Insight Article Desktop Banner
 
 
Market Pulse
  •  
julio 13, 2020
La economía global lentamente deja atrás la oscuridad
 
Insight Video Mobile Banner
 

Market Pulse
  •  
julio 13, 2020

La economía global lentamente deja atrás la oscuridad



Market Pulse

La economía global lentamente deja atrás la oscuridad

Share Icon

julio 13, 2020

 
 

Hola, soy Jim Caron, gestor de carteras de renta fija. Me gustaría hablarles sobre el tercer trimestre y cómo hemos evolucionado hasta ahora.

Como decíamos en nuestros podcasts anteriores, se supone que el tercer trimestre será mucho mejor que el segundo. Claramente, el segundo trimestre marcó el punto más bajo. Sin embargo, la cuestión es la siguiente: ante el aumento de los casos de coronavirus, ¿en qué medida comenzarán a rebajarse las expectativas de consenso sobre una mejora de los datos económicos?

Ya se está hablando de esta cuestión y creo que ya se está reflejando en el precio de numerosos activos. Por tanto, me gustaría pensar a escala un poco más global y fijarme en algunos datos del ámbito manufacturero. Si tomamos los datos de los índices de directores de compras del G20 y calculamos la media, llegamos a una cifra del entorno de 50. En estos momentos, 50 es una cifra destacada: por debajo de 50, tendemos a pensar que estamos ante una contracción; por encima de 50, vemos expansión. Desde una perspectiva global, estamos en ese punto de 50;

por tanto, buenas y malas noticias. Como dije, la mala noticia es que 50 no es una cifra extremadamente elevada, pero el sentido de la marcha es de gran importancia. Habitualmente, tras una ralentización marcada, cuando se empieza a alcanzar ese nivel de 50, cuando se sube hacia él, a diferencia de cuando se cae hacia él, empieza a mostrarse que habrá cierto crecimiento secuencial sólido.

Por tanto, sostendría que se trata de algo en cierta medida alentador y sabemos de dónde viene buena parte de ese aliento. Todavía hemos de mirar a las autoridades monetarias y fiscales y qué paquetes de estímulo aplicarán. Me referiré brevemente a Estados Unidos y Europa. Sin embargo, la combinación actual de política monetaria y fiscal asciende al 45% del PIB. Es una cifra muy pero que muy elevada. En la zona euro, estamos ante una situación similar: Estados Unidos y la citada región evolucionan más o menos a la par en cuanto a estímulos monetarios y fiscales. Se atribuye gran importancia a este problema.

La diferencia es que Europa parece tener la pandemia algo más bajo control. Puede que sus confinamientos fueran más estrictos y su recesión sea mayor, pero no se enfrenta en este momento a rebrotes en la misma medida que Estados Unidos. Esto significa que es posible que haya un diferencial de crecimiento entre Europa y Estados Unidos en los tres próximos meses aproximadamente.

Podríamos decir que se trata de una situación muy favorable para el euro. Seguimos pensando que la moneda única seguirá fortaleciéndose y que el dólar estadounidense se debilitará ligeramente. Creemos que, a doce meses, el euro tenderá a reforzarse en general. Algunas de las políticas que el BCE ha implementado sobre mutualización de la deuda o reparto de las cargas fiscales en toda la zona euro son mucho más positivas para la moneda en Europa.

Se trata de factores positivos, todos ellos, desde una perspectiva global. Claramente, Estados Unidos debe superar esta segunda minioleada del virus, pero todo eso es muy positivo.

El otro ámbito en que Estados Unidos está avanzando muy bien es en acceso y disponibilidad de financiación. Se trata de un aspecto que todavía es muy prevalente en los mercados, lo que significa que los prestatarios pueden acceder a crédito a precios muy bajos. Los tipos son bajos y los diferenciales, estrechos. De hecho, el tipo de interés que pagaría hoy por financiarse es más o menos el mismo, si no menor, que antes de la pandemia, a comienzos de este año.

Hay crédito disponible y accesible para quienes lo necesitan: compañías e incluso consumidores. Otro aspecto positivo relativo a la recuperación es que estamos comenzando a ver un repunte en el ciclo de las inversiones en inmovilizado. Ante el alza de los índices del ISM y los indicadores de directores de compras, empezamos a ver gastos de capital, es decir, inversiones, que se traducen en productividad y eso, evidentemente, es gasto que en última instancia llega al PIB.

Esa es la cadena en que nos estamos fijando. Vemos cómo se están produciendo numerosas inversiones en inmovilizado y ya percibimos algunos de sus frutos. Por ejemplo, los mercados de vivienda están evolucionando razonablemente bien en esta situación. Los precios de la madera están subiendo. Las manufacturas a escala global están mejorando. De hecho, se espera que el sector del automóvil en Estados Unidos, tras registrar un descenso de en torno al 60% de la producción en el segundo trimestre, se anote un incremento del 175% en la fabricación en el tercero.

En vista de que comienza a subir la fabricación, los precios del cobre también avanzan al alza. Basta fijarse en un gráfico que muestre la evolución de sus precios. El cobre es uno de esos metales que se emplean en la producción de diversidad de artículos y es indicador global de la confianza en la demanda. Es cierto que mediaron factores técnicos ante el cierre de algunas minas de Chile y cuestiones similares, pero, aun así, este encarecimiento del cobre se remonta a antes de ellas.

Todo esto es en cierto modo positivo al concebir este ciclo, en particular, en el tercer trimestre. En vista de todas estas novedades, no todas las noticias son malas. Y ahí está el quid de la cuestión: estamos comenzando a ver la recuperación prevista que esperábamos en el tercer trimestre.

Ahora bien, puede que sea turbulenta. Europa puede que protagonice una recuperación mayor de lo que pensábamos. La dinámica global puede ser ligeramente más positiva. Estados Unidos puede enfrentarse a algunas decepciones y turbulencias en los datos ante el repunte del virus. A lo que estamos asistiendo es una recuperación muy desigual, pero una recuperación, al fin y al cabo.

Esto me lleva a empezar a pensar en los mercados emergentes. Siempre que hay tipos de interés bajos, el dólar estadounidense se debilita y los precios de las materias primas suben, se da una situación muy favorable para los mercados emergentes. Y los mercados emergentes son una de las clases de activos con más déficit de inversión en el entorno actual.

Es algo que me gustaría seguir en el tercer trimestre, un extremo en que fijarme de cara al futuro e incluso al cuarto trimestre, pues es probable que las condiciones sean propicias para los mercados emergentes como clase de activos.

Permítanme dejarlo por aqui, espero que todos estén disfrutando del verano y que se estén cuidando. Muchas gracias.

 
jim.caron
Managing Director
Global Fixed Income Team
 
 
 
 

Considerazioni sui rischi

Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo d’investimento del Portafoglio sarà raggiunto. I portafogli sono esposti al rischio di mercato, ovvero alla possibilità che il valore di mercato dei titoli detenuti dal Portafoglio diminuisca e sia conseguentemente inferiore all’importo pagato dall’investitore per acquistarli. Di conseguenza l’investimento in questo Portafoglio può comportare una perdita per l’investitore. Si fa altresì presente che questo Portafoglio potrebbe essere esposto ad alcuni rischi aggiuntivi. I titoli obbligazionari sono soggetti alla capacità dell’emittente di rimborsare puntualmente capitale e interessi (rischio di credito), alle variazioni dei tassi d’interesse (rischio di tasso d’interesse), al merito di credito dell’emittente e alle condizioni generali di liquidità del mercato (rischio di mercato). In un contesto di tassi d’interesse in rialzo, i corsi obbligazionari possono calare e dar luogo a periodi di volatilità e a maggiori richieste di rimborso. In un contesto di tassi d’interesse al ribasso, il portafoglio potrebbe generare un reddito inferiore. I titoli a più lungo termine possono essere maggiormente sensibili alle variazioni dei tassi d’interesse. I titoli garantiti da ipoteche e da collaterale sono esposti al rischio di rimborso anticipato e a un più elevato rischio d’insolvenza e possono essere difficili da valutare e vendere (rischio di liquidità). Essi sono altresì soggetti ai rischi di credito, di mercato e di tasso d’interesse. Determinati titoli di Stato americani acquistati dalla Strategia, come quelli emessi da Fannie Mae e Freddie Mac, non sono garantiti dal “full faith and credit” (piena fiducia e credito) degli Stati Uniti. È possibile che in futuro questi emittenti non dispongano dei fondi per onorare i propri obblighi di pagamento. Le obbligazioni high-yield (dette anche “junk bonds”) sono titoli con rating inferiori che possono comportare livelli più elevati di rischio di credito e di liquidità. I prestiti bancari quotati sono soggetti al rischio di liquidità e ai rischi di credito tipici dei titoli con rating inferiori. I titoli esteri sono soggetti a rischi di cambio, politici, economici e di mercato. I rischi associati agli investimenti nei Paesi Emergenti sono maggiori di quelli associati agli investimenti nei Paesi Sviluppati esteri. I titoli di debito sovrani sono soggetti al rischio di insolvenza. Gli strumenti derivati possono amplificare le perdite in maniera sproporzionata e incidere significativamente sulla performance. Inoltre possono essere soggetti a rischi di controparte, di liquidità, di valutazione, di correlazione e di mercato. I titoli vincolati e illiquidi possono essere più difficili da vendere e valutare rispetto a quelli quotati in borsa (rischio di liquidità).

INFORMAZIONI IMPORTANTI:

I rendimenti passati non sono indicativi di risultati futuri. I rendimenti di cui si parla nell’audio sono quelli degli indici di riferimento e non intendono rappresentare la performance di alcun investimento specifico.

Le opinioni, previsioni e stime espresse sono quelle dell’autore o del team d’investimento alla data di redazione del presente materiale e possono variare in qualsiasi momento in virtù di cambiamenti delle condizioni di mercato, economiche o di altra natura. Inoltre, le opinioni non saranno aggiornate né altrimenti riviste per riflettere informazioni resesi disponibili in seguito, circostanze esistenti o modifiche verificatesi dopo la data di pubblicazione. Le opinioni espresse non riflettono i giudizi di tutti i gestori di portafoglio di Morgan Stanley Investment Management (MSIM) né le opinioni dell’azienda nel suo complesso e potrebbero non trovare riscontro in tutte le strategie e in tutti i prodotti offerti dalla Società.

Le previsioni e/o stime fornite sono soggette a variazioni e potrebbero non realizzarsi. Le informazioni concernenti i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sulla ricerca, sull’analisi e sulle opinioni degli autori. Tali conclusioni sono di natura speculativa e non intendono prevedere la performance futura di alcun prodotto specifico di Morgan Stanley Investment Management.

Alcune delle informazioni ivi contenute si basano sui dati ottenuti da fonti terze considerate affidabili. Ciò nonostante, non abbiamo verificato tali informazioni e non rilasciamo dichiarazione alcuna circa la loro correttezza o completezza.

Il presente documento è da intendersi come una comunicazione generale non imparziale. Tutte le informazioni fornite hanno esclusivamente scopo informativo e non costituiscono un’offerta o una raccomandazione all’acquisto o alla vendita di valori mobiliari o all’adozione di una specifica strategia d’investimento. Le informazioni ivi contenute non tengono conto delle circostanze personali del singolo investitore e non rappresentano una consulenza d’investimento, né vanno in alcun modo interpretate quale consulenza fiscale, contabile, legale o normativa. A tal fine, nonché per conoscere le implicazioni fiscali di eventuali investimenti, si raccomanda agli investitori di rivolgersi a consulenti legali e finanziari indipendenti prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.

La presente pubblicazione non è stata redatta dal Dipartimento di ricerca di Morgan Stanley e non è da intendersi quale raccomandazione di ricerca. Le informazioni contenute in questa pubblicazione non sono state predisposte in conformità a requisiti di legge finalizzati a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non sono soggette ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione dei risultati di tali ricerche.

DISTRIBUZIONE - Il presente documento è destinato e sarà distribuito solo ai soggetti residenti nelle giurisdizioni in cui la sua distribuzione o disponibilità non siano vietate dalle leggi e dalle normative locali vigenti.

Poiché non è possibile garantire che le strategie d’investimento risultino efficaci in tutte le condizioni di mercato, ciascun investitore dovrebbe valutare la propria capacità di mantenere l’investimento nel lungo termine e in particolare durante le fasi di ribasso dei mercati. Prima di investire, si raccomanda agli investitori di esaminare attentamente i documenti d’offerta relativi alla strategia/al prodotto. Vi sono importanti differenze nel modo in cui la strategia viene realizzata nei singoli veicoli d’investimento.

Irlanda – Morgan Stanley Investment Management (Ireland) Limited. Sede legale: The Observatory, 7-11 Sir John Rogerson's Quay, Dublin 2, Irlanda. Società registrata in Irlanda con il numero 616662. Regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. Regno Unito – Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra. N. di registrazione: 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA. Dubai – Morgan Stanley Investment Management Limited (rappresentanza, Unit Precinct 3-7th Floor- Unit 701 and 702, Level 7, Gate Precinct Building 3, Dubai International Financial Centre, Dubai, 506501, Emirati Arabi Uniti. Telefono: +97 (0)14 709 7158). Germania – Morgan Stanley Investment Management Limited Niederlassung Deutschland, Grosse Gallustrasse 18, 60312 Francoforte sul Meno, Germania (Gattung: Zweigniederlassung (FDI) gem. § 53b KWG). Italia – Morgan Stanley Investment Management Limited, Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) è una filiale di Morgan Stanley Investment Management Limited, una società registrata nel Regno Unito, autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (FCA), e con sede legale in 25 Cabot Square, Canary Wharf, London, E14 4QA. Morgan Stanley Investment Management Limited Milan Branch (Sede Secondaria di Milano) con sede in Palazzo Serbelloni, Corso Venezia 16, 20121 Milano, Italia, registrata in Italia con codice fiscale e P. IVA 08829360968. Paesi Bassi – Morgan Stanley Investment Management, Rembrandt Tower, 11th Floor Amstelplein 1 1096HA, Paesi Bassi. Telefono: +31 2-0462-1300. Morgan Stanley Investment Management è una filiale di Morgan Stanley Investment Management Limited. Morgan Stanley Investment Management Limited è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority nel Regno Unito. Svizzera – Morgan Stanley & Co. International plc, London, Zurich Branch, autorizzata e regolamentata dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA). Iscritta al Registro di commercio di Zurigo CHE-115.415.770. Sede legale: Beethovenstrasse 33, 8002 Zurigo, Svizzera, telefono +41 (0) 44 588 1000. Fax: +41 (0) 44 588 1074.

Hong Kong – Il presente documento è pubblicato da Morgan Stanley Asia Limited per essere utilizzato a Hong Kong e deve essere distribuito solo a “professional investors” ai sensi delle definizioni contenute nella Securities and Futures Ordinance of Hong Kong (Cap 571). Il suo contenuto non è stato verificato o approvato da alcuna autorità di vigilanza, ivi compresa la Securities and Futures Commission di Hong Kong. Di conseguenza, fatte salve le esenzioni eventualmente previste dalle leggi applicabili, questo documento non può essere pubblicato, diffuso, distribuito, indirizzato o reso disponibile al pubblico a Hong Kong. Singapore – Il presente documento non deve essere considerato come un invito a sottoscrivere o ad acquistare, direttamente o indirettamente, destinato al pubblico o a qualsiasi soggetto di Singapore che non sia (i) un “institutional investor” ai sensi della Section 304 del Securities and Futures Act, Chapter 289 di Singapore (“SFA”), (ii) una “relevant person” (che comprende un investitore accreditato) ai sensi della Section 305 dell’SFA, dove anche in questi casi la distribuzione viene effettuata nel rispetto delle condizioni specificate dalla Section 305 dell’SFA, o (iii) altri soggetti, in conformità e nel rispetto delle condizioni di qualsiasi altra disposizione applicabile emanata dalla SFA. La presente pubblicazione non è stata esaminata dalla Monetary Authority of Singapore. Australia – La presente pubblicazione è diffusa in Australia da Morgan Stanley Investment Management (Australia) Pty Limited ACN: 122040037, AFSL n. 314182, che si assume la responsabilità del relativo contenuto. Questa pubblicazione e l’accesso alla stessa sono destinati unicamente ai “wholesale client” conformemente alla definizione dell’Australian Corporations Act.

Giappone – Il presente documento è destinato ai soli investitori professionali e viene diffuso o distribuito unicamente a scopi informativi. Per i destinatari che non siano investitori professionali, il presente documento viene fornito in relazione alle attività di Morgan Stanley Investment Management (Japan) Co., Ltd. (“MSIMJ”) concernenti i mandati di gestione discrezionale degli investimenti (“IMA”) e i mandati di consulenza di investimento (“IAA”) e non costituisce una raccomandazione o sollecitazione di transazioni od offerte relative a uno strumento finanziario specifico. In base ai mandati discrezionali di gestione degli investimenti, il cliente stabilisce le politiche di gestione di base in anticipo e incarica MSIMJ di prendere tutte le decisioni di investimento sulla base di un’analisi del valore e di altri fattori inerenti ai titoli e MSIMJ accetta tale incarico. Il cliente delega a MSIMJ i poteri necessari per effettuare gli investimenti. MSIMJ esercita tali poteri delegati sulla base delle decisioni d’investimento prese da MSIMJ e il cliente non impartisce istruzioni individuali. Tutti gli utili e le perdite degli investimenti spettano ai clienti; il capitale iniziale non è garantito. Si raccomanda di valutare gli obiettivi d’investimento e le tipologie di rischio prima di effettuare un investimento. La commissione applicabile ai mandati di gestione discrezionali o di consulenza d’investimento si basa sul valore degli attivi in questione moltiplicato per una determinata aliquota (il limite massimo è il 2,20% annuo inclusivo d’imposta), calcolata proporzionalmente alla durata del periodo contrattuale. Alcune strategie sono soggette a una commissione condizionata (contingency fee) in aggiunta a quella sopra menzionata. Potrebbero essere applicati altri oneri indiretti, come ad esempio le commissioni di intermediazione per l’acquisto di titoli inglobati in altri strumenti. Poiché questi oneri e spese variano a seconda delle condizioni contrattuali e di altri fattori, MSIMJ non è in grado di illustrare in anticipo aliquote, limiti massimi, ecc. Si raccomanda a tutti i clienti di leggere attentamente la documentazione fornita in vista della stipula del contratto prima di sottoscriverne uno. Il presente documento è distribuito in Giappone da MSIMJ, n. registrazione 410 (Director of Kanto Local Finance Bureau (Financial Instruments Firms)), aderente a: The Japan Securities Dealers Association, The Investment Trusts Association, Giappone, Japan Investment Advisers Association e Type II Financial Instruments Firms Association.

Stati Uniti – I conti a gestione separata potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori. I conti separati gestiti in base alla Strategia illustrata comprendono diversi valori mobiliari e potrebbero non replicare la performance di un indice. Si raccomanda di valutare attentamente gli obiettivi d’investimento, i rischi e i costi della Strategia prima di effettuare un investimento. È richiesto un livello patrimoniale minimo. Il modulo ADV, Parte 2, contiene informazioni importanti sul gestore degli investimenti.

Prima di investire si consiglia di valutare attentamente l’obiettivo di investimento, i rischi, le commissioni e le spese del comparto. Il prospetto contiene queste e altre informazioni sul comparto. È possibile scaricare una copia del prospetto dal sito morganstanley.com/im o richiederla telefonando al numero 1-800-548-7786. Si prega di leggere attentamente il prospetto prima di investire.

Morgan Stanley Distribution, Inc. è il distributore dei comparti Morgan Stanley.

NON GARANTITO DALLA FDIC | PRIVO DI GARANZIA BANCARIA | RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE | NON GARANTITO DA ALCUN ENTE FEDERALE | NON È UN DEPOSITO BANCARIO

NOTA INFORMATIVA:

EMEA – La presente comunicazione è stata pubblicata da Morgan Stanley Investment Management Limited (“MSIM”). Società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrata in Inghilterra con il n. 1981121. Sede legale: 25 Cabot Square, Canary Wharf, London E14 4QA.

MSIM non ha autorizzato gli intermediari finanziari a utilizzare e distribuire il presente documento, a meno che tale utilizzo e distribuzione avvengano in conformità alle leggi e normative vigenti. Inoltre, gli intermediari finanziari sono tenuti ad assicurarsi che le informazioni contenute nel presente documento siano adatte ai soggetti a cui trasmettono il presente documento alla luce delle circostanze e degli obiettivi di costoro. MSIM non può essere ritenuta responsabile e declina ogni responsabilità in merito all’utilizzo proprio o improprio del presente documento da parte degli intermediari finanziari.

Il presente documento potrebbe essere stato tradotto in altre lingue. La versione originale in lingua inglese è quella predominante. In caso di discrepanze tra la versione inglese e quella in altre lingue del presente documento, farà fede la versione inglese.

Il presente documento non può essere riprodotto, copiato o trasmesso, integralmente o in parte, e i suoi contenuti non possono essere divulgati a terzi, senza l’esplicito consenso scritto di MSIM.

Morgan Stanley Investment Management è la divisione di asset management di Morgan Stanley.

Tutte le informazioni di cui al presente documento sono informazioni proprietarie tutelate dalla legge sul diritto d’autore.

 

Es importante que los usuarios lean las Condiciones de uso antes de proceder, ya que explican ciertas restricciones legales y reglamentarias aplicables a la difusión de la información relativa a los productos de inversión de Morgan Stanley Investment Management.

Los servicios descritos en este sitio web pueden no estar disponibles en todas las jurisdicciones o para todas las personas. Para obtener más información, consulte nuestras Condiciones de uso.


Privacidad    •    Condiciones de uso

©  Morgan Stanley. Reservados todos los derechos.