono inoltre a essere volatili e la possibilità di subire perdite è significativa. Gli investimenti del portafoglio in certificati legati alle materie prime comportano rischi notevoli, ivi compreso il rischio di un sensibile deprezzamento del capitale investito. In aggiunta ai rischi inerenti alle materie prime, tali investimenti sono esposti a rischi specifici, quali il rischio di perdita di capitale e interessi, l’assenza di un mercato secondario e il rischio di livelli superiori di volatilità, che non interessano i tradizionali titoli azionari e di debito. Le oscillazioni dei cambi potrebbero annullare i guadagni generati dagli investimenti o accentuare le perdite. I titoli obbligazionari sono soggetti alla capacità dell’emittente di rimborsare puntualmente capitale e interessi (rischio di credito), alle variazioni dei tassi d’interesse (rischio di tasso d’interesse), al merito di credito dell’emittente e alle condizioni generali di liquidità del mercato (rischio di mercato). In un contesto di aumento dei tassi d’interesse, i prezzi obbligazionari possono scendere. Le azioni e i titoli esteri risentono in genere di una maggiore volatilità rispetto agli strumenti obbligazionari e sono soggetti a rischi di cambio, politici, economici e di mercato. Le quotazioni tendono a oscillare in risposta a eventi specifici in seno a una determinata società. I titoli delle società a bassa capitalizzazione comportano rischi particolari, come l’esiguità delle linee di prodotto, dei mercati e delle risorse finanziarie, e possono registrare una maggiore volatilità di mercato rispetto a quelli di società più consolidate di dimensioni maggiori. I rischi associati agli investimenti nei Mercati Emergenti sono maggiori di quelli associati agli investimenti nei Mercati Sviluppati esteri.  Le azioni degli exchange traded funds (ETF) comportano molti dei rischi associati agli investimenti diretti in azioni ordinarie od obbligazioni e il loro valore di mercato oscilla al variare del valore dell’indice sottostante. Investendo in ETF e in altri Fondi d’investimento, il portafoglio assorbe sia le proprie spese che quelle degli ETF e dei Fondi d’investimento nei quali investe. La domanda e l’offerta di ETF e di Fondi d’investimento potrebbero non essere correlate a quelle dei titoli sottostanti. Gli strumenti derivati possono essere illiquidi, amplificare le perdite in misura più che proporzionale e avere un impatto negativo potenzialmente consistente sulla performance del portafoglio.  Un contratto a termine su valute è uno strumento di copertura che non implica alcun pagamento anticipato. L’uso della leva finanziaria può accentuare la volatilità del Portafoglio. La diversificazione non protegge dalle perdite in un particolare mercato, tuttavia permette di distribuire il rischio tra le varie classi di attività. 

 
 

1 Fonte: Bloomberg, 16 marzo 2020

2 Banca centrale europea Comunicato stampa del 18 marzo 2020. ECB announces €750 billion Pandemic Emergency Purchase Programme (PEPP). www.ecb.europa.eu

3 Gli schemi di sottoscrizione del capitale della BCE per ciascun Paese sono calcolati in base alla quota di capitale detenuta da ciascun Stato membro, basata sulla popolazione totale e sul prodotto interno lordo.  

 
andrew.harmstone
Managing Director
Global Balanced Risk Control Team
 
manfred.hui
Managing Director
Global Balanced Risk Control Team
 
christian.goldsmith
Executive Director
Global Balanced Risk Control Team
 

Select Article

Right Click Edit

 
 
 

INFORMATIVA DI LEGGE

Le opinioni espresse sono quelle dell’autore alla data di pubblicazione, possono variare in qualsiasi momento a causa di cambiamenti delle condizioni economiche o di mercato e potrebbero non realizzarsi. Inoltre, le opinioni non saranno aggiornate né altrimenti riviste per riflettere informazioni resesi disponibili in seguito, circostanze esistenti o modifiche verificatesi dopo la data di pubblicazione. Le opinioni espresse non riflettono i giudizi di tutti i gestori di portafoglio di Morgan Stanley Investment Management (MSIM) né le opinioni dell’azienda nel suo complesso e potrebbero non trovare riscontro in tutte le strategie e in tutti i prodotti offerti dalla Società.

Le previsioni e/o stime fornite sono soggette a variazioni e potrebbero non realizzarsi. Le informazioni concernenti i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sulla ricerca, sull’analisi e sulle opinioni degli autori. Tali conclusioni sono di natura speculativa, potrebbero non realizzarsi e non intendono prevedere la performance futura di alcun prodotto specifico di Morgan Stanley Investment Management.

Ove non diversamente indicato, le opinioni e i giudizi espressi sono quelli del team di gestione del portafoglio, sono basati sui dati disponibili alla data di redazione e non in date future e non saranno aggiornati né altrimenti rivisti per riflettere informazioni resesi disponibili in un momento successivo, circostanze esistenti o modifiche che si verifichino successivamente alla data di pubblicazione. Alcune delle informazioni ivi contenute si basano sui dati ottenuti da fonti terze considerate affidabili. Ciò nonostante, non abbiamo verificato tali informazioni e non rilasciamo dichiarazione alcuna circa la loro correttezza o completezza.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale redatta esclusivamente a scopi informativi e divulgativi e non costituisce un’offerta o una raccomandazione all’acquisto o alla vendita di valori mobiliari o all’adozione di una specifica strategia d’investimento.

Le informazioni contenute nel presente documento non tengono conto delle circostanze personali del singolo cliente e non rappresentano una consulenza d’investimento, né sono in alcun modo da interpretarsi quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

I rendimenti passati non sono indicativi di risultati futuri. Tabelle e grafici sono forniti a solo scopo illustrativo. La presente pubblicazione non è stata redatta dal Dipartimento di ricerca di Morgan Stanley e non è da intendersi quale raccomandazione di ricerca. Le informazioni contenute in questa pubblicazione non sono state predisposte in conformità a requisiti di legge finalizzati a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non sono soggette ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione dei risultati di tali ricerche.

Il presente commento è destinato e sarà distribuito solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni in cui la sua distribuzione o disponibilità non sia vietata dalle leggi locali e dalle normative vigenti.

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore deve valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati. Prima di investire, si raccomanda agli investitori di esaminare attentamente i documenti d’offerta relativi al prodotto. Vi sono importanti differenze nel modo in cui la strategia viene realizzata nei singoli veicoli d’investimento.

DISTRIBUZIONE

Il presente documento è destinato e sarà distribuito solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni in cui la sua distribuzione o disponibilità non sia vietata dalle leggi e normative vigenti.

Irlanda – Morgan Stanley Investment Management (Ireland) Limited. Sede legale: The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson's Quay, Dublin 2, Irlanda. Società registrata in Irlanda con il numero 616662. Regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Regno Unito – Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority.

Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA, autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Dubai – Morgan Stanley Investment Management Limited (Representative Office, Unit Precinct 3-7th Floor-Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti. Telefono: +97 (0)14 709 7158). Germania – Morgan Stanley Investment Management Limited  Niederlassung Deutschland 4th Floor Junghofstrasse 18-26, 60311 Francoforte sul Meno, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG). Italia – Morgan Stanley Investment Management Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) è una filiale di Morgan Stanley Investment Management Limited, una società registrata nel Regno Unito, autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (FCA), e con sede legale in 25 Cabot Square, Canary Wharf, London, E14 4QA. Morgan Stanley Investment Management Limited Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) con sede in Palazzo Serbelloni,

Corso Venezia 16, 20121 Milano, Italia, registrata in Italia con codice fiscale e P. IVA 08829360968. Paesi Bassi – Morgan Stanley Investment Management, Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Paesi Bassi. Telefono: 31 2-0462-1300. Morgan Stanley Investment Management è una filiale di Morgan Stanley Investment Management Limited. Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority nel Regno Unito. Svizzera – Morgan Stanley & Co. International plc, London, filiale di Zurigo, autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (“FINMA”). Iscritta al Registro di commercio di Zurigo CHE-115.415.770. Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurigo, Svizzera, telefono +41 (0) 44 588 1000. Facsimile Fax: +41(0)44 588 1074.

Hong Kong – Il presente documento è stato pubblicato da Morgan Stanley Asia Limited per essere utilizzato a Hong Kong e reso disponibile esclusivamente ai “professional investor” (investitori professionali) ai sensi delle definizioni contenute nella Securities and Futures Ordinance di Hong Kong (Cap 571). Il suo contenuto non è stato verificato o approvato da alcuna autorità di vigilanza, ivi compresa la Securities and Futures Commission di Hong Kong. Di conseguenza, fatte salve le esenzioni eventualmente previste dalle leggi applicabili, questo documento non può essere pubblicato, diffuso, distribuito, indirizzato o reso disponibile al pubblico a Hong Kong. Singapore – La presente pubblicazione non deve essere considerata come un invito a sottoscrivere o ad acquistare, direttamente o indirettamente, destinato al pubblico o a qualsiasi soggetto di Singapore che non sia (i) un “institutional investor” ai sensi della Section 304 del Securities and Futures Act, Chapter 289 di Singapore (“SFA”), (ii) una “relevant person” (che comprende un investitore accreditato) ai sensi della Section 305 dell’SFA, fermo restando che anche in questi casi la distribuzione viene effettuata nel rispetto delle condizioni specificate dalla Section 305 dell’SFA o (iii) altri soggetti, in conformità e nel rispetto delle condizioni di qualsiasi altra disposizione applicabile emanata dall’SFA. La presente pubblicazione non è stata esaminata dalla Monetary Authority of Singapore. Australia – La presente pubblicazione è diffusa in Australia da Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Limited ACN: 122040037, AFSL No. 314182, che si assume la responsabilità dei relativi contenuti. Questa pubblicazione e l’accesso alla stessa sono destinati unicamente ai “wholesale client” conformemente alla definizione dell’Australian Corporations Act.

America Latina

BRASILE. Il presente documento non costituisce un’offerta pubblica di titoli ai fini della normativa brasiliana vigente e pertanto non è stato né sarà registrato presso gli organi di vigilanza brasiliani (Comissão de Valores Mobiliários) né presso altre autorità governative brasiliane. Tutte le informazioni contenute nel presente documento sono riservate e ad uso esclusivo del destinatario e non possono essere trasmesse a terzi.

CILE. Né il Comparto né le partecipazioni nel Comparto sono registrati presso il Registro dei Titoli Esteri (Registro de Valores Extranjeros) o soggetti alla vigilanza della Commissione per il Mercato Finanziario (Comisión para el Mercado Financiero). Il presente documento e gli altri materiali relativi all’offerta di partecipazioni nel Comparto non costituiscono un’offerta pubblica né un invito a sottoscrivere o ad acquistare partecipazioni nel Comparto nella Repubblica del Cile, se non a singoli acquirenti identificati ai sensi dell’articolo 4 della legge cilena sui valori mobiliari (Ley del Mercado de Valores) (offerta non “rivolta al pubblico in generale né a un determinato settore o gruppo specifico di pubblico”).

COLOMBIA. Questo documento non costituisce un invito né un’offerta pubblica nella Repubblica di Colombia e non è disciplinato dalla legge colombiana. Le partecipazioni nel Comparto non sono state né saranno registrate presso il registro nazionale dei valori mobiliari e degli Emittenti (Registro Nacional de Valores y Emisores) tenuto dall’organo di vigilanza finanziaria colombiano (Superintendencia Financiera de Colombia) e non saranno quotate nella borsa colombiana (Bolsa de Valores de Colombia). Le partecipazioni nel Comparto vengono offerte in circostanze che non costituiscono un’offerta pubblica di titoli ai sensi delle leggi e delle normative colombiane vigenti in materia di valori mobiliari. L’offerta di partecipazioni nel Comparto è rivolta a meno di cento investitori specificamente designati. Di conseguenza, le partecipazioni nel Comparto non possono essere commercializzate, offerte, vendute o negoziate in Colombia, se non in circostanze che non costituiscono un’offerta pubblica di titoli ai sensi delle leggi e delle normative colombiane vigenti in materia di valori mobiliari. Questo documento viene fornito su richiesta del destinatario a scopo esclusivamente informativo e non costituisce una sollecitazione. Le partecipazioni nel Comparto non possono essere promosse o commercializzate in Colombia né ai residenti colombiani, eccetto il caso in cui tale promozione e tale commercializzazione siano effettuate nel rispetto del Decreto 2555 del 2010 e di altre norme e regolamenti applicabili relativi alla promozione di prodotti o servizi finanziari e relativi ai titoli esteri in Colombia.

Gli investitori colombiani idonei riconoscono che le partecipazioni nel Comparto (i) non sono prodotti finanziari, (ii) sono trasferibili solo in conformità ai termini dei documenti costitutivi del Comparto e (iii) non offrono alcuna protezione principale.

Gli investitori colombiani idonei riconoscono le leggi e le normative colombiane (in particolare, le normative in materia di valuta estera, titoli e imposte) applicabili a qualsiasi transazione o investimento realizzato in relazione a un investimento nel Comparto e dichiarano di essere gli unici responsabili del pieno rispetto di tali leggi e normative. Oltre a ciò, gli investitori colombiani riconoscono e accettano che il Comparto non ha alcuna responsabilità, obbligazione o dovere in relazione ad alcun consenso, approvazione, presentazione, procedura, autorizzazione o permesso richiesto all’investitore né ad alcuna azione intrapresa o da intraprendere da parte dell’investitore relativamente all’offerta, alla vendita o alla consegna delle partecipazioni nel Comparto ai sensi della legge colombiana.

MESSICO. Qualsiasi potenziale acquirente di partecipazioni nel Comparto deve essere un investitore istituzionale (inversionista institucional) o un investitore qualificato (inversionista calificado) ai sensi della legge messicana sul mercato dei valori mobiliari (Ley del Mercado de Valores) (la “Legge sul mercato dei valori mobiliari”) e delle altre leggi messicane vigenti in materia.

Le partecipazioni nel Comparto non sono state né saranno registrate presso il registro nazionale dei titoli (Registro Nacional de Valores) tenuto dall’organo messicano di vigilanza bancaria e dei valori mobiliari (Comisión Nacional Bancaria y de Valores). Le partecipazioni nel Comparto non possono essere offerte o vendute in alcun modo negli Stati Uniti messicani, se non in circostanze che costituiscono un’offerta privata ai sensi dell’Articolo 8 della Legge sul mercato dei valori mobiliari e relative normative. Nessuna autorità di vigilanza messicana ha autorizzato o negato l’autorizzazione alle partecipazioni nel Comparto né deliberato in merito alla solvibilità del Comparto. Tutte le disposizioni vigenti della Legge sul mercato dei valori mobiliari devono essere rispettate in relazione a qualsiasi vendita, offerta o distribuzione delle partecipazioni nel Comparto, nonché intermediazione delle stesse, in, da o comunque riguardante il Messico, e qualsiasi rivendita delle partecipazioni nel Comparto all’interno del territorio messicano deve essere effettuata in modo da costituire un’offerta privata ai sensi dell’Articolo 8 della Legge sul mercato dei valori mobiliari e relativi regolamenti.

PERÙ. Le partecipazioni nel Comparto non sono state e non saranno registrate in Perù ai sensi del Decreto Legislativo 862: Ley de Fondos de Inversión y sus Sociedades Administradoras né ai sensi del Decreto Legislativo 861: Ley del Mercado de Valores (“Legge sul mercato dei valori mobiliari”) e vengono offerte esclusivamente a investitori istituzionali (definiti dall’articolo 8 della Legge sul mercato dei valori mobiliari) in virtù di un collocamento privato, ai sensi dell’articolo 5 della Legge sul mercato dei valori mobiliari. Le partecipazioni nel Comparto non sono state registrate presso il registro pubblico dei valori mobiliari (Registro Público del Mercado de Valores), tenuto dalla Superintendencia del Mercado de Valores, e l’offerta delle partecipazioni nel Comparto non è soggetta alla vigilanza di tale organismo. Qualsiasi cessione delle partecipazioni nel Comparto sarà soggetta alle limitazioni previste dalla Legge sul mercato dei valori mobiliari e dalle normative emanate ai sensi della stessa.

URUGUAY. L’offerta delle partecipazioni si configura come collocamento privato ai sensi dell’Articolo 2 della legge uruguaiana 18627.  Le partecipazioni non verranno offerte o vendute al pubblico (privati o società) in Uruguay, se non in circostanze che non costituiscono un’offerta o distribuzione pubblica in una borsa valori riconosciuta ai sensi delle leggi e delle normative uruguayane.  Né il Comparto né le partecipazioni sono o saranno registrate presso la Superintendencia de Servicios Financieros del Banco Central del Uruguay. Il Comparto corrisponde a un fondo d’investimento che non è regolamentato dalla legge uruguaiana 16774 del 27 settembre 1996 e successive modifiche.

NOTA INFORMATIVA

EMEA – La presente comunicazione di marketing è stata pubblicata da Morgan Stanley Investment Management Limited (“MSIM”). Società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra con il n. 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA.

​Il presente documento contiene informazioni relative al comparto (“Comparto”) di Morgan Stanley Investment Funds, una società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese (Société d’Investissement à Capital Variable). Morgan Stanley Investment Funds (la “Società”) è registrata nel Granducato di Lussemburgo come organismo d’investimento collettivo ai sensi della Parte 1 della Legge del 17 dicembre 2010 e successive modifiche. La Società è un organismo d’investimento collettivo in valori mobiliari (“OICVM”).

​Prima dell’adesione al Comparto, gli investitori sono invitati a prendere visione dell’ultima versione del Prospetto informativo, del Documento contenente informazioni chiave per gli investitori (“KIID”), della Relazione annuale e della Relazione semestrale (i “Documenti di offerta”) o di altri documenti disponibili nella rispettiva giurisdizione, che possono essere richiesti a titolo gratuito presso la Sede legale della Società all’indirizzo: European Bank and Business Centre, 6B route de Trèves, L-2633 Senningerberg, R.C.S. Lussemburgo B 29 192. Inoltre, gli investitori italiani sono invitati a prendere visione del “Modulo completo di sottoscrizione” (Extended Application Form), mentre la sezione “Informazioni supplementari per Hong Kong” (“Additional Information for Hong Kong Investors”) all’interno del Prospetto riguarda specificamente gli investitori di Hong Kong. Copie gratuite in lingua tedesca del Prospetto informativo, del Documento contenente informazioni chiave per gli investitori, dello Statuto e delle relazioni annuale e semestrale e ulteriori informazioni possono essere ottenute dal rappresentante in Svizzera. Il rappresentante in Svizzera è Carnegie Fund Services S.A., 11, rue du Général-Dufour, 1204 Ginevra. L’agente pagatore in Svizzera è Banque Cantonale de Genève, 17, quai de l’Ile, 1204 Ginevra. Il documento è stato redatto a solo scopo informativo e non è da intendersi come una raccomandazione o un’offerta per l’acquisto o la vendita di valori mobiliari o l’adozione di una strategia d’investimento specifica.

Tutti gli investimenti comportano dei rischi, tra cui la possibile perdita del capitale. Le informazioni contenute nel presente documento non tengono conto delle circostanze personali del singolo cliente e non rappresentano una consulenza d’investimento, né sono in alcun modo da interpretarsi quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

Le opinioni e i giudizi espressi sono quelli del team di gestione del portafoglio alla data di redazione/di questa presentazione e possono variare in qualsiasi momento, a causa di cambiamenti delle condizioni di mercato, economiche o di altra natura, e potrebbero non realizzarsi. Questi commenti non sono rappresentativi dei giudizi e delle opinioni dell’azienda nel suo complesso. Tabelle e grafici sono forniti a solo scopo illustrativo.

Le informazioni contenute nella presente comunicazione non costituiscono una raccomandazione di ricerca o una “ricerca in materia di investimenti” e sono classificate come “Comunicazione di marketing” ai sensi delle normative europee e svizzere applicabili. Pertanto questa comunicazione di marketing (a) non è stata predisposta in conformità a requisiti di legge tesi a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e (b) non è soggetta ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

MSIM non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente documento, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti. MSIM non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente documento da parte degli intermediari finanziari. Per i soggetti incaricati del collocamento dei comparti di Morgan Stanley Investment Funds, non tutti i comparti e non tutte le azioni dei comparti potrebbero essere disponibili per la distribuzione. Si invita a consultare il contratto di collocamento per ulteriori dettagli in merito prima di inoltrare informazioni sui comparti ai propri clienti.

Il presente documento non può essere riprodotto, copiato o trasmesso, integralmente o in parte, e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi senza l’esplicito consenso scritto di MSIM.

Tutte le informazioni di cui al presente documento sono informazioni proprietarie tutelate dalla legge sul diritto d’autore.

Morgan Stanley Investment Management è la divisione di asset management di Morgan Stanley. Il presente documento potrebbe essere stato tradotto in altre lingue. La versione originale in lingua inglese è quella predominante. In caso di discrepanze tra la versione inglese e quella in altre lingue del presente documento, farà fede la versione inglese.

 

Prima di procedere è necessario leggere attentamente tutti i Termini e le Condizioni che illustrano i vincoli legali e normativi che regolano la divulgazione delle informazioni relative ai prodotti di investimento Morgan Stanley Investment Management.

È possibile che i servizi illustrati in questo sito Web non siano disponibili in tutte le giurisdizioni o a qualsiasi persona. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle condizioni d'uso.


Privacy e cookie    •    Istruzioni per l'uso

©  Morgan Stanley. Diritti riservati.