Insight Article Desktop Banner
 
 
Global Equity Observer
  •  
agosto 13, 2021

Ritorno alle basi

Insight Video Mobile Banner
 
agosto 13, 2021

Ritorno alle basi


Global Equity Observer

Ritorno alle basi

Share Icon

agosto 13, 2021

 
 

Una investimento di $10.000 che cresce a un tasso annualizzato dell’8% annuo vale $14.693 dopo cinque anni, $21.589 dopo 10 anni e più del quadruplo dopo 20 anni ($46.610): un marcato apprezzamento in termini reali del capitale1. Questo effetto moltiplicatore (“compounding”) è fondamentale per investire con successo nel lungo termine, purché si abbia la pazienza necessaria.

 
 

Il tasso di compounding conta, ma il segreto è avere la capacità di preservarlo nel tempo. È per questo che cerchiamo di detenere società con rendimenti sul capitale operativo elevati e sostenibili, poiché l’esperienza ci insegna che queste aziende presentano le migliori doti di compounding.

I fattori che contano davvero

Esistono alcune caratteristiche chiave per conseguire questi rendimenti elevati e sostenibili: potere di fissazione dei prezzi, attività intangibili difficili da replicare con elevate barriere all’ingresso e posizionamento leader in settori e categorie con solide opportunità di crescita nel lungo termine. Inoltre, è fondamentale disporre di un team dirigente in grado di allocare il capitale in modo efficiente, di sostenere tale crescita e di muoversi in un contesto caratterizzato da cambiamenti continui e dirompenti. Non si può creare un effetto compounding se non si cresce.

Il potere di fissazione dei prezzi conta per due ragioni. In primo luogo, può tutelare l’azienda sia in uno scenario inflazionistico che in uno scenario deflazionistico. I produttori che registrano un aumento dei costi delle materie prime possono trasferire l’inflazione dei costi dei fattori produttivi al consumatore finale e mantenerli su livelli più alti anche qualora questi rincari delle materie prime dovessero diminuire. In secondo luogo, significa avere un controllo potenzialmente maggiore sul margine di profitto lordo, perché esiste la possibilità di mantenerlo stabile. Un margine lordo elevato (i nostri portafogli globali presentano una media del 50% rispetto al 26% del mercato più ampio) è un indice del potere di fissazione dei prezzi. Per definizione, se una società non è in grado di compensare le condizioni inflazionistiche o deflazionistiche, non potrà mantenere un margine lordo elevato.

Elevati margini lordi contribuiscono a supportare la crescita sostenibile. Prendiamo ad esempio una famosa società di prodotti di bellezza francese. Il suo margine lordo è pari al 70% e il margine operativo è del 20%. Ciò significa che i costi operativi costituiscono il 50% del fatturato (70% meno 20%). Questi costi operativi sono la sala motori dell’innovazione, delle vendite, del marketing e delle attività di ricerca e sviluppo. L’azienda può spendere il 30% dei suoi ricavi unicamente sul marketing, come in effetti fa, costruendo e consolidando marchi leader in tutto il mondo. La società media non può competere, visto che ha un margine lordo del 26%. Se l’impresa media spendesse il 30% dei ricavi in attività di marketing, realizzerebbe immediatamente una perdita. Pertanto, i margini lordi elevati servono a due cose: contribuiscono a sostenere elevate barriere all’ingresso e supportano la stabilità degli utili.

Le attività intangibili difficili da replicare sono un enorme vantaggio perché presentano elevate barriere all’ingresso e sono sostenibili. I marchi di consumo più amati, dalle calzature sportive agli shampoo, di solito hanno all’attivo anni e anni di investimenti, spesi a forgiarli e posizionarli, adeguarli al cambiamento dei gusti, mantenerli attuali e desiderabili e garantirne la disponibilità sia nei negozi fisici che online. Le aziende di software leader a livello globale hanno costruito piattaforme così solide, intessute in tutto ciò che facciamo sia nella nostra vita lavorativa che in quella privata, da rendere improponibile l’idea di passare a un’alternativa per via dei costi di conversione. Perché correre dei rischi? Perché sobbarcarsi il costo? E poi quale sarebbe l’alternativa? Fintanto che l’azienda offre soluzioni che funzionano innovandole per mantenerle attuali, a nessuno viene in mente di cambiare fornitore. Certo, arriveranno nuovi operatori che scardineranno gli equilibri, specie nel settore tecnologico, ma di solito il cambiamento dirompente "solleva le barche" dei marchi più forti. I nuovi operatori di pagamenti digitali utilizzano i binari costruiti dalle società storiche di carte di credito e di debito. In altre parole, i nuovi entranti beneficiano delle infrastrutture preesistenti. Gli sviluppatori di giochi, app e social media creano prodotti compatibili con i sistemi operativi e desktop storici: ne hanno bisogno. 

Noi investiamo in società in grado di crescere in modo sostenibile nel lungo termine, laddove questa crescita si basa su fondamentali solidi e i prezzi sono giustificati. Non ci interessa il rischio insito in aspettative di crescita troppo elevate, a prescindere dal prezzo, non investiamo in aziende promettenti in procinto di essere scoperte ma ancora lungi dall’essere redditizie, e neppure inseguiamo le promesse di cambiamenti rivoluzionari. Vogliamo assicurarci che i settori e le categorie in cui operano le nostre aziende o che le nostre aziende stanno sviluppando abbiano una traiettoria di crescita di lungo termine concreta. Ad esempio, le interessanti opportunità offerte dai pagamenti digitali, dalle reti aziendali, dai prodotti di bellezza e per la cura personale, dalle tecnologie mediche, dalle applicazioni software finanziarie e commerciali, dalla salute e dall’igiene, nonché dalle soluzioni per l’ambiente, sono tutte presenti nel nostro portafoglio e sono tutte garantite da marchi affermati e leader a livello mondiale.

Le cose che non è possibile ignorare

A ulteriore salvaguardia del potenziale di compounding, in tutto il nostro processo d’investimento teniamo conto dei rischi e delle opportunità materiali che le questioni ESG possono creare per la sostenibilità dei rendimenti. Ignorare, ad esempio, l’impatto del cambiamento climatico e la necessità di decarbonizzare potrebbe al tempo stesso compromettere il vantaggio competitivo di una società e la sua reputazione. Non riuscire a sviluppare un patrimonio del marchio che raggiunga i consumatori interessati ad esempio alla provenienza naturale, alle confezioni riciclabili, ad una minore impronta di carbonio o alle etichette informative significa non proteggere il marchio. Non investire in sistemi in grado di contrastare il rischio di attacchi informatici può danneggiare irreparabilmente le attività operative e gli utili. Non valorizzare una cultura aziendale basata sul talento trascurando la diversità e l’inclusione lascia presagire ulteriori rischi per l’azienda e i suoi marchi. Portiamo queste tematiche al tavolo della discussione mediante le nostre attività di coinvolgimento con la dirigenza, piuttosto che formulare giudizi utilizzando solo punteggi o dati di parti terze.

Quali sono i possibili passi falsi? I rendimenti non rimarranno elevati e sostenibili se i team di gestione incaricati dell’allocazione del capitale degli azionisti non prenderanno decisioni avvedute. Le divisioni altamente redditizie che richiedono capitali limitati – perché dipendenti dalle attività immateriali – generano livelli elevati di free cash flow e dispongono di bilanci robusti da mettere a frutto. Questa capacità finanziaria potrebbe rappresentare un rischio se finisse nelle mani sbagliate. In poche parole, potrebbe accadere che vengano velocemente spesi molti soldi al prezzo sbagliato in investimenti sbagliati e per i motivi sbagliati. Il management potrebbe cercare di mascherare il rallentamento della crescita organica o di accelerare la crescita degli utili di breve termine (se incentivato a farlo). Oppure, potrebbe aver acquisito l’attività giusta ma a un costo molto elevato.

Come possiamo controllare tutto questo? Mediante l’analisi fondamentale e le attività di engagement. Cerchiamo di capire se la struttura degli incentivi azzoppi o meno la lungimiranza dei dirigenti. Quando possiamo, incontriamo il management per capire qual è la loro strategia di allocazione del capitale (dove, come e perché) e come lo hanno allocato in passato, per poi arrivare alla nostra conclusione circa la presenza di un rischio ovvero di un’opportunità. Essere azionisti di lungo termine con un indice di rotazione del portafoglio estremamente ridotto agevola questo costante dialogo.

Nel mondo finanziario, dove si chiacchiera ogni giorno di grafici “dot plot”, di “parlare di voler discutere” il ridimensionamento dei programmi di acquisto di titoli, di occupazione non agricola, di criptocaos, di rubinetto degli stimoli, di ioni di idrogeno o di litio, d’inflazione transitoria o permanente e di turismo spaziale e in cui le brutte notizie sono buone notizie e viceversa, è facile perdere di vista il vero motore dei rendimenti a lungo termine: la capacità di compounding. È in questo che vogliamo investire, ed è per questo che continuiamo instancabilmente ad assicurarci di detenere un portafoglio di aziende rare in grado di moltiplicare gli utili con un rendimento elevato e sostenibile sul capitale operativo.

 
 

1 L’esempio è riportato esclusivamente a scopo illustrativo e non rappresenta i rendimenti di mercato effettivi. I dati sono stati selezionati per veicolare il concetto di compounding. I risultati sono ipotetici.

 
 

Considerazioni sui rischi

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento del portafoglio sarà raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero la possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal portafoglio diminuisca. I valori di mercato possono cambiare quotidianamente a causa di eventi economici e di altro tipo (ad es. catastrofi naturali, crisi sanitarie, terrorismo, conflitti e disordini sociali) che influenzano i mercati, i Paesi, le aziende o i governi. È difficile prevedere le tempistiche, la durata e i potenziali effetti negativi (ad esempio la liquidità del portafoglio) degli eventi. Di conseguenza, l’investimento in questa strategia può comportare una perdita per l’investitore. Inoltre, la strategia può essere esposta ad alcuni rischi aggiuntivi. I mutamenti che investono l’economia mondiale, la spesa al consumo, la concorrenza, i fattori demografici, le preferenze dei consumatori, le norme varate dai governi e le condizioni economiche possono influire negativamente sulle società che operano su scala globale e produrre sulla strategia un impatto negativo maggiore rispetto a quello che si sarebbe avuto se il patrimonio fosse stato investito in un più ampio ventaglio di società. Le valutazioni dei titoli azionari tendono in genere a oscillare anche in risposta a eventi specifici in seno a una determinata società. Gli investimenti nei mercati esteri comportano rischi specifici, quali rischi di cambio, politici, economici e di mercato. I titoli delle società a bassa e media capitalizzazione comportano rischi particolari, come l’esiguità delle linee di prodotto, rischi relativamente alle risorse finanziarie e di mercato e possono registrare una maggiore volatilità rispetto a quelli di società più consolidate di dimensioni maggiori. I rischi associati agli investimenti nei mercati emergenti sono maggiori di quelli associati agli investimenti nei mercati sviluppati esteri. Gli strumenti derivati possono amplificare le perdite in maniera sproporzionata e incidere significativamente sulla performance. Inoltre possono essere soggetti a rischi di controparte, di liquidità, di valutazione, di correlazione e di mercato. I titoli illiquidi possono essere più difficili da vendere e valutare rispetto a quelli quotati in borsa (rischio di liquidità). I portafogli non diversificati spesso investono in un numero più ristretto di emittenti. Pertanto, le variazioni della situazione finanziaria o del valore di mercato di un singolo emittente possono causare una maggiore volatilità. Le strategie ESG che incorporano investimenti a impatto e/o fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) potrebbero generare una performance relativa che si discosta da quella di altre strategie o benchmark generali a seconda del gradimento del mercato verso tali settori o investimenti. Di conseguenza, non vi è alcuna garanzia che le strategie ESG possano realizzare una migliore performance degli investimenti.

 
william.lock
Head of International Equity Team
International Equity Team
 
alistair.corden.lloyd
Executive Director
 
 
Featured Funds
 
 
 
 
 

DISTRIBUZIONE

Questa comunicazione è destinata e sarà distribuita solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni dove la sua distribuzione o circolazione non siano vietate dalle leggi e normative vigenti.

Irlanda: MSIM Fund Management (Ireland) Limited. Sede legale: The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. Società registrata in Irlanda come private company limited by shares con il numero 616661. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Regno Unito: Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA, autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Dubai: Morgan Stanley Investment Management Limited (Representative Office, Unit Precinct 3-7th Floor-Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti.. Telefono: +97 (0)14 709 7158). Germania: MSIM Fund Management (Ireland) Limited Niederlassung Deutschland, Grosse Gallusstrasse 18, 60312 Francoforte sul Meno, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG). Italia – MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) è una filiale di MSIM Fund Management (Irlanda) Limited, una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Central Bank of Ireland con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson's Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Irlanda) Limited Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) con sede in Palazzo Serbelloni, Corso Venezia 16, 20121 Milano, Italia, registrata in Italia con numero di società e P. IVA 11488280964. Paesi Bassi: MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Paesi Bassi. Telefono: +31 2-0462-1300. Morgan Stanley Investment Management è una filiale di MSIM Fund Management (Ireland) Limited. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Francia: MSIM Fund Management (Irlanda) Limited, Paris Branch (Sede Secondaria di Parigi) è una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Central Bank of Ireland e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson's Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Irlanda) Limited, Paris Branch (Sede Secondaria di Parigi) con sede legale in 61 rue Monceau 75008 Parigi, Francia, è registrata in Francia con numero di società 890 071 863 RCS. Spagna –MSIM Fund Management (Irlanda) Limited, Sucursal en España (Sede Secondaria per la Spagna) è una società registrata in Irlanda, regolamentata dalla Central Bank of Ireland e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson's Quay, Dublin 2, D02 VC42, Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited, Sucursal en España con sede in Calle Serrano 55, 28006, Madrid, Spagna, è registrata in Spagna con codice di identificazione fiscale W0058820B.  Svizzera: Stanley & Co. International plc, London, Zurich Branch, autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA). Iscritta al Registro di commercio di Zurigo CHE-115.415.770. Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurich, Svizzera, Telefono +41 (0) 44 588 1000. Facsimile Fax: +41(0) 44 588 1074.

Stati Uniti

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento. È richiesto un livello patrimoniale minimo. Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sul gestore degli investimenti.

Prima di investire si consiglia di valutare attentamente gli obiettivi d'investimento, i rischi, le commissioni e le spese dei comparti. I prospetti contengono queste e altre informazioni sui comparti.               Una copia del prospetto può essere scaricata dal sito morganstanley.com/im o richiesta telefonando al numero +1-800-548-7786. Si prega di leggere attentamente il prospetto prima di investire.

Morgan Stanley Distribution, Inc. è il distributore dei comparti Morgan Stanley.

NON GARANTITO DALLA FDIC | PRIVO DI GARANZIA BANCARIA | RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE | NON GARANTITO DA ALCUN ENTE FEDERALE | NON È UN DEPOSITO

Hong Kong – Il presente documento è stato pubblicato da Morgan Stanley Asia Limited per essere utilizzato a Hong Kong e reso disponibile esclusivamente ai “professional investor” (investitori professionali) ai sensi delle definizioni contenute nella Securities and Futures Ordinance di Hong Kong (Cap 571). Il suo contenuto non è stato verificato o approvato da alcuna autorità di vigilanza, ivi compresa la Securities and Futures Commission di Hong Kong. Di conseguenza, fatte salve le esenzioni eventualmente previste dalle leggi applicabili, questo documento non può essere pubblicato, diffuso, distribuito, indirizzato o reso disponibile al pubblico a Hong Kong. Singapore – Il presente documento non deve essere considerato come un invito a sottoscrivere o ad acquistare, direttamente o indirettamente, destinato al pubblico o a qualsiasi soggetto di Singapore che non sia (i) un “institutional investor” ai sensi della Section 304 del Securities and Futures Act, Chapter 289 di Singapore (“SFA”), (ii) una “relevant person” (che comprende un investitore accreditato) ai sensi della Section 305 dell’SFA, fermo restando che anche in questi casi la distribuzione viene effettuata nel rispetto delle condizioni specificate dalla Section 305 dell’SFA o (iii) altri soggetti, in conformità e nel rispetto delle condizioni di qualsiasi altra disposizione applicabile emanata dalla SFA. La presente pubblicazione non è stata esaminata dalla Monetary Authority of Singapore. Australia – La presente pubblicazione è diffusa in Australia da Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Limited ACN: 122040037, AFSL n. 314182, che si assume la responsabilità del relativo contenuto. Questa pubblicazione e l’accesso alla stessa sono destinati unicamente ai “wholesale client” conformemente alla definizione dell’Australian Corporations Act.

Giappone: Il presente documento è destinato ai soli investitori professionali e viene diffuso o distribuito unicamente a scopi informativi. Per i destinatari che non siano investitori professionali, il presente documento viene fornito in relazione alle attività di Morgan Stanley Investment Management (Japan) Co., Ltd. (“MSIMJ”) concernenti i mandati di gestione discrezionale degli investimenti (“IMA”) e i mandati di consulenza di investimento (“IAA”) e non costituisce una raccomandazione o sollecitazione di transazioni od offerte relative a uno strumento finanziario specifico. In base ai mandati discrezionali di gestione degli investimenti, il cliente stabilisce le politiche di gestione di base in anticipo e incarica MSIMJ di prendere tutte le decisioni di investimento sulla base di un’analisi del valore e di altri fattori inerenti ai titoli e MSIMJ accetta tale incarico. Il cliente delega a MSIMJ i poteri necessari per effettuare gli investimenti. MSIMJ esercita tali poteri delegati sulla base delle decisioni d’investimento prese da MSIMJ e il cliente non impartisce istruzioni individuali. Tutti gli utili e le perdite degli investimenti spettano ai clienti; il capitale iniziale non è garantito. Si raccomanda di valutare gli obiettivi d’investimento e le tipologie di rischio prima di effettuare un investimento. La commissione applicabile ai mandati di gestione discrezionali o di consulenza d’investimento si basa sul valore degli attivi in questione moltiplicato per una determinata aliquota (il limite massimo è il 2,20% annuo inclusivo d’imposta), calcolata proporzionalmente alla durata del periodo contrattuale. Alcune strategie sono soggette a una commissione condizionata (contingency fee) in aggiunta a quella sopra menzionata. Potrebbero essere applicati altri oneri indiretti, come ad esempio le commissioni di intermediazione per l’acquisto di titoli inglobati in altri strumenti. Poiché questi oneri e spese variano a seconda delle condizioni contrattuali e di altri fattori, MSIMJ non è in grado di illustrare in anticipo aliquote, limiti massimi, ecc. Si raccomanda a tutti i clienti di leggere attentamente la documentazione fornita in vista della stipula del contratto prima di sottoscriverne uno. Il presente documento è distribuito in Giappone da MSIMJ, n. registrazione 410 (Director of Kanto Local Finance Bureau (Financial Instruments Firms)), membro di: Japan Securities Dealers Association, The Investment Trusts Association, Giappone, Japan Investment Advisers Association e Type II Financial Instruments Firms Association.

NOTA INFORMATIVA

EMEA: La presente comunicazione di marketing è stata pubblicata da MSIM Fund Management (Ireland) Limited. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è autorizzata e regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. MSIM Fund Management (Ireland) Limited è una private company limited by shares di diritto irlandese, registrata con il numero 616661 e con sede legale in The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson’s Quay, Dublin 2, D02 VC42,  Irlanda.

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore deve valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati. Prima di investire, si raccomanda agli investitori di esaminare attentamente i documenti d’offerta relativi alla strategia/al prodotto. Vi sono importanti differenze nel modo in cui la strategia viene realizzata nei singoli veicoli d’investimento.

I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale, redatta esclusivamente a scopi informativi ed educativi, che non costituisce un’offerta o raccomandazione per l’acquisto o la vendita di valori mobiliari o l’adozione di una specifica strategia d’investimento. Le informazioni ivi contenute non tengono conto delle circostanze personali del singolo investitore e non rappresentano una consulenza d’investimento, né vanno in alcun modo interpretate quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

Ove non diversamente indicato nel presente documento, le opinioni e i giudizi espressi sono quelli del team di gestione del portafoglio, sono basati sui dati disponibili alla data di redazione e non in date future e non saranno aggiornati né altrimenti rivisti per riflettere informazioni resesi disponibili in un momento successivo o circostanze o modifiche sopraggiunte successivamente alla data di pubblicazione.

Le previsioni e/o stime fornite sono soggette a variazioni e potrebbero non realizzarsi. Le informazioni concernenti i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sulla ricerca, sull’analisi e sulle opinioni degli autori. Tali conclusioni sono di natura speculativa, potrebbero non realizzarsi e non intendono prevedere la performance futura di alcun prodotto specifico di Morgan Stanley Investment Management.

MSIM non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente documento, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti.

Inoltre, gli intermediari finanziari sono tenuti ad assicurarsi che le informazioni contenute nel presente documento siano adatte ai soggetti a cui trasmettono il presente documento alla luce delle circostanze e degli obiettivi di costoro. MSIM non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente documento da parte degli intermediari finanziari.

Il presente documento non può essere riprodotto, copiato, modificato, utilizzato per creare un’opera derivata, eseguito, esposto, diffuso, pubblicato, concesso in licenza, incorniciato, distribuito, o trasmesso, in tutto o in parte, sia direttamente che indirettamente, e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi, senza l’esplicito consenso scritto di MSIM. Nessun link può essere collegato a questo documento, se non per uso personale e non commerciale. Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore e altre leggi applicabili.

Tutte le informazioni di cui al presente documento sono proprietà intellettuale tutelata dalla legge sul diritto d’autore.

 

Prima di procedere è necessario leggere attentamente tutti i Termini e le Condizioni che illustrano i vincoli legali e normativi che regolano la divulgazione delle informazioni relative ai prodotti di investimento Morgan Stanley Investment Management.

È possibile che i servizi illustrati in questo sito Web non siano disponibili in tutte le giurisdizioni o a qualsiasi persona. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle condizioni d'uso.


Privacy e cookie    •    Istruzioni per l'uso

©  Morgan Stanley. Diritti riservati.