Insight Article Desktop Banner
 
 
Annual
  •  
gennaio 16, 2024

THE BEAT – I nostri sette temi chiave per il 2024

Insight Video Mobile Banner
 
gennaio 16, 2024

THE BEAT – I nostri sette temi chiave per il 2024


Annual

THE BEAT – I nostri sette temi chiave per il 2024

Share Icon

gennaio 16, 2024

 
 

In queste prime battute del 2024, il contesto di investimento è assai diverso da quello che si presentava all’inizio dell’anno scorso. L'inflazione sembra aver raggiunto il picco, i tassi d'interesse sembrano destinati a scendere e i portafogli bilanciati possono tornare a funzionare come previsto. A sostegno del Portfolio Solutions Group, il Capital Markets Group rivela i nostri sette temi chiave per il 2024.

 
 
  1. Aspettative di consenso
    Nel 2024 il consenso riuscirà finalmente a colpire nel segno? Si tratta di un quesito difficile da rispondere, poiché negli ultimi due anni diverse stime di consenso, che correlavano i fondamentali economici alle performance degli attivi, sono risultate estremamente errate. La situazione potrebbe cambiare nel 2024, date le condizioni di partenza molto diverse da quelle del 2023, aumentando quindi le probabilità che le aspettative di consenso siano corrette.  In sintesi, in ambito azionario suggeriamo un posizionamento da neutrale a un moderato sovrappeso, annulliamo il nostro sottopeso di duration e adottiamo un posizionamento generalmente più neutrale. Tali posizioni verranno finanziate mediante la riduzione di titoli a breve termine e della liquidità.
  2. Correlazione azionario-obbligazionario
    In seguito alla crisi finanziaria globale (2008-2009), la forte correlazione negativa tra azionario e obbligazionario è risultata il punto chiave dell’attrattività, in termini di rischio-rendimento, dei portafogli bilanciati (60/40). Tale situazione si è protratta fino al 2020, anno della pandemia, dando luogo a un forte aumento della correlazione che ha limitato i vantaggi di diversificazione offerti dal comparto obbligazionario, in particolare quando nel 2022, sia azionario che obbligazionario hanno accusato una forte flessione. Il 2023 è stato un altro anno difficile per il comparto obbligazionario; tuttavia, se volgiamo lo sguardo al 2024, le valutazioni iniziali dell’obbligazionario globale appaiono interessanti. In particolare, per i portafogli bilanciati ci aspettiamo una minore correlazione tra azionario e obbligazionario nel corso del prossimo anno.
  3. Politica monetaria
    Uno dei principali argomenti di dibattito all’inizio del 2023 riguardava l’inasprimento delle politiche monetarie e, in particolare, se avrebbero causato una recessione. Non è stato così, ma la resilienza della crescita statunitense e le sorprese al rialzo sono risultati i temi dominanti per la maggior parte del 2023. Tuttavia, le conseguenze di politica monetaria continuano a rappresentare il principale rischio anche per il 2024. Riteniamo che persistano rischi di ribasso, ma che gli ostacoli alla crescita si stiano attenuando e che i rischi diminuiranno ulteriormente se il processo di disinflazione continuerà a perseguire la sua traiettoria positiva.
  4. Inflazione
    Riteniamo probabile che nei prossimi 12 mesi l’inflazione statunitense mostri una decisa flessione in seguito all’attenuazione degli effetti prodotti dagli shock transitori della domanda e dell’offerta legati alla pandemia. Di fatto, le componenti principali dell’indice dei prezzi al consumo (IPC) hanno dovuto affrontare notevoli shock legati alla pandemia. Oggi tali effetti stanno subendo una rapida inversione. Ci aspettiamo che, entro la fine del 2024, negli Stati Uniti la PCE (cioè la spesa per i consumi personali) strutturale registri una flessione, dal 3,5% al di sotto delle stime di consenso del 2,6%.

    Ci aspettiamo una rapida disinflazione anche in Eurozona, ma per motivi differenti. Diversamente dagli Stati Uniti, in Eurozona le pressioni inflazionistiche sono meno riconducibili a un surriscaldamento dell’economia. Al contrario, le pressioni sull’inflazione strutturale in Eurozona sono riconducibili principalmente a fattori esogeni. Si tratta cioè di un’inflazione “importata” aggravata dallo shock energetico del 2022. Con la progressiva attenuazione o inversione di tendenza di queste dinamiche, ci aspettiamo che l’inflazione si riduca al 2,0%.
  5. Azionario giapponese
    Nel 2023 l’azionario giapponese è tornato a suscitare un forte interesse tra gli investitori. Guardando al 2024, il più importante interrogativo che ci si pone riguarda la sostenibilità della recente sovraperformance. Attualmente il mercato è ottimista sul rilancio del Giappone e nel medio termine condividiamo questo punto di vista pur consapevoli che tale prospettiva non possa mantenersi invariata su base prospettica. Con le valutazioni attualmente in linea ai livelli medi di lungo termine, la crescita degli utili diventerà il fattore determinante i rendimenti totali. Pur giudicando con ottimismo l’azionario giapponese nel 2024, occorre tenere d’occhio alcuni rischi.
  6. Cina
    Nelle prime battute del 2024 è possibile che si inneschi un temporaneo rimbalzo del mercato azionario cinese, a fronte del sostegno del governo nel breve termine, delle valutazioni convenienti e del posizionamento alleggerito. È tuttavia probabile che gli investitori non si lascino ingannare da una temporanea parentesi, dal momento che i problemi strutturali rimangono saldamente radicati. Le difficoltà del settore immobiliare cinese potrebbero costituire un freno per l’economia nazionale sia nel 2024 che negli anni successivi, dato che circa il 70% della ricchezza delle famiglie del paese è legata al valore degli immobili. Inoltre, il premio al rischio politico in Cina è probabilmente troppo elevato per molti.
  7. Investimenti alternativi: Mercati privati
    Negli ultimi tre anni i mercati privati hanno registrato una serie di problematiche, culminate con l’inizio di una correzione dei listini che non si vedeva dai tempi della grande crisi finanziaria. Di conseguenza, molti operatori dei mercati privati hanno reagito con una riduzione, o addirittura una totale sospensione, dei propri impegni (cioè le somme che un investitore promette di versare a un fondo privato). Questa serie di eventi sta dando luogo alla prima correzione dei prezzi nel settore dei mercati privati dai tempi della grande crisi finanziaria e gli investitori stanno cercando di mettere a fuoco le opportunità e i rischi associati.

    Valutiamo le opportunità in tre ambiti ben distinti: i mercati che hanno già subito una significativa correzione dei prezzi; i mercati che hanno registrato modeste oscillazioni delle valutazioni, ma che si mantengono su livelli difensivi; e i mercati per i quali ci aspettiamo un’ulteriore contrazione delle valutazioni. Nel 2024, individuiamo opportunità in tutti i mercati.
 
 
 
 

Considerazioni sui rischi

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento del portafoglio sarà raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero alla possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal portafoglio diminuisca e che il valore delle azioni del portafoglio sia conseguentemente inferiore all’importo pagato dall’investitore per acquistarle. I valori di mercato possono cambiare quotidianamente a causa di eventi economici e di altro tipo (ad es. catastrofi naturali, crisi sanitarie, terrorismo, conflitti e disordini sociali) che interessano mercati, paesi, aziende o governi. È difficile prevedere le tempistiche, la durata e i potenziali effetti negativi (ad esempio la liquidità del portafoglio) degli eventi. Di conseguenza, l’investimento in questo portafoglio può comportare una perdita per l’investitore. La asset allocation/diversificazione non protegge dalle perdite in un particolare mercato, tuttavia permette di distribuire il rischio tra le varie classi di attivo. Le valutazioni dei titoli azionari tendono in genere a oscillare in risposta a eventi specifici in seno a una determinata società. Gli investimenti nei mercati esteri comportano rischi specifici, quali rischi di cambio, politici, economici e di mercato. I rischi associati agli investimenti in Paesi Emergenti sono maggiori di quelli associati agli investimenti nei Paesi Sviluppati esteri. Titoli a reddito fisso sono soggette alla capacità dell’emittente di rimborsare puntualmente capitale e interessi (rischio di credito), alle variazioni dei tassi d’interesse (rischio di tasso d’interesse), al merito di credito dell’emittente e alle condizioni generali di liquidità del mercato (rischio di mercato). In un contesto di tassi d’interesse in rialzo, i corsi obbligazionari possono calare e dar luogo a periodi di volatilità e a maggiori richieste di rimborso. In un contesto di calo dei tassi d’interesse, il portafoglio potrebbe generare un reddito inferiore. I titoli garantiti da ipoteche e da collaterale (MBS e ABS) sono esposti al rischio di rimborso anticipato e a un più elevato rischio d’insolvenza e possono essere difficili da valutare e vendere (rischio di liquidità). Essi sono altresì soggetti ai rischi di credito, di mercato e di tasso d’interesse. Determinati titoli di Stato americani, come quelli emessi da Fannie Mae e Freddie Mac, non sono garantiti dal “full faith and credit” (piena fiducia e credito) degli Stati Uniti. È possibile che in futuro questi emittenti non dispongano dei fondi per onorare i propri obblighi di pagamento. L’emittente o l’autorità governativa che controlla il rimborso del debito sovrano potrebbe non essere disposta o in grado di rimborsare il capitale e/o pagare gli interessi alla data di scadenza, conformemente ai termini e alle condizioni di tali obblighi. Gli investimenti nei mercati esteri comportano rischi specifici, quali rischi di cambio, politici, economici e di mercato. I rischi associati agli investimenti nei mercati dei paesi emergenti sono maggiori di quelli generalmente associati agli investimenti in paesi sviluppati. I trust d’investimento immobiliari sono soggetti a rischi simili a quelli associati alla proprietà diretta del settore immobiliare e sono sensibili a tali fattori quali capacità di gestione e modifiche delle leggi fiscali. Titoli vincolati e illiquidi può essere più difficile da vendere e valutare rispetto ai titoli quotati in borsa (rischio di liquidità). Strumenti derivati possono essere illiquidi, amplificare le perdite in misura più che proporzionale e avere un impatto negativo potenzialmente consistente sulla performance. Negoziazione in e esposizione agli investimenti a mercati delle materie prime comportano rischi notevoli e il Portafoglio a una maggiore volatilità. Portafogli non diversificati spesso investono in un numero più limitato di emittenti, pertanto le variazioni della situazione finanziaria o del valore di mercato di un singolo emittente possono determinare una maggiore volatilità. Investendo in titoli di società di investimento, il portafoglio è soggetto ai rischi sottostanti dei titoli detenuti in portafoglio da quella società di investimento. In aggiunta alle commissioni e alle spese di portafoglio, un portafoglio sostiene in generale le commissioni e le spese della società di investimento. Gli investimenti alternativi, compresi gli hedge fund, offrono una liquidità limitata e comportano inoltre i rischi inerenti agli investimenti in titoli e derivati, al ricorso alla leva finanziaria e alle vendite allo scoperto. L’investimento in un fondo di investimento alternativo può essere speculativo e non deve costituire la totalità di un programma di investimento. Questa sintesi ha finalità puramente informative e non costituisce un’offerta di vendita né la sollecitazione di un’offerta di acquisto di partecipazioni in alcun fondo.

INFORMAZIONI IMPORTANTI

INFORMAZIONI IMPORTANTILa performance passata non è garanzia di risultati futuri. I rendimenti di cui si parla nel commento sono quelli degli indici di riferimento e non intendono rappresentare la performance di alcun investimento specifico.

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore deve valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati.

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. Nei conti separati gestiti in base a una determinata strategia possono essere inseriti valori mobiliari che non replicano la performance di un particolare indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento. È richiesto un livello patrimoniale minimo.

Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sui gestori degli investimenti.

Le opinioni e/o analisi espresse sono quelle dell’autore o del team d’investimento alla data di redazione del presente materiale, possono variare in qualsiasi momento senza preavviso a causa di cambiamenti delle condizioni economiche o di mercato e potrebbero non realizzarsi. Inoltre, le opinioni non saranno aggiornate né altrimenti riviste per riflettere informazioni resesi disponibili in seguito, circostanze esistenti o modifiche verificatesi dopo la data di pubblicazione. Le tesi espresse non riflettono i giudizi di tutto il personale di investimento in forza presso Morgan Stanley Investment Management (MSIM) e relative controllate e consociate (collettivamente, “la Società”) e potrebbero non trovare riscontro in tutte le strategie e in tutti i prodotti offerti dalla Società.

Le previsioni e/o stime fornite sono soggette a variazioni e potrebbero non realizzarsi. Le informazioni concernenti i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sulla ricerca, sull’analisi e sulle opinioni degli autori o del team di investimento. Tali conclusioni sono di natura speculativa, potrebbero non realizzarsi e non intendono prevedere la performance futura di alcuna strategia o prodotto specifico offerto dalla Società. I risultati futuri possono divergere in misura rilevante sulla scia di sviluppi riguardanti i titoli, i mercati finanziari o le condizioni economiche generali.

Il materiale è stato preparato utilizzando fonti d’informazione pubbliche, dati sviluppati internamente e altre fonti terze ritenute attendibili. Tuttavia, non vengono fornite garanzie circa l’affidabilità di tali informazioni e la Società non ha provveduto a verificare in modo indipendente le informazioni tratte da fonti pubbliche e terze.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale e tutte le informazioni fornite hanno esclusivamente scopo informativo e non sono da intendersi quale offerta o raccomandazione per l’acquisto o la vendita di valori mobiliari o l’adozione di una qualsiasi strategia d’investimento. Le informazioni ivi contenute non tengono conto delle circostanze personali del singolo investitore e non rappresentano una consulenza d’investimento, né vanno in alcun modo interpretate quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

I rendimenti passati non sono indicativi dei risultati futuri. Tabelle e grafici sono forniti a solo scopo illustrativo.

Gli indici non sono gestiti e non includono spese, commissioni o oneri di vendita. Non è possibile investire direttamente in un indice. Tutti gli indici cui si fa riferimento nel presente documento sono proprietà intellettuale (inclusi i marchi commerciali registrati) dei rispettivi licenzianti. Eventuali prodotti basati su un indice non sono in alcun modo sponsorizzati, approvati, venduti o promossi dal rispettivo licenziante e il licenziante declina ogni responsabilità in merito.

Il presente materiale non è stato redatto dal Dipartimento di ricerca di Morgan Stanley e non è da intendersi quale materiale o raccomandazione di ricerca.

La Società non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente materiale, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti. Inoltre, gli intermediari finanziari sono tenuti ad assicurarsi che le informazioni contenute nel presente materiale siano adatte ai soggetti a cui trasmettono il presente materiale alla luce delle circostanze e degli obiettivi di costoro. La Società non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente materiale da parte degli intermediari finanziari.

Il presente materiale potrebbe essere stato tradotto in altre lingue. La versione originale in lingua inglese è quella predominante. In caso di discrepanze tra la versione inglese e quella in altre lingue del presente materiale, farà fede la versione inglese.

Il presente materiale non può essere riprodotto, copiato, modificato, utilizzato per creare un’opera derivata, eseguito, esposto, diffuso, pubblicato, concesso in licenza, incorniciato, distribuito, o trasmesso, integralmente o in parte e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi, senza l’esplicito consenso scritto della Società. Proibito collegare link a questo materiale, se non per uso personale e non commerciale. Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore e altre leggi applicabili.

Eaton Vance fa parte di Morgan Stanley Investment Management. Morgan Stanley Investment Management è la divisione di investimento di Morgan Stanley.

DISTRIBUZIONE

Il presente materiale è destinato e sarà distribuito solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni in cui la sua distribuzione o disponibilità non siano vietate dalle leggi locali e dalle normative vigenti.

MSIM, la divisione di asset management di Morgan Stanley (NYSE: MS), e relative consociate hanno posto in essere accordi per il marketing reciproco dei rispettivi prodotti e servizi. Ciascuna consociata MSIM è debitamente regolamentata nella propria giurisdizione operativa. Le consociate di MSIM sono: Eaton Vance Management (International) Limited, Eaton Vance Advisers International Ltd, Calvert Research and Management, Eaton Vance Management, Parametric Portfolio Associates LLC e Atlanta Capital Management LLC.

Questo materiale è pubblicato da una o più delle seguenti entità:

EMEA

Il presente materiale è destinato all’uso dei soli clienti professionali.

Nelle giurisdizioni dell’UE, i materiali di MSIM ed Eaton Vance vengono pubblicati da MSIM Fund Management (Ireland) Limited (“FMIL”). La FMIL è regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda ed è una private company limited by shares di diritto irlandese, registrata con il numero 616661 e con sede legale in 24-26 City Quay, Dublin 2, DO2 NY19, Irlanda.

Nelle giurisdizioni esterne all’UE, i materiali di MSIM vengono pubblicati da Morgan Stanley Investment Management Limited (MSIM Ltd), autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA.

In Svizzera, i materiali di MSIM vengono pubblicati da Morgan Stanley & Co. International plc, London, Zurich Branch (Sede Secondaria di Zurigo), autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (“FINMA”). Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurigo, Svizzera.

Nelle giurisdizioni esterne agli Stati Uniti e all’UE, i materiali di Eaton Vance vengono pubblicati da Eaton Vance Management (International) Limited (“EVMI”), 125 Old Broad Street, London, EC2N 1AR, Regno Unito, società autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority.

Italia: MSIM FMIL (Milan Branch), (Sede Secondaria di Milano) Palazzo Serbelloni Corso Venezia, 16 20121 Milano, Italy. Paesi Bassi: MSIM FMIL (Amsterdam Branch), Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Netherlands. Francia: MSIM FMIL (Paris Branch), 61 rue de Monceau 75008 Parigi, Francia. Spagna: MSIM FMIL (Madrid Branch), Calle Serrano 55, 28006, Madrid, Spagna. Germany: MSIM FMIL (Francoforte Branch), Niederlassung Deutschland, Grosse Gallusstrasse 18, 60312 Frankfurt am Main, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG).

MEDIO ORIENTE –

Dubai – MSIM Ltd (Ufficio di rappresentanza, Unit Precinct 3-7th Floor-Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti. Telefono: +97 (0)14 709 7158).

Questo documento è distribuito presso il Dubai International Financial Centre da Morgan Stanley Investment Management Limited (Ufficio di Rappresentanza), un’entità regolamentata dalla Dubai Financial Services Authority (DFSA), ed è destinato all’uso dei soli clienti professionali e controparti di mercato. Il presente documento non è destinato alla distribuzione ai clienti retail e tali clienti non possono agire sulla base delle informazioni in esso contenute.

Questo documento riguarda un prodotto finanziario che non è soggetto ad alcuna forma di regolamentazione o approvazione da parte della DFSA. La DFSA non è responsabile di esaminare o verificare alcun documento in relazione al presente prodotto finanziario. Pertanto, la DFSA non ha approvato questo documento né altra documentazione associata, non ha adottato alcuna misura per verificare le informazioni ivi contenute e declina ogni responsabilità in merito. Il prodotto finanziario a cui si fa riferimento nel presente documento può essere illiquido e/o soggetto a restrizioni relativamente alla sua cessione o trasferimento. Si raccomanda ai potenziali acquirenti di effettuare delle verifiche di due diligence indipendenti sul prodotto finanziario. In caso di dubbi circa il contenuto del presente documento si consiglia di rivolgersi a un consulente finanziario autorizzato.

STATI UNITI – NON GARANTITO DALLA FDIC | PRIVO DI GARANZIA BANCARIA | RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE | NON GARANTITO DA ALCUN ENTE FEDERALE | NON È UN DEPOSITO

America Latina (Brasile, Cile, Colombia, Messico, Perù e Uruguay)

Il presente materiale è destinato unicamente agli Investitori istituzionali o qualificati. Tutte le informazioni del presente documento sono riservate e a uso esclusivo del destinatario e non possono essere trasmesse a terzi. Questo materiale viene fornito a solo scopo informativo e non è da intendersi come un’offerta, una sollecitazione o una raccomandazione pubblica per l’acquisto o la vendita di prodotti, servizi, titoli o strategie. La decisione di investire deve essere presa solo dopo aver letto la relativa documentazione e aver condotto una due diligence approfondita e indipendente.

ASIA-PACIFICO

Hong Kong – Il presente materiale è distribuito da Morgan Stanley Asia Limited per essere utilizzato a Hong Kong e reso disponibile esclusivamente agli “investitori professionali”, ai sensi delle definizioni contenute nella Securities and Futures Ordinance di Hong Kong (Cap 571). Il suo contenuto non è stato verificato o approvato da alcuna autorità di vigilanza, ivi compresa la Securities and Futures Commission di Hong Kong. Di conseguenza, fatte salve le esenzioni eventualmente previste dalle leggi applicabili, questo materiale non può essere pubblicato, diffuso, distribuito, indirizzato o reso disponibile al pubblico a Hong Kong. Singapore – Il presente materiale è distribuito da Morgan Stanley Investment Management Company e non deve essere considerato come un invito a sottoscrivere o ad acquistare, direttamente o indirettamente, destinato al pubblico o a qualsiasi soggetto di Singapore che non sia (i) un “institutional investor” ai sensi della Section 304 del Securities and Futures Act, Chapter 289 di Singapore (“SFA”), (ii) una “relevant person” (che comprende un investitore accreditato) ai sensi della Section 305 dell’SFA, dove anche in questi casi la distribuzione viene effettuata nel rispetto delle condizioni specificate dalla Section 305 dell’SFA, o (iii) altri soggetti, in conformità e nel rispetto delle condizioni di qualsiasi altra disposizione applicabile emanata dalla SFA. La presente pubblicazione non è stata esaminata dalla Monetary Authority of Singapore. Australia – Il presente materiale è fornito da Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Ltd ABN 22122040037, AFSL No. 314182 e relative consociate e non rappresenta un’offerta di partecipazioni. Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Limited provvede affinché le consociate di MSIM forniscano servizi finanziari ai “clienti wholesale” australiani. Le partecipazioni verranno offerte unicamente in circostanze per le quali non sia prevista l’esistenza di informative ai sensi del Corporations Act 2001 (Cth) (il “Corporations Act”). Qualsiasi offerta di partecipazioni non potrà intendersi tale in circostanze per le quali sia prevista l’esistenza di informative ai sensi del Corporations Act e verrà proposta unicamente a soggetti che si qualifichino come “clienti wholesale” secondo le definizioni indicate nel Corporations Act. Il presente materiale non verrà depositato presso la Australian Securities and Investments Commission.

Il presente materiale è destinato ai soli investitori professionali e viene diffuso o distribuito unicamente a scopi informativi. Per i destinatari che non siano investitori professionali, il presente materiale viene fornito in relazione alle attività di Morgan Stanley Investment Management (Japan) Co., Ltd. (“MSIMJ”) concernenti i mandati di gestione discrezionale degli investimenti (“IMA”) e i mandati di consulenza di investimento (“IAA”) e non costituisce una raccomandazione o sollecitazione di transazioni od offerte relative a uno strumento finanziario specifico. In base ai mandati discrezionali di gestione degli investimenti, il cliente stabilisce le politiche di gestione di base in anticipo e incarica MSIMJ di prendere tutte le decisioni di investimento sulla base di un’analisi del valore e di altri fattori inerenti ai titoli e MSIMJ accetta tale incarico. Il cliente delega a MSIMJ i poteri necessari per effettuare gli investimenti. MSIMJ esercita tali poteri delegati sulla base delle decisioni d’investimento prese da MSIMJ e il cliente non impartisce istruzioni individuali. Tutti gli utili e le perdite degli investimenti spettano ai clienti; il capitale iniziale non è garantito. Si raccomanda di valutare gli obiettivi d’investimento e le tipologie di rischio prima di effettuare un investimento. La commissione applicabile ai mandati di gestione discrezionali o di consulenza d’investimento si basa sul valore degli attivi in questione moltiplicato per una determinata aliquota (il limite massimo è il 2,20% annuo inclusivo d’imposta), calcolata proporzionalmente alla durata del periodo contrattuale. Alcune strategie sono soggette a una commissione condizionata (contingency fee) in aggiunta a quella sopra menzionata. Potrebbero essere applicati altri oneri indiretti, come ad esempio le commissioni di intermediazione per l’acquisto di titoli inglobati in altri strumenti. Poiché questi oneri e spese variano a seconda delle condizioni contrattuali e di altri fattori, MSIMJ non è in grado di illustrare in anticipo aliquote, limiti massimi, ecc. Si raccomanda a tutti i clienti di leggere attentamente la documentazione fornita in vista della stipula del contratto prima di sottoscriverne uno. Il presente materiale è distribuito in Giappone da MSIMJ, n. registrazione 410 (Director of Kanto Local Finance Bureau (Financial Instruments Firms)), membro di: Japan Securities Dealers Association, The Investment Trusts Association, Japan, Japan Investment Advisers Association e Type II Financial Instruments Firms Association.

 

La presente comunicazione ha carattere promozionale.

Prima di procedere è necessario leggere attentamente tutti i Termini e le Condizioni che illustrano i vincoli legali e normativi che regolano la divulgazione delle informazioni relative ai prodotti di investimento Morgan Stanley Investment Management.

È possibile che i servizi illustrati in questo sito Web non siano disponibili in tutte le giurisdizioni o a qualsiasi persona. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle condizioni d'uso.


Privacy e cookie    •    Istruzioni per l'uso

©  Morgan Stanley. Diritti riservati.